HOME - Gestione dello Studio
 
 
25 Maggio 2017

Quanto devo pagare il mio collaboratore? Le indicazioni dell'esperto per stabilire le corrette percentuali


È sempre difficile, nel corso nel primo incontro con un potenziale cliente, rispondere alla domanda: "Se pago un professionista esterno il 40% di quanto incasso per l'area ortodonzia (o per l'area igiene, ecc.) è un compenso corretto?"

È difficile perché per alcuni Studi odontoaitrici il 40% potrebbe essere una percentuale sostenibile: per altri no.

Per rispondere in modo adeguato e preciso e fondato alla domanda, sono necessarie tre tipi di analisi:

1) analisi storica dell'andamento economico-finanziario dello Studio, che determina quali sono state le percentuali di incidenza delle diverse tipologie di costo (fisse e variabili) rispetto agli incassi o ricavi ottenuti negli ultimi 3/5 anni, considerando tutte le prestazioni odontoiatriche nel loro complesso;

2) analisi storica dell'andamento economico-finanziario per singola area, che calcola le suddette incidenze ma relativamente ad una o più categorie di prestazioni odontoiatriche (igiene, conservativa, ortodonzia, ecc. );

3) simulazione (budget) del mantenimento dell'equilibrio economico-finanziario nell'ipotesi di introduzione di nuovi costi di gestione.

Facciamo un esempio - puramente indicativo negli importi[1] - per chiarire questo concetto.

Supponiamo di valutare l'inserimento di una nuova risorsa nel team (come collaborazione esterna) e che, quest'ultima, ci richieda come compenso una percentuale pari al 30% degli incassi ottenuti.

Come posso verificarne la sostenibilità per il mio Studio?

Dopo aver effettuato l'analisi storica dei costi dell'area in questione, si determinano i seguenti risultati:

 

Voce

Importo

Incidenza % sugli incassi

Incassi

100.000

---

- Costi variabili

- 20.000

20%

- Costi fissi (*)

- 40.000

40%

Margine

40.000

40%

 (*) compresi il compenso al Titolare e l'utile desiderato

La suddetta analisi ci conferma che l'inserimento del nuovo collaboratore con un compenso pari al 30% degli incassi sostenuti risulta sostenibile, infatti il margine finale rimane positivo:

Voce

Importo

Incidenza % sugli incassi

Incassi

100.000

---

- Costi variabili (**)

- 50.000

50%

- Costi fissi (*)

- 40.000

40%

Margine

10.000

10%

(*) compresi il compenso al Titolare e l'utile desiderato

(**) è stato aggiunto il 30% del costo della nuova risorsa

Qualora, ad esempio, l'incidenza dei costi fissi fosse maggiore e calcolata nel 60% degli incassi ottenuti:

Voce

Importo

Incidenza % sugli incassi

Incassi

100.000

---

- Costi variabili (**)

- 50.000

50%

- Costi fissi (*)

- 60.000

60%

Margine

-10.000

-10%

(*) compresi il compenso al Titolare e l'utile desiderato

(**) è stato aggiunto il 30% del costo della nuova risorsa

Risulta, infatti, che il compenso richiesto non è sostenibile dal mio Studio, a meno che io non scelga di essere in perdita in quella determinata area, perché funzionale ad altre prestazioni ad alta redditività.

Appare chiaro che una approfondita analisi dei costi dello Studio Dentistico e l'introduzione di un sistema di budgeting costante permette di mantenere positiva la redditività delle singole prestazioni odontoiatriche e pertanto anche l' equilibrio economico e finanziario complessivo.

A cura di: di Massimo Depedri: Consulente economico-finanziario e fiscale, esperto in Controllo di Gestione, founder di aula41



[1] L'esempio è volutamente ipersemplificato (ad esempio non si tiene conto di variazioni significative nel fatturato) per esigenze esplicative. Nella realtà dei fatti importi e relativi calcoli sono, ovviamente, ben più complessi. Ciò che ci sembra importante in questa sede è evidenziare la logica di fondo con cui vanno calcolati i compensi ai collaboratori esterni.

 

Articoli correlati

Tutto il mondo è paese potremmo dire dopo aver analizzato i dati divulgati dal National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) riferiti al 2015-2016 e diffusi in questi gironi....


La richiesta d'informazioni ricevuta da "Le Iene", in merito al mercato dell'amalgama, mi ha portato ad approfondire alcuni aspetti che normalmente tralasciamo, essendo questo comparto in pieno...


Introdotto con la precedente legge di stabilità, se verrà confermato il testo presentato dal Governo al Parlamento anche per il 2017 sarà possibile usufruire del maxi...


Dal punto di vista del rapporto costo-beneficio sono migliori gli impianti singoli o le protesi fisse? Charles J. Goodacre e W. Patrick Naylor della Loma Linda University, in California, hanno...


Ad abolire era stato il decreto Bersani per favorire la concorrenza. Ora, sempre per favorire la concorrenza, la Commissione Lavoro del Sentato punta a reintrodurre nel Ddl sul lavoro autonomo, il...


Altri Articoli

“I medici ignoranti danneggiano anche te.Pensate che il vostro dottore sia professionalmente valido? Chiedetegli se, ogni anno, partecipa alla formazione obbligatoria per la sua...

di Norberto Maccagno


Nella prima riunione raccolto il sostegno di PD, FI e Fratelli d’Italia. L’iter ora prevede audizioni di esperti e delle associazioni di pazienti


Dal presidente ANTLO Mauro Marin le previsioni per il futuro della professione che è a rischio sopravvivenza a seconda delle scelte che verranno o non verranno prese


Il punto e le proposte del Collegio Italiano dei Primari Ospedalieri ANPO per una nuova odontoiatria di comunità


Attivato dal dipartimento di Discipline chirurgiche, oncologiche e stomatologiche, iscrizioni entro il 7 gennaio


 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


11 Dicembre 2019
Cercasi odontoiatra con esperienza a Brandizzo (To)

Il Centro Chirurgico, con esperienza di oltre 30 anni nel settore (vedi sito www.centrochirurgicosrl.it), cerca odontoiatra per collaborazione in conservativa, endodonzia e chirurgia estrattiva. E' richiesta la disponibilita' di due giornate a settimana. Inviare C.V.

 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi