HOME - Gestione dello Studio
 
 
09 Marzo 2016

Subentro nello studio odontoiatrico e cessazione d'attività. I tre Step fondamentali


Il ritiro dall'attività professionale è sempre un momento complesso, per chi chiude e per chi eventualmente subentra.

Si tratta di una situazione nella quale possono presentarsi diverse fattispecie con diverse implicazioni giuridiche.

La prima ipotesi è quella in cui l'odontoiatra progressivamente rallenta il flusso clinico, chiude i casi in corso e decide, quindi, di cedere attrezzature e locali.

In questa ipotesi, il dentista può quotare i beni e le attrezzature, e avviare la pratica di cessione e subentro di altro professionista, che sfrutterà solo il fatto che "storicamente" in quel punto c'è un dentista. Nessuna attività di passaggio della clientela se non un corretto e onesto passaparola di aver venduto a un collega regolarmente iscritto all'Ordine, intenzionato a sviluppare la sua attività odontoiatrica in quella zona.

Diverso è il caso in cui la cessazione dell'attività avvenga attraverso una diminuzione progressiva delle ore di lavoro, per scelta o per motivi di salute.

Qui si pongono due ordini di problemi: il valore dell'attività ceduta e la responsabilità professionale.

Sul primo punto gli aspetti da chiarire sono i seguenti: con quale progressione l'attività andrà a scalare e per quali discipline esercitate, qual è l'ammontare del riscatto dell'attività auspicato e successivamente concordato

Identificato poi il o i colleghi subentranti, gli step del subentro sono:

1. Frequentazione periodica dello studio da parte del collega o dei colleghi subentranti per 3 mesi.

2. A seguito dei 3 mesi di frequentazione conferma delle intenzioni reciproche (l'attività si rivela adatta al subentrante il subentrante si rivela adatto ai pazienti)

3. Preliminare di intesa in cui si disciplinano i valori, il metodo di subentro, i rapporti con eventuali altri colleghi e collaboratori.

I commercialisti sono la figura più importante di queste situazioni: devono infatti conoscere la situazione globale dei loro clienti per consigliarli al meglio.

Da un lato infatti occorre calcolare la stima dell'attività in essere, dall'altra c'è l'aspetto della tassazione. Vanno illustrati pro e contro di ogni possibile modalità di cessazione, in modo che il professionista possa realizzare il suo progetto su misura.

Circa poi il contratto di cessione, è opportuno che lo stesso sia redatto in collaborazione con un esperto del settore sanitario per poter disciplinare con correttezza alcuni punti cardine, quali il subentro autorizzativo ed i rapporti deontologici tra odontoiatra cedente e subentrante.

In qualità di consulente aziendale esperta del settore odontoiatrico e sanitario aiuto poi il cliente a identificare il suo obiettivo e i criteri secondo i quali vuole realizzarlo, affiancandolo durante il processo di realizzazione, coordinando i diversi ruoli le diverse necessità integrandole in funzione dell'obiettivo da realizzare.

Da ultimo aspetto di assoluto rilievo, che deve trovare spazio anche nel contratto di cessione, è quello che riguarda la responsabilità sanitaria

L'odontoiatra subentrante infatti proseguendo i casi clinici aperti, accetta in modo implicito l'impostazione terapeutica adottata e risponde delle cure realizzate anche antecedentemente al subentro: l'unico modo per poter limitare la responsabilità dell'odontoiatra subentrante è la sottoscrizione da parte del cedente di una manleva con la quale si assume la responsabilità per le cure eseguite prima della data di cessione.

A cura di: Roberta Pegoraro, consulente azienda

Per approfondire leggi anche:

24 Febbraio 2016: Deciso di cambiare o lasciare la professione. Meglio pensarci per tempo e preparare un progetto di subentro o cessione

Questo argomento sarà approfondito durante l'evento che si terrà ad ASTI sabato 16 aprile 2016. Tra i relatori l'autrice di questo approfondimento, il dott. Andrea Testoni (dottore commercialista revisore contabile) e l'Avv. Silvia Stefanelli (esperta in diritto sanitario).

Articoli correlati

Pubblicato uno dei primi lavori europei riguardante l’impatto che il Covid-19 ha avuto sugli odontoiatri. Ricerca condotta grazie alla collaborazione tra Federazione Regionale degli Ordini...


Il Consejo Dentistas spagnolo ha pubblicato delle Linee Guida di protezione e di riduzione del rischio di trasmissione che possono aiutare l’odontoiatra a gestire la situazione...


Denunciato in Abruzzo abusivo sia odontoiatrico che odontotecnico


La Guardia di Finanza ha denunciato a Nizza Monferrato (provincia di Asti) un diplomato odontotecnico, con trascorsi da imprenditore della ristorazione, per esercizio abusivo della professione di...


Altri Articoli

Aziende     15 Gennaio 2021

Il 2021 visto dal Phibo

L’odontoiatria digitale, le nuove acquisizioni, il CEO ed il Direttore dell'Innovazione del  Gruppo Phibo svelano i progetti futuri


L’obiettivo è fare in modo che la pensione spettante a vedove e orfani sia calcolata sull’importo a cui il familiare deceduto avrebbe avuto diritto al termine della propria carriera


Il neo assessore Moratti conferma il ruolo degli Ordini provinciali nella raccolta dei nominativi degli aderenti 


Assunzione a tempo indeterminato, la candidatura al concorso deve pervenire entro l’11 febbraio 2021


Rispondendo ad Odontoiatria33 il Commissario Straordinario conferma che non è possibile modificare in questa fase le priorità indicate nel piano vaccinale


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La professoressa Antonella Polimeni si racconta