HOME - Gestione dello Studio
 
 
29 Ottobre 2018

Le fake news sono in agguato anche sui temi professionali. Le 3 mosse per ‘’prevenire’’ e non farci condizionare

di Davis Cussotto


Non esiste una verità sulla quale tutti concordiamo. Il disilicato di litio è più performante  nella versione tradizionale pressostampata o realizzato per fresaggio sottrattivo con una tecnica CAD CAM? Il laser nella tasca parodontale è efficace o non è in grado sostituisce il rootscaling nella terapia parodontale di mantenimento? 

Il valore di verità di queste affermazioni non è assoluto.  Siamo consapevoli di questo  perchè abbiamo la convinzione o la speranza che il metodo scientifico, nato con Galileo Galilei porterà con tempo a dare un valore di verità sempre maggiore ad una delle due proposizioni, fino a quando della avversativa non si parlerà più. La ricchezza di informazioni di cui oggi disponiamo, ci rende però più resistenti al cambiamento di opinione, perchè è molto facile trovare i dati che vanno a sostegno del nostro punto di vista.   

Se siamo convinti che il disilicato tradizionale sia migliore tenderemo a leggere con maggiore attenzione articoli che avvalorano questa ipotesi . Su PLOS (Public Library of Science)  possiamo trovare tutto e il contrario di tutto. 

Questo però è solo la metà del problema.

Come spiega  Danny Sullivan giornalista USA fondatore del portale Search Engine Land,  quello di cui non siamo consapevoli è che le informazioni vengono filtrate per noi in base alle nostre convinzioni preconcette.  

Google, il principe dei  motori di ricerca (Search Engine), fornisce risultati personalizzati in base ai nostri dati  di navigazione precedenti, ai feed  di Twitter e Facebook, agli acquisti realizzati su amazon o ai luoghi che abbiamo visitato. Poichè tutto questo accade in modo invisibile, tenderemo ad acquisire sempre maggiore fiducia nelle nostre  convinzioni scientifiche e nelle nostre preferenze culturali. Questo processo può renderci più deboli come professionisti.    

Come possiamo decidere ragionevolmente cosa è giusto o sbagliato se non siamo esposti ad altri modi di pensare? 

Rimanere prigionieri dal pregiudizio della conferma indotto da Internet potrebbe non farci cogliere il valore nel nuovo che avanza e  portarci fuori dal mercato del lavoro. 

Ecco tre suggerimenti di Danny Sullivan per ridurre al minimo le ricerche in Internet  che Google customerizza  sulle nostre convinzioni:

1) Usa la navigazione in incognito.

2) Cancella le informazioni  di navigazione che il browser conserva  o disattiva la cronologia dei siti visitati. 

3)  Sui social includi tra i follower insoliti sospetti, persone che stimi  ma che hanno visioni in disaccordo con la tua. Non sempre è un vantaggio competitivo avere Google dalla propria parte.

Articoli correlati

Una ricerca su JADA è lo spunto per le considerazioni del prof. Gagliani nella sua Agorà del Lunedì. L’argomento è la comunicazione della prevenzione, ma anche il valore delle revisioni...

di Massimo Gagliani


Le paure verso una nuova pandemia porta a ripensare gli approcci comunicativi e le azioni organizzative. Queste le frasi da non dire e quelle da dire per trasmettere “sicurezza” al paziente

di Davis Cussotto


Attraverso un video dibattito si sono confrontati l’odontoiatra Tiziano Caprara e Laura Filippucci di Altroconsumo, dibattito che ha anche interessato il tema dei fondi integrativi


Con il prof. Antonio Pelliccia approfondiamo il tema della gestione dei collaboratori non tanto dal punto di vista economico ma relazionale 


Per esperienza personale, il dott. Cappelin afferma: ‘’il bene del paziente è l’unica impostazione che, al di là di tante parole, può creare realmente valore per tutti’’


Altri Articoli

Tra le richieste anche quella di sostenere la produzione europea. Già oggi in commercio prodotti riciclabili che rispettano le indicazioni ministeriali, l’ambiente e risultando anche economici


Finisce davanti al giudice la richiesta di un ASO che riteneva i problemi a schiena e spalle fossero di natura professionale. Riconosciuto l’indennizzo per l’inabilità certificata


Fino al 28 ottobre sarà possibile iscriversi al test per l’anno accademico 2020-2021. 25 i posti disponibili, Roma la sede dei corsi 


Riferito ai 4 mesi di pandemia è a disposizione di imprese e attività professionali con alcune limitazioni. Possibile decidere di “cederlo” 


Lo rivela uno studio pubblicato su Frontiers in Public Health. Secondo i ricercatori serve però tempo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio