HOME - Gestione dello Studio
 
 
05 Settembre 2018

La gestione delle emergenze nello studio odontoiatrico

AIO consiglia farmaci e presidi da avere in studio


“In odontoiatria, l’incidenza delle emergenze da trattare con ossigeno e con farmaci adeguati è prevista in crescita dato l’aumento dei pazienti cronici e disabili”.

Ad indicarlo è l’AIO che sul proprio sito fa il punto su farmaci e presidi da avere in studio (ed usare) nei casi di emergenza in cui, ricordano dall’Associazione, l’odontoiatra è chiamato a stabilizzare il paziente in attesa di un’ambulanza che indirizzi quest’ultimo a cure ad hoc. 

Le indicazioni sono fornite da Pierluigi Martini, esperto di sicurezza per AIO.



Questi presidi e strumenti consigliati da AIO:


L’ossigeno

"L’ossigeno in studio non è obbligatorio per legge ma rientra tra i farmaci irrinunciabili per un odontoiatra. All’art. 1176, comma 2 del Codice civile il legislatore sottolinea che «nell’adempimento di obbligazioni inerenti all’esercizio di un’attività professionale la diligenza deve valutarsi con riguardo alla natura dell’attività esercitata", spiega Pierluigi Martini, esperto AIO di temi di sicurezza. E’ dunque raccomandato avere in studio una bombola di ossigeno. La bombola è oggi fornita di preferenza in kit comprensivi di cannule di Mayo, pallone Ambu, maschere facciali per adulti e bambini. "Nella categoria odontoiatrica cresce la formazione all’uso di questi strumenti, ma l’attenzione alle scadenze non sempre è ottimale. Il suggerimento è rivolgersi a fornitori che aiutino il professionista a presidiare l’adempimento", aggiunge Martini. La legge 3 dell’ 11 gennaio 2018 ( Gazzetta ufficiale Serie Generale n.25 del 31-01-2018) al comma 4 dell’art. 12 prevede che, se l’assenza della bombola di ossigeno in studio può avere conseguenze irreparabili sulla salute di un paziente, il detenere ossigeno scaduto o bombole non a norma prevede una sanzione da 1.500 a 3.000 euro, salvo le conseguenze penali ed etiche per non avere salvato la vita ad un paziente. Da qui l’opportunità di un servizio agile ed accurato. Per assicurare ai soci fornitura e manutenzione AIO ha siglato un importante accordo con due realtà italiane di punta, il produttore SIAD e il distributore SB Gas, che prevede la fornitura di ossigeno in una borsa dotata dei dispositivi più aggiornati.

Defibrillatore 

In caso di arresto cardiaco è consigliato su tutto il territorio italiano di avere sempre a disposizione un defibrillatore esterno, a portata di mano e subito pronto all’uso. Spiega Martini: "La legge anti-infortuni 81/2008 non impone il defibrillatore ma il decreto ministeriale 18 marzo 2011 chiede anche agli studi, sulla base di dati epidemiologici e di afflusso d’utenza, di valutare la presenza di defibrillatori e su tale base la Toscana ha imposto il defibrillatore al dentista. In precedenza, la legge 120/2001 ha confermato l’importanza della presenza sui luoghi di lavoro di personale addestrato e dispositivi idonei a tutelare al meglio la salute dei lavoratori. Di recente Inail ha incluso l’adozione di defibrillatore e la formazione del personale al BLS-D (Basic Life Support – Defibrillator) tra le misure che consentono uno sconto sul premio assicurativo".

Medicine

Il contenuto minimo della valigetta di pronto soccorso (q.v.) da tenere in studio è regolato dal Decreto Ministero della Salute 388 del 2003. La scelta dei farmaci di “prevenzione”, di cui riportiamo un elenco da aggiornare in base alle linee guida e agli adattamenti delle indicazioni, "è determinata –ricorda Martini– dalle probabilità di presentarsi di una emergenza, dalla capacità del professionista di gestirla, dalle condizioni di conservazione e scadenza, dalla disponibilità di alternative. Regioni come la Toscana hanno disciplinato anche questo aspetto".


Articoli correlati

Dall’Università di Milano un Corso di perfezionamento


Ci sono stati tre casi di morte improvvisa avvenuti subito dopo un trattamento odontoiatrico, di cui abbiamo avuto notizia nel 2011. Si tratta fortunatamente di eventi rari ma che l'odontoiatra e il...


Queste le cause alternative rispetto a radioterapia e bifosfonati

di Lara Figini


Altri Articoli

Per ora il Centro DentalPro di Santo Stefano Magra non deve chiudere. Lo stabilisce il Consiglio di Stato con l’ordinanza 5401/2018 del 12 ottobre 2018 che ha deciso sul ricorso presentato dai...


La CAO, l’ANDI e l’AIO hanno incontrato, ieri 14 novembre al Ministero della Salute, la dott.ssa Marcella Marletta, Direttore generale della direzione per i dispositivi medici, per un incontro...


La Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri ha celebrato questa mattina i quarant’anni del Servizio Sanitario Nazionale. Era infatti il 23 dicembre del 1978...


In collaborazione con il Cenacolo Odontostomatologico Italiano si svolgerà a San Benedetto del Tronto il 16 e 17 novembre il XXII Congresso Nazionale GTO, gruppo tecnici ortodontisti, dal...


L’evoluzione del settore odontoiatrico a livello mondiale interessa, ovviamente, chi produce e vende prodotti odontoiatrici in tutto il mondo, per questo l’obiettivo della loro associazione di...


 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


28 Giugno 2018
Nuove acquisizioni in tema di placca batterica: come modificarla per renderla meno aggressiva

Il microbiota orale: i mezzi per diminuirne la patogenicità al fine di salvaguardare tessuti dentali e parodontali

 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi