HOME - Gestione dello Studio
 
 
29 Ottobre 2018

Le fake news sono in agguato anche sui temi professionali. Le 3 mosse per ‘’prevenire’’ e non farci condizionare

di Davis Cussotto


Non esiste una verità sulla quale tutti concordiamo. Il disilicato di litio è più performante  nella versione tradizionale pressostampata o realizzato per fresaggio sottrattivo con una tecnica CAD CAM? Il laser nella tasca parodontale è efficace o non è in grado sostituisce il rootscaling nella terapia parodontale di mantenimento? 

Il valore di verità di queste affermazioni non è assoluto.  Siamo consapevoli di questo  perchè abbiamo la convinzione o la speranza che il metodo scientifico, nato con Galileo Galilei porterà con tempo a dare un valore di verità sempre maggiore ad una delle due proposizioni, fino a quando della avversativa non si parlerà più. La ricchezza di informazioni di cui oggi disponiamo, ci rende però più resistenti al cambiamento di opinione, perchè è molto facile trovare i dati che vanno a sostegno del nostro punto di vista.   

Se siamo convinti che il disilicato tradizionale sia migliore tenderemo a leggere con maggiore attenzione articoli che avvalorano questa ipotesi . Su PLOS (Public Library of Science)  possiamo trovare tutto e il contrario di tutto. 

Questo però è solo la metà del problema.

Come spiega  Danny Sullivan giornalista USA fondatore del portale Search Engine Land,  quello di cui non siamo consapevoli è che le informazioni vengono filtrate per noi in base alle nostre convinzioni preconcette.  

Google, il principe dei  motori di ricerca (Search Engine), fornisce risultati personalizzati in base ai nostri dati  di navigazione precedenti, ai feed  di Twitter e Facebook, agli acquisti realizzati su amazon o ai luoghi che abbiamo visitato. Poichè tutto questo accade in modo invisibile, tenderemo ad acquisire sempre maggiore fiducia nelle nostre  convinzioni scientifiche e nelle nostre preferenze culturali. Questo processo può renderci più deboli come professionisti.    

Come possiamo decidere ragionevolmente cosa è giusto o sbagliato se non siamo esposti ad altri modi di pensare? 

Rimanere prigionieri dal pregiudizio della conferma indotto da Internet potrebbe non farci cogliere il valore nel nuovo che avanza e  portarci fuori dal mercato del lavoro. 

Ecco tre suggerimenti di Danny Sullivan per ridurre al minimo le ricerche in Internet  che Google customerizza  sulle nostre convinzioni:

1) Usa la navigazione in incognito.

2) Cancella le informazioni  di navigazione che il browser conserva  o disattiva la cronologia dei siti visitati. 

3)  Sui social includi tra i follower insoliti sospetti, persone che stimi  ma che hanno visioni in disaccordo con la tua. Non sempre è un vantaggio competitivo avere Google dalla propria parte.

Articoli correlati

La prima fase della Digital Patient Experience, ovvero: come farsi trovare più facilmente nel mare di opzioni che Internet ci propone  


Video intervista a Michele Cassetta sulle cose da fare e quelle da non fare nello spiegare al paziente la terapia necessaria e come farlo utilizzando il suo nuovo libro 


La comunicazione di una cattiva notizia è un momento difficile e stressante per tutti i professionisti sanitari inclusi gli odontoiatri. Ecco i consigli su...


Leonardi: trasformare il distanziamento sociale in socializzazione a distanza, oggi è possibile. Questi alcuni consigli


Possono utilizzarlo non solo le aziende ma anche i singoli professionisti, esclusi gli investimenti su radio e televisione


Altri Articoli

L’iniziativa dell’FDI World Dental Federation riunisce partner del settore dentale eco-consapevoli attorno a un obiettivo comune


L’invito ai pazienti: non trascurate le cure e rivolgetevi a Specialisti in Ortodonzia qualificati per essere certi di non correre rischi


Accesso ritenuto legittimo anche in ragione della protezione della concorrenza. Per i Giudici l’Ordine è deputato a perseguire gli interessi dell'intera categoria, ma nel rispetto di imparzialità


Servono dati certi prima di avanzare ipotesi ed indicare una scadenza della copertura vaccinale. I pareri del Sottosegretario alla Salute On. Sileri e dei virologi Pregliasco, Bassetti e Galli


Le prime valutazioni sulla base dei primi dati sia per quanto riguarda l’uso delle mascherine che la durata dell’immunizzazione data dal vaccino


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Sileri rilancia il Tavolo Tecnico: è il luogo per discutere e concordare le risposte alle problematiche