HOME - Gestione dello Studio
 
 
19 Aprile 2016

La prima impressione è quella che conta, anche per il dentista. Come preparasi in tre mosse


Sappiamo che un libro non va acquistato solo perchè ha una bella copertina e con un po' di attenzione possiamo evitare un acquisto compulsivo.

Per le persone è diverso, quando vediamo un volto nuovo, il nostro cervello decide in un decimo di secondo se è attraente e affidabile .

A dimostralo con uno studio è Alex Todorov psicologo e ricercatore presso la Princeton University (New Jersey USA). 200 studenti hanno visionato per 100, 500 millisecondi i volti di persone sconosciute. Subito dopo veniva richiesto un giudizio sotto forma di scoring su attrazione, simpatia, affidabilità e competenza. Le conclusioni sono risultate molto omogenee, alcuni esseri umani risultano più affidabili di altri in un batter di ciglia.

I risultati di questo studio ci toccano da vicino come professionisti della salute: fare un' ottima prima impressione è fondamentale e non c'è mai una seconda occasione per rimediare ad eventuali errori.

Jay Geier da anni si occupa di formazione manageriale del personale sanitario attraverso lo"Scheduling Institute" di Atlanta (USA). Nel suo Blog ci spiega le tre cose su cui lavorare per realizzare una prima impressione da schianto:

A) L'aera reception è il portale di accesso allo studio, segui queste 6 regole:

  1. Il colore tenue o pastello delle pareti sempre rinnovato.
  2. Controlla che non ci siano odori sgradevoli, utilizza gli spandi profumo.
  3. Offri bevande calde/ fredde ai pazienti in sala d'attesa.
  4. Fai in modo che la zona sia sempre luminosa, se possibile con luce naturale.
  5. Controlla ogni giorno le riviste che siano recenti e in buono stato.
  6. Chiedi una consulenza a una paziente, una donna quarantenne, la decision maker in famiglia, chiedile di descrivere cosa non gradisce nella tua area reception.

B) E' la tua immagine che crea "fiducia". Lavorare a 10 cm dal viso del paziente, nella sfera dell' intimo, secondo le regole della prossemica impone una meticolosa cura dell' igiene personale, trucco moderato, barba e capelli molto curati. Il camice fresco di lavanderia, privo di macchie indelebili dei materiali da impronta o di ipoclorito. Chiedi consiglio a un famigliare, collaboratore che ogni giorno ti dica se qualcosa nel tuo aspetto può essere migliorato.

C) L'immagine dello staff riflette la tua immagine. Assicurati i che sia positiva. Le uniformi che utilizzate sono chic,sempre curate e fresche di bucato? Non è semplice spiegare all'assistente di migliorare il trucco o i capelli, però nel team si impara per "imitazione" quindi conviene iniziare a lavorare su se stessi. Non dimenticare che hai solo un decimo di secondo a disposizione per poter fare "bella figura".

A cura di: Davis Cussotto (nella foto), odontoiatria libero professionista Twitter @DavisCussotto

Articoli correlati

WhatsApp è diventato il sistema di messaggistica istantanea più diffuso, soppiantando completamente i vecchi SMS: 1,3 miliardi sono gli utilizzatori nel mondo . Secondo il prestigioso...


I nuovi modelli di consumo collaborativo basati sulla condivisione di beni e di servizi piuttosto che sulla proprietà sono le basi della cosiddetta sharing economy. Sotto la spinta della...


Il software gestionale è un insieme degli applicativi che automatizzano i processi di gestione all'interno dell'azienda studio dentistico.Nell'ultimo decennio hanno avuto un forte sviluppo e...


Perché il passaparola è lo strumento di marketing nei servizi? La risposta nasce dalla disamina dei principi di gestione di un servizio. E la prestazione dentale è un servizio....


La ricerca scientifica legata ai nuovi materiali dentali, sotto la spinta del CAD CAM, ha fatto crescere il ventaglio delle possibilità a disposizione del clinico quando deve restaurare un...


Altri Articoli

L’On Boldi presenta un emendamento al decreto mille proroghe che punta ad abolire la norma. Dalle carte emerge che l’obiettivo del Governo era risparmiare e non combattere il nero


Nei giorni scorsi il Sole 24 Ore ha pubblicato un bilancio del primo anno di fatturazione elettronica, in realtà come spesso capita con la pubblica amministrazione i dati non sono proprio...

di Norberto Maccagno


Il racconto di un caso di odontoiatria legale consente alla dott.ssa Maria Sofia Rini di portare alcune considerazioni sul rapporto fiduciario medico paziente


Per il presidente CAO Cuneo la questione è il diritto del paziente ad affrontare il pagamento come crede  e senza discriminare il privato verso il pubblico


Organizzato per giovedì 23 gennaio 2020 da ANOMEC a Milano, un evento dal titolo: “Costi di gestione dello studio e convenzioni sanitarie: due realtà incompatibili?”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni