HOME - Farmacologia
 
 
08 Marzo 2016

Articaina o lidocaina, quale utilizzare? La letteratura non aiuta nella scelta

di Adamo Calatroni


"Le infiltrazioni buccali di articaina non sono più efficaci rispetto al blocco del nervo alveolare inferiore con lidocaina e la decisione sul tipo di anestetico da utilizzare dovrebbe essere basata su considerazioni legate al paziente, al costo e alle tempistiche".

È la conclusone di una revisione della letteratura condotta da George Battler e Jamshaid Mansoor della Scuola di Odontoiatria dell'Università di Manchester per cercare di rispondere a uno dei classici dilemmi in tema di anestesia locale in ambito odontoiatrico. Come si vede, tuttavia, le evidenze scientifiche forniscono una risposta piuttosto debole e ancora provvisoria, dovuta anche alla cattiva qualità degli studi pubblicati fino ad oggi.

I ricercatori hanno deciso di includere nell'analisi solo trial randomizzati controllati che abbiano confrontato i due anestetici su molari mandibolari permanenti e ne hanno trovato solo due, che hanno mostrato percentuali di successo della lidocaina tra il 55,6 e il 69,2 per cento e dell'articaina tra il 65,4 e il 70,4 per cento e non sono stati in grado di determinare una differenza significativa tra le due tecniche. Battler e Mansoor hanno dunque suggerito di condurre nuovi studi con metodologie più rigorose: progettati in crossover, con pazienti raggruppati per fasce omogenee di età, con criteri di inclusione stringenti, con definizione precisa dell'anestesia somministrata, con misurazione oggettiva dei risultati e con un confronto effettuato sui denti controlaterali.

La lidocaina è ritenuta da molti il gold standard per anestetizzare i molari mandibolari, tuttavia l'articaina sta conquistando una popolarità crescente grazie alla semplicità di somministrazione e alla comodità per i dentisti. La lidocaina, sintetizzata nel lontano 1943 è stato il primo anestetico ammidico reso disponibile per i dentisti; nel Regno Unito resta il più popolare tra gli anestetici locali con oltre 20 milioni di fiale vendute nel 2008, ma si tratta di un dato fortemente in calo rispetto a dieci anni prima quando erano state 35 milioni, mentre parallelamente si è assistito a una diffusione crescente dell'articaina.

"Tuttavia - concludono i ricercatori di Manchester - dato che il costo di una fiala di lidocaina in Gran Bretagna è inferiore a quello dell'articaina se ne può probabilmente dedurre che la lidocaina si conferma al momento come la metodica maggiormente costo-efficace per il dentista".

Adamo Calatroni

Per approfondire: Bartlett G, Mansoor J. Articaine buccal infiltration vs lidocaine inferior dental block - a review of the literature. Br Dent J. 2016 Feb 12;220(3):117-20.

Articoli correlati

Nei giorni scorsi a Verona, stando a quanto ha pubblicato la stampa locale, i genitori di una neonata nata morta avrebbero denunciato che la causa del decesso sarebbe da attribuire all’anestesia a...


La rimozione dei terzi molari mandibolari impattati è una comune procedura dento-alveolare eseguita in chirurgia orale e maxillo-facciale, con diversi livelli di difficoltà...

di Lara Figini


Di recente sono state pubblicate due revisioni sistematiche della letteratura scientifica che analizzano l’efficacia di diverse soluzioni anestetiche e il rischio di danno...

di Lucia Sardi


Quanto è efficace e quanto evita l’anestesia generale?

di Lara Figini


Altri Articoli

1.200 cliniche dentali presenti su tutto il territorio spagnolo apriranno le loro porte alle future mamme. Questi gli aspetti chiave da seguire suggeriti alle donne in gravidanza


Collaboratori, titolari di studio e team odontoiatrico, visti dal consulente di gestione. Le criticità, i consigli e le “soluzioni”


FESPA denuncia la mancanza di dotazione minima strutturale degli ambulatori Odontoiatrici del Verbano Cusio Ossola che ora rischiano la chiusura


A rischio 17 mila posti di lavoro, emendamento che impedirebbe ad una fascia considerevole di popolazione di accedere a cure odontoiatriche di qualità e a costi accessibili


Ghirlanda: ‘’nessuno chiede la chiusura di questi centri e, di conseguenza, non esiste alcun rischio occupazionale, sarà una loro libera scelta se adeguarsi alle regole’’


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi