HOME - Farmacologia
 
 
30 Aprile 2007

Allo studio un farmaco che rende reversibili gli effetti dell’anestesia locale

di Debora Bellinzani


Negli Stati Uniti è in studio un nuovo farmaco capace di contrastare gli effetti indesiderati dell’anestesia locale: si tratta di un agente in grado di ridurre la sensazione di gonfiore e la mancanza di sensibilità e di portare i tessuti del cavo orale alla condizione di normalità in un tempo decisamente inferiore rispetto a quello attualmente necessario.
I trial clinici non sono ancora terminati, ma l’azienda statunitense che produrrà il farmaco ha dichiarato che i risultati degli studi finora condotti hanno raggiunto gli obiettivi sperati sia nei pazienti adulti sia nei bambini. I risultati sono stati presentati il 21 marzo scorso a New Orleans, negli Stati Uniti, nel corso dell’85° congresso annuale dell’ International Association of Dental Research, ente statunitense che promuove la ricerca scientifica in campo odontoiatrico con lo scopo di migliorare la salute orale nel mondo.
Il farmaco in studio è stato chiamato NV-101 e il principio attivo è la fentolamina mesilato, un antagonista dei recettori alfa-adrenergici. I primi risultati dicono che l’utilizzo di fentolamina mesilato dimezza i tempi di recupero della funzionalità dei tessuti orali: i pazienti che avevano ricevuto l’anestesia locale in un’area della mandibola hanno visto i tempi ridotti del 54,8 per cento, e i pazienti sottoposti ad anestesia in un’area della mascella hanno sperimentato una riduzione del 62,3 per cento.
E’ prevista l’approvazione da parte della Food and Drug Administration nella seconda metà del 2007.

Fonte: press release dell’International Association of Dental Research (Iadr, www.dentalresearch.org).

GdO 2007; 7

Articoli correlati

La rimozione dei terzi molari mandibolari impattati è una comune procedura dento-alveolare eseguita in chirurgia orale e maxillo-facciale, con diversi livelli di difficoltà...

di Lara Figini


Uno degli inconvenienti che spesso affligge operatore e paziente durante le procedure odontoiatriche è l' induzione del dolore causato dall'iniezione in fase di anestesia. In particolare, i...


ObiettiviLa letteratura descrive diverse complicazioni derivate dall'uso di anestetici locali, tra le quali ricordiamo la necrosi tessutale da anestetico. Viene presentato un caso di tale complicanza...


Lagoftalmo, iniezione intravasale, lesioni del tronco nervoso. Le complicanze di un’anestesia locale in odontoiatria sono poco frequenti e generalmente reversibili; nulla a che vedere con quella...


I filosofi stoici combattevano le paure con la pratica dell’attenzione, i martiri cristiani invece tendevano a ignorare i mali del corpo concentrando la loro mente altrove, verso l’idea di Dio....


Altri Articoli

Presentato il suo nuovo sito internet con una nuova veste grafica e una soluzione di e-commerce migliorata, che offre una procedura d’ordine semplificata e più efficiente


Molti i dubbi sulle modalità di applicazione per studi e laboratori. ANTLO: molto dipenderà dai decreti attuativi


INAIL: 8 infezioni su 10 sono in ambito sanitario ma dopo il lockdow scendono tra le professioni sanitarie ed aumento di altri settori di attività. I pochi dati sull’odontoiatria, rassicurano


Tra le richieste anche quella di sostenere la produzione europea. Già oggi in commercio prodotti riciclabili che rispettano le indicazioni ministeriali, l’ambiente e risultando anche economici


Finisce davanti al giudice la richiesta di un ASO che riteneva i problemi a schiena e spalle fossero di natura professionale. Riconosciuto l’indennizzo per l’inabilità certificata


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio