HOME - Gestione dello Studio
 
 
27 Luglio 2018

Come ogni studio può creare il suo Brand

L’esperto: strumento utile sia per il piccolo studio che per quello più strutturato

di Davis Cussotto


La parola inglese “brand” viene tradotta in italiano con “marca” o “marchio”, termine utilizzato nel mondo del marketing aziendale per identificare un determinato bene o servizio. Il punto di partenza per utilizzare questo potente canale di comunicazione è creare la vera essenza del branding: la creazione del logo del vostro studio dentistico. 

Se andate su Google e formulate la query dentista/logo/immagini troverete un vasto campionario di loghi di colleghi virtuosi. Alcuni sono assai gradevoli, del resto viviamo nel Paese dell’arte e della creatività. 

Far realizzare un logo vettoriale da un grafico può costare al massimo come una corona in porcellana, una spesa che vale la pena affrontare. Ovviamente ci sono anche servizi online che vi aiutano ad auto-crearli o ve li creano a distanza. Il consiglio è però quello di affidarsi ad un professionista spiegando quali sono le vostre esigenze e aspettative.Il secondo passo è arricchire la targa dello studio, il biglietto da visita, la carta intestatadove stamperete i preventivi, il sito web, le magliette del team, lo spazzolino da denti e quant’altro vi viene in mente con logo dello studio. 

Questi semplici elementi sono così trasformati in strumenti di marketing, parti della stessa famiglia comunicativa che identifica il brand dello studio.

  • La coerenza di stile, logo, contenuti e font rassicurano il paziente che per la prima volta si approccia allo studio e aiutano a fidelizzare chi già è in cura.
  • Lo stile grafico è meglio sia univoco e coerente in ogni documento che produciamo. I documenti buttati lì a caso perchè progettati in epoche diverse da persone diverse comunicano confusione e disorganizzazione e non giovano al successo. 
  • La coerenza comunicativa, assume un valore anche maggiore quando ci troviamo sul web. Il logo deve essere lo stesso sulla pagina Facebook, sul sito web e sui social e/o portali che intendiamo utilizzare.
  • La brandizzazione dello studio, ossia l’inserimento del logo nelle varie funzioni, se realizzata in modo progressivo non richiede investimenti onerosi. 

Dovendo creare una road mapdarei la priorità a 3 elementi: targastampe web. A seguire molto altro a seconda del budget che intendete investire e della vostra creatività.  Creato il brand dobbiamo chiederci: è degno di attirare i pazienti?

Per attirare è necessario che il vostro brand si differenzi in un certo modo dagli altri, che offra qualcosa che rappresenti un servizio di nicchia nel territorio in cui opera. Maggiore sarà la capacità che ha di offrire qualcosa che attiri di per sé, più facile sarà sviluppare una strategia di comunicazione adeguata

Alcuni esempi di servizi di “nicchia” su cui far leva. Li elenchiamo mescolando attività cliniche ed extracliniche poiché ai fini del branding non fa differenza. 

  • trattamento delle OSAS;·      trattamento pazienti special needs;·      ortodonzia con allineatori trasparenti;
  • pedodonzia;
  • servizio di igiene;
  • diagnosi precoce della carie con la transilluminazione;
  • corone e intarsi in same day dentistry;
  • pronto soccorso festivo;
  • medicina estetica;
  • riparazione di protesi in giornata;
  • parcheggio pazienti;
  • finanziamenti a tasso zero. 

Dodici esempi ma ne esistono numerosissimi altri. Elementi che possono diventare il punto di forza per il vostro studio che informerà cittadini e pazienti dei suoi servizi parlando con i pazienti, aspetto che resta il punto più importante su cui far leva. In seconda battuta utilizzando il sito web, newsletter da dare ai pazienti in occasione delle sedute di igiene, video nella sala d’attesa.

Articoli correlati

Se è stato un post lockdown da record, che autunno potrà essere? Rosso (Key-Stone): dati contrastanti da nuove visite e preventivi accettati 


Attraverso un video dibattito si sono confrontati l’odontoiatra Tiziano Caprara e Laura Filippucci di Altroconsumo, dibattito che ha anche interessato il tema dei fondi integrativi


Con il prof. Antonio Pelliccia approfondiamo il tema della gestione dei collaboratori non tanto dal punto di vista economico ma relazionale 


Per esperienza personale, il dott. Cappelin afferma: ‘’il bene del paziente è l’unica impostazione che, al di là di tante parole, può creare realmente valore per tutti’’


''Cambiare le parole è spesso un modo per fare percepire la realtà in modo differente e quindi ‘vendere’ un diverso punto di vista'', dice motivando


Altri Articoli

Cohen (DentalPro): anche le nostre aziende sono penalizzate nonostante le nostre cliniche siano aperte e sicure 


Collaborazione che ha l’obiettivo di preparare gli studenti ad entrare nel mondo del lavoro usufruendo di servizi e attività


Potranno ottenere il 200% di quanto ricevuto con il decreto Rilancio. Stanziati anche 30 milioni per medici e pediatri che si renderanno disponibili a fare i tamponi


Il caso del dentista di Monreale positivo, riapre i dubbi sugli obblighi nei confronti del personale di studio e dei pazienti, ecco una mini guida. I dubbi sulle Aso e personale di segreteria


La CAO La Spezia manifesta la disponibilità a Regione, ASL e Provincia affinché la rete dei medici odontoiatri della provincia sia inserita nel sistema di screening attraverso l’utilizzo dei...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Emergenza Covid ed odontoiatria: il punto con il presidente Iandolo