HOME - Endodonzia
 
 
21 Luglio 2015

Dolore dopo un trattamento canalare, come ridurlo. Due tipologie di stumentazione canalare a confronto

di Lara Figini


Uno dei problemi maggiori che si trova a dover affrontare l'odontoiatra dopo un trattamento canalare è la gestione del dolore post-operatorio da parte del paziente. L'insorgenza del dolore dopo questi tipi di trattamenti può essere scatenata da svariati motivi tra cui: insufficiente strumentazione canalare, estrusione dell'irrigante, o dell'eventuale medicazione canalare posizionata tra una seduta e l'altra, una sovraocclusione, la non strumentazione e detersione di canali laterali o collaterali, la presenza di dolore preoperatorio, l' estrusione apicalmente di detriti derivati dalle manovre di sagomatura, e pervietà apicale.

Ma possiamo in qualche modo evitare o almeno ridurre il dolore postoperatorio ai nostri pazienti?

Negli ultimi decenni l'endodonzia ha fatto passi da gigante, passando da metodiche di strumentazioni canalari manuali a quelle rotanti al nichel titanio. Tra gli strumenti rotanti al nichel titanio più largamente utilizzati troviamo i Pro Taper, che prevedono una sequenza di 6 strumenti canalari, di cui l'SX può essere paragonato alla gates e si utilizza come primo strumento della serie per il pre-flaring coronale. Recentemente sono stati introdotti in commercio metodiche di strumentazione rotante al nichel titanio a un solo strumento. Tra questi ultimi abbiamo i WaveOne (Dentsply Maillefer, Ballaigues, Svizzera) che rappresentano un sistema alternativo di strumentazione a singolo file M-Wire , con i potenziali vantaggi che includono un numero ridotto di strumenti da utilizzare con conseguente semplificazione della metodica, più a basso costo, riduzione dello stress dello strumento per la lavorazione nel canale, migliore capacità di centraggio canalare, e l'eliminazione di contaminazione incrociata associata all'utilizzo di strumenti monouso.

In uno studio pubblicato sul Journal of Endodontics di maggio 2015 si indaga se vi possa essere differenza di dolore post-operatorio dopo un trattamento canalare eseguito con metodica Pro-taper paragonato a quello seguente a un trattamento endodontico condotto con metodica WaveOne. Gli autori hanno incluso nel loro studio quarantadue pazienti di età compresa tra i 15 ei 55 anni con diagnosi di pulpite irreversibile. I pazienti non riferivano alcuna sintomatologia pre- trattamento, e tutti i canali radicolari presentavano una curvatura fino a 25 °, misurata secondo il metodo di Schneider.

I criteri di esclusione sono stati: consumo di qualsiasi tipo di farmaco prima del trattamento, la presenza di riassorbimento interno o esterno, beanza apicale, presenza di fistole, trisma, anchilosi interna, indice parodontale con punteggio inferiore a 3, malattia sistemiche particolari, grave malposizionamento dentale, traumi pregressi, pazienti in stato di gravidanza , malocclusione grave associata a occlusione traumatica, denti anteriori, la mancanza di compliance del paziente, intolleranza del paziente ai farmaci anti-infiammatori non steroidei, e ovviamente i denti che richiedessero ritrattamento endodontico. I pazienti sono stati assegnati a random a uno dei due gruppi di trattamento:

Gruppo 1: trattamento endodontico eseguito con Pro-taper

Gruppo 2: trattamento endodontico eseguito con WaveOne

La cura canalare in entrambi è stata effettuata in due appuntamenti, ed è stata valutata, mediante scala di valutazione numerica (NRS) dopo ogni sessione, la gravità del dolore postoperatorio fino a quando è stato raggiunto il completo sollievo. Sono stati registrati il consumo di analgesici, la urata del dolore, e il tempo necessario per eseguire il trattamento canalare.

Questi i risultati ottenuti dagli autori:

Il punteggio di dolore medio secondo la scala NRS riferito dai pazienti e la durata del dolore sono risultati significativamente più elevati nel gruppo WaveOne (P <.05); Tuttavia, il consumo di analgesici medio si è dimostrato solo significativamente più alto nel gruppo WaveOne dopo il primo appuntamento (P <.05). In tutti i gruppi il più alto punteggio medio di dolore è stato visto 6 ore dopo ogni appuntamento terapeutico. Il tempo che è stato necessario per i trattamenti canalari è risultato significativamente più breve nel gruppo WaveOne (P <.001). Questi risultati possono essere dovuti dal fatto che i ProTaper sono meno aggressivi dei WaveOne all'interno dei canali e producono una minore estrusione di detriti all'apice. Anche Burklein e Schafer 2012 hanno dimostrato che la completa sequenza di strumentazione rotante è associata a un minor quantitativo di estrusione apicale di detriti rispetto all'uso di un sistema reciproco a singolo file .

La rotazione continua sembra garantire un miglior trasporto coronale di chip dentinali e detriti, agendo come una coclea, con conseguente minor estrusione apicale di questi stessi. Questo potrebbe spiegare la maggiore intensità del dolore, il maggior consumo di analgesici, e la maggior durata del dolore nel gruppo WaveOne. Inoltre, nella tecnica di strumentazione WaveOne a file singolo, il file utilizzato è relativamente rigido, con una notevole conicità e che viene spostato apicalmente fino a raggiungere la lunghezza di lavoro. Questo metodo può creare un effetto pistone e spingere più facilmente i detriti attraverso il forame apicale pervio.

Inoltre la strumentazione WaveOne non prevede la fase di allargamento coronale precoce; mentre nella motodologia ProTaper il file Sx viene usato inizialmente per ottenere un pre- flaring coronale. E'stato dimostrato che la tecnica crown-down è associata a minor estrusione di detriti rispetto ad altre tecniche di strumentazione . Pertanto, è possibile che grazie alla fase di pre-flaring prevista nella strumentazione con Protaper si produca minor dolore postoperatorio dovuto a una minor estrusione oltre apice di detriti.

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33

Bibliografia:

- S. Burklein, E. Schafer Apically extruded debris with reciprocating single-file and full-sequence rotary instrumentation systems J Endod, 38 (2012), pp. 850-852

- M.A. al-Omari, P.M. Dummer Canal blockage and debris extrusion with eight preparation techniques J Endod, 21 (1995), pp. 154-158

- Nekoofar MH, Sheykhrezae MS, Meraji N, Jamee A, Shirvani A, Jamee J, Dummer PM Comparison of the effect of root canal preparation by using WaveOne and ProTaper on postoperative pain: a randomized clinical trial. J Endod. 2015 May;41(5):575-8

Articoli correlati

Sul tema il prof. Gagliani si pone tre domande ed una considerazione: siamo sicuri che la futura odontoiatria abbia ancora bisogno di queste torture mentali


Uno studio in vitro di laboratorio su ratti, che verrà prossimamente pubblicato sull’International Endodontic Journal, gli autori hanno valutato l’effetto dell’eccessiva assunzione di...

di Lara Figini


L’infezione persistente dopo il trattamento canalare può causare la mancata guarigione delle lesioni periapicali ed è indice della necessità di un ritrattamento ortogrado o...

di Lara Figini


Il dolore post-operatorio endodontico dipende da un’infiammazione acuta del tessuto periradicolare; può verificarsi tra il 3% e il 58% dei casi e può dipendere anche da età,...

di Lara Figini


Altri Articoli

Sarà possibile scaricarlo già dopo la prima dose, l’alternativa è il tampone. Ecco per cosa servirà e come ottenerlo


Chiarello: posticipare per consentire ai nostri consulenti di completare il conteggio delle nostre dichiarazioni


L’obiettivo dell’auto check-up è quello di sensibilizzarli sull’importanza di mantenere comportamenti sani per la tutela della salute, cominciando da bocca e denti


Alleanza per la Professione Medica presenta mercoledì 28 luglio il suo “Manifesto per il rilancio della sanità italiana”


Nuove scadenze per i versamenti delle tasse e degli acconti, contributi per chi acquista e sulla commissione del POS e bonus sanificazione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I rischi dell’implantologia “fai da te”