HOME - Gestione dello Studio
 
 
19 Settembre 2018

Fatturazione prestazioni con iva

Quali sono, come comportarsi

Norberto Maccagno

Ai sensi dell’articolo 10, comma 1, n. 18), del D.P.R. 633/1972, sono esenti da IVA le prestazioni sanitarie di diagnosi, cura e riabilitazione rese alla persona nell’esercizio delle professioni e arti sanitarie soggette a vigilanza, ai sensi dell’articolo 99 del R.D. n. 1265/1934, ovvero individuate con decreto del Ministro della sanità, di concerto con il Ministro delle Finanze.  Recita così l’articolo di Legge che consente agli odontoiatri, igienisti dentale ma anche ai laboratori odontotecnici di emettere le fatture inerenti alle cure o alla realizzazione dei dispositivi protesici esenti IVA

Ma quando il dentista non fattura prestazioni odontoiatriche come si deve comportare? 

“Se la collaborazione è inerente ad una cura odontoiatrica resa nello studio di un collega –spiega il dott. Franco Merli (nella foto) consulente fiscale ANDI Genova- la fattura è sempre sente IVA perché è la tipologia di prestazione che determina l’applicazione o meno dell’imposta. Diverso se il compenso è dovuto, per esempio, per la direzione sanitaria in una struttura, oppure ad una consulenza resa per questioni che non rientrano nell’ambito della cura”. 

In questo caso, continua il dott. Merli, “la prestazione resa dall’odontoiatria con partita IVA come direttore sanitario dovrà essere fatturata con IVA al 22%. Se poi l’odontoiatra allo stesso studio fornisce anche prestazioni cliniche fatturerà le prestazioni cliniche applicando l’esenzione”. Ed in presenza della nomina da direttore sanitario la fattura con IVA diventa “obbligatoria”, ricorda il dott. Merli. Ovviamente fatturare anche con IVA comporta una serie di oneri “supplementari” alla gestione fiscale del professionista. 

“Indubbiamente l’odontoiatra che emette fatture con e esenti IVA avrà incombenze maggiori”, continua il dott. Merli. “A cominciare dall’obbligo di versare l’IVA trimestralemnte e presentare la dichiarazioneIVA”. Ma ci sono anche dei vantaggi, ricorda il consulente fiscale ANDI Genova. “L’IVA versata si potrà recuperare secondo il sistema pro rata, ovvero nel rapporto tra fatture esenti IVA e fatture con IVA. Per esempio se il totale delle fatture esenti è di 1.000 euro e quello delle fatture con IVA è 200 euro, il contribuente potrà recuperare il 20% dell’Iva”.   


Sull’argomento leggi anche: 

22 Maggio 2015: La fattura per le prestazioni odontoiatriche. Ecco come deve essere redatta per soddisfare il Fisco e la privacy del paziente 

Articoli correlati

L’Ordine di Roma indica le modalità di emissione della fattura elettronica a seguito della liquidazione del Giudice del compenso spettante le operazioni peritali svolte in una causa civile


Per i dentisti, igienisti dentali e laboratori odontotecnici che emettono la fattura elettronica per le prestazioni esenti Ivascade lunedì 22 luglio il termine per pagare l'imposta di...


Con la fine del periodo transitorio, scattano oggi primo luglio alcune novità in tema di fatturazione elettronica a cominciare dalla possibilità di emetterla, ed inviarla allo SDI, 12...


Dal primo gennaio 2020 studi dentistici e coloro che emettono fatture per prestazioni sanitarie che ad oggi devono sottostare al divieto di emettere fattura elettronica, dovranno attrezzarsi. Per...


Dal primo gennaio 2019 è entrato in vigore l’obbligo di fatturazione elettronica anche tra privati. Per quanto riguarda l’applicazione della norma alle fatture riferite alle prestazioni...


Altri Articoli

Un corso FAD EDRA (25 crediti ECM) fa il punto sulla diagnosi e cura delle patologie periapicali di origine endodontica. Il Corso è curato dal prof. Fabio Gorni


Seeberger (FDI): decisione storica, ora la si deve mettere in pratica in ogni singola Nazione per ridurre le disuguaglianze in tema di salute


Il Segretario Magenga risponde alla lettera del presidente Di Fabio sui requisiti necessari in tema di istruzione per  accedere al corso per ASO 


Una Delibera del Comitato Centrale sottolinea come non sia un documento ufficiale FNOMCeO ma un documento “tecnico di sintesi” elaborato autonomamente dalla CAO


La mappa delle oltre 5 mila società censite da ENPAM, previsto un gettito di oltre 7 milioni di euro. Controlli e sanzioni: previsti “incroci” con i dati delle Entrate 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi