HOME - Farmacologia
 
 
30 Aprile 2007

Cura farmacologica contro il bruxismo

di Debora Bellinzani


I più recenti studi riguardanti il bruxismo notturno dimostrano che il processo fisiologico che dà origine al disturbo nasce da un microrisveglio più intenso del normale, ossia da una brevissima attivazione del sistema nervoso simpatico. L’attivazione del sistema nervoso simpatico che si verifica durante il microrisveglio fa sì che i muscoli elevatori (temporale, massetere e pterigoideo mediale) e i muscoli abbassatori (miloioideo, genioioideo e digastrico) si attivino contemporaneamente, dando luogo a una contrazione, cosa che nella masticazione non avviene mai.
Scoprire quali sono esattamente le caratteristiche fisiologiche del bruxismo notturno è molto importante perché può aprire la strada a trattamenti finora impensati.
“Oggi, con le conoscenze di cui disponiamo - afferma Gilles Lavigne, responsabile del Laboratorio di neurofisiologia clinica e docente presso la Facoltà di odontoiatria dell’Università di Montréal, in Canada - abbiamo potuto condurre studi farmacologici su sostanze capaci di prevenire la sovreccitazione del sistema nervoso simpatico. La clonidina, per esempio, è una sostanza che agisce sul sistema cardiaco favorendo l’attività del sistema nervoso parasimpatico rispetto a quello simpatico e diminuisce l’intensità dei microrisvegli: con essa si ottiene una riduzione del 60 per cento del bruxismo notturno in soggetti predisposti.”
Proseguendo con le indagini su questa strada si potranno forse trovare altre sostanze che diano risultati migliori e siano in grado di evitare gli effetti collaterali negativi della clonidina, la quale induce una ipotensione prolungata la mattina successiva all’assunzione.

Arch Oral Biol 2007; 52(4):381-4 “Genesis of sleep bruxism: motor and autonomic-cardiac interactions”

GdO 2007; 7

Articoli correlati

Il bruxismo notturno (SB) è un’attività muscolare masticatoria involontaria eseguita durante il sonno e può essere ritmico (fasico) o non ritmico (tonico). La sua prevalenza...

di Lara Figini


"Non c'è nessun limite all'utilizzo da parte dell'Odontoiatra della Tossina Botulinica per trattare affezioni come bruxismo e "gummy smile" nel suo studio". Lo afferma l'Agenzia del Farmaco...


Il bruxismo durante il sonno (SB) è purtroppo un fenomeno sempre più comune anche nei bambini [Manfredini 2013].Alcuni comportamenti legati al sonno, come il russare, la...


Secondo la definizione proposta da Lobbezoo e altri nel 2013, il bruxismo è un'attività ripetitiva dei muscoli masticatori caratterizzata da serramento o usura dei denti e/o da un...


Altri Articoli

La fotografia della sanità integrativa per le cure odontoiatriche attraverso i numeri e le criticità per pazienti e dentisti e la proposta di spostare i 4 miliardi di defiscalizzazione per...


Corsi di aggiornamento gratuiti per l’aggiornamento obbligatorio. Possono aderire gli ASO dipendenti degli studi odontoiatrici aderenti a Fondoprofessioni.


Bilancio dell’Ente previdenziale di medici e dentisti sugli aiuti erogati ed alcune precisazioni utili per chi non li ha ricevuti ma ancora potrebbe


Ricercatori italiani hanno misurato l’incidenza della carie sulla base degli indicatori economici e sociali. L’Italia retrocede rispetto ad altri Pesi europei. Prof.ssa Strohmenger: “servono...


Faranno parte della CAO provinciale anche Raimondo Raffaele, Gemelli Andrea, Noce Daniele,Tomasin Lisa


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio