HOME - Farmacologia
 
 
23 Luglio 2012

Antibiotici e pazienti con protesi articolari

Utilizzo dei farmaci nello studio odontoiatrico

di Renato Torlaschi


PillolePillole

Nei reparti ortopedici di tutto il mondo, gli interventi di artroprotesi, soprattutto all'anca e al ginocchio, sono sempre più diffusi. In questi pazienti è essenziale contrastare le infezioni protesiche ed è ancora vivo il dibattito riguardo all'opportunità di una profilassi antibiotica quando vengono sottoposti a procedure odontoiatriche. La cover story del numero di dicembre di Jada propone una ricerca su questo tema svolta da Daniel D. Skaar e dai suoi colleghi dell'Università del Minnesota.
Servendosi dei dati di un sondaggio, relativi alle prestazioni pagate dal programma assicurativo Medicare nel decennio tra il 1997 e il 2006, gli autori hanno identificato i soggetti sottoposti ad artroplastica totale e quelli che hanno avuto un'infezione protesica. Una successiva analisi è stata poi condotta allo scopo di verificare se esiste un'associazione tra gli episodi infettivi e l'esecuzione di procedure odontoiatriche invasive. L'analisi statistica time-to-event ha portato alla conclusione che non esiste alcuna correlazione significativa. Un risultato analogo è stato ottenuto estendendo la ricerca dagli interventi invasivi a tutti i trattamenti odontoiatrici.

La profilassi antibiotica
Nel 2009, la American Academy of Orthopaedic Surgeons (la più importante associazione degli ortopedici statunitensi) aveva raccomandato di associare le procedure odontoiatriche invasive a profilassi antibiotica per tutti i pazienti con protesi articolare. Queste linee guida erano già state oggetto di critiche perché non fornivano indicazioni precise. Ora, secondo il dottor Skaar, le evidenze dovrebbero portare a una revisione delle raccomandazioni e limitare la somministrazione di antibiotici a casi particolari, come i pazienti immunocompromessi, chi ha comorbidità ad alto rischio o ha già avuto precedenti infezioni protesiche.

Jada 2011;142;1343-51

Leggi anche:
- Acido acetilsalicilico a basse dosi per la malattia parodontale

GdO 2012;8:12

Articoli correlati

La zirconia (ZrO2) è una ceramica policristallina ad alta resistenza ed è considerata un materiale adatto per corone singole (SC) e protesi dentali fisse a più elementi (FDP),...

di Lara Figini


In ambito implanto-protesico talvolta, anche di fronte a impianti completamente osteointegrati, esiste il rischio di riassorbimento osseo nelle regioni perimplantari, attivato o...

di Lara Figini


La tecnologia dentale digitale ha recentemente acquisito una notevole popolarità ed è stata ormai ampiamente incorporata nel flusso di lavoro protesico e implantare.Per i...

di Lara Figini


L’uso della zirconia in odontoiatria restaurativa è cresciuto esponenzialmente negli ultimi dieci anni. Le prime formulazioni di zirconia erano state utilizzate principalmente...

di Allegra Comba


In questo articolo Enrico Ferrarelli e Gilberto Gallelli hanno messo a confronto i protocolli analogici e digitali prendendone il meglio da entrambi, documentando con immagini e video


Altri Articoli

Alcune considerazioni di Maurizio Quaranta sul tema dell’Iva sui riuniti odontoiatrici nate da incomprensioni sulla lettura del Dl 34/2000 


Concorso per esami con prova scritta ed orale. Le domande solo online entro il 17 dicembre 2020, questi i requisiti necessari per candidarsi


Video intervista al prof. Roberto Burioni per capire le varie differenze tra i test per individuare il Covid, il ruolo di dentisti ed igienisti dentali ed i consigli nella prevenzione del contagio in...


Rinnovate le cariche istituzionali per i prossimi 3 anni del Consiglio Direttivo, Collegio dei Probiviri, Collegio dei Revisori dei Conti


Per il dott. Massimo Corradini questa è una incongruenza. Le sue riflessioni ripercorrendo le tappe che hanno portato l’istituzione della professione odontoiatrica


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Sileri: serve un restyling della professione ponendola come branca nobile della medicina