HOME - Gestione dello Studio
 
 
21 Dicembre 2018

Dentista imprenditore, comunicatore e clinico. I consigli per "poter gestire” tutti questi ruoli

Francesca Giani

Come fare a inquadrare l’attività professionale in un’ottica di impresa, integrando informazioni di business, competenze di coordinamento e gestione delle persone? Quali sono gli elementi chiave del set mentale del professionista e dell’imprenditore di successo?Quali e quanti sono i ruoli che si assumono e che vanno assunti all’interno dello studio odontoiatrico? In un momento in cui la gestione dello studio diventa via via più complessa, sono molte le domande che ci si pone nell’ottica di costruire un metodo organizzato di lavoro.  

Ne abbiamo parlato con Roberta Pegoraro (nella foto), esperta di Management e correlatrice, insieme a Gabriele Vassura, del corso “Il dentista Manager.  “Nella mia esperienza” spiega “sono venuta a contatto con diversi modelli di gestione: ho conosciuto odontoiatri troppo concentrati sulla clinica, a scapito della relazione con team e pazienti; leader focalizzati sul management che però hanno svalutato la stima del tempo nella qualità della prestazione, l’adozione delle precauzioni minime di sicurezza, l’innovazione tecnologica e dei materiali; imprenditori che hanno destinato grossi investimenti al marketing per poi trascurare formazione e innovazione. Credo che un elemento chiave dell’organizzazione, della comunicazione e della relazione con pazienti e team, sia proprio la consapevolezza del ruolo che momento, situazione e interlocutore richiedono e questo rappresenta un passaggio chiave di crescita personale e professionale”.  

D’altra parte, diversi sono “i ruoli che il dentista assume all’interno dello studio: di volta in volta, può essere medico-odontoiatria, imprenditore, datore di lavoro, leader, manager, oppure può ricoprire anche ruoli tecnici (RSPP, Titolare Privacy, solo per citare i principali). E lo stesso vale anche per gli operatori del team”.

Il punto è che “ogni ruolo richiede un set specifico di competenze e influisce in modo diverso sulla dinamica di comunicazione con l’interlocutore. La comunicazione, infatti, è un processo complesso, condizionato anche dalle aspettative, e per questo ogni dinamica prevede tecniche appropriate, che favoriscono la relazione. La comunicazione, non a caso, è un processo integrato nel risultato professionale e uno degli indicatori di misurazione delle performance”.


Ecco allora che diventa fondamentale “prestare la massima attenzione ai ruoli presenti all’interno di un team odontoiatrico e alle aspettative correlate, da cui discende una corretta costruzione delle relazioni”.  E, nel dettaglio, è necessario riuscire “mappare tutti i ruoli, associandovi le corrette modalità di comunicazione, e individuare gli indicatori di valutazione, illustrando il sistema che consente di supportare il processo di performance dell’intero team. Chi affronta, sulla base della forza del team, il futuro della professione odontoiatrica, deve allineare il percorso di crescita personale e professionale dell’intero team. Perché un team coeso e soddisfatto, che condivide valori e obiettivi, è un punto di forza per ottenere risultati qualitativi e performance interessanti”. 

Articoli correlati

L’applicazione è sempre più indispensabile anche nel rapporto tra paziente e studio. Questi alcuni ambiti (etici) di utilizzo odontoiatrico

di Davis Cussotto


Un video corso del prof. Antonio Pelliccia riflette su questo quesito offrendo spunti di riflessione, considerazioni e consigli


L’autore del saggio di EDRA sul nuovo passaparola, commenta le inziative di CED e FNOMCeO e consiglia i dentisti su come favorire quelli positivi


Il CED e la FNOMCeO, con inziative distinte, interventono sull’argomento. Il CED stila delle raccomandazioni

di Davis Cussotto


I consigli del prof. Michele Cassetta: dalla comunicazione personalizzata alle tecniche per tranqulizziare il paziente ricordandosi che il primo obiettivo è comprendere le sue esigenze


Altri Articoli

Maria Costanza Meazzini guiderà ECPCA fino al 2013, durante il suo mandato l’organizzazione del Congresso internazionale a Milano. Le Congratulazione del Governatore Fontana


Il Garante della Privacy dà il via libera al MEF per inserire tra le professioni che devono inviare i dati, anche quelle iscritte ai nuovi Albi delle professioni sanitarie che fatturano al paziente


Interessante decisione della CCEPS chiamata a giudicare la sanzione ad un direttore sanitario per mancata vigilanza in tema di abusivismo e quando decorre la prescrizione del reato 


A finire nei guai tre diplomati odontotecnici, un assistente alla poltrona e un direttore sanitario. In provincia di Forlì-Cesena chiuso studio senza direttore sanitario 


Al Congresso SUMAI si è parlato anche di odontoiatri nel SSN: Magi, Ghirlanda, Fiorile pronti al dialogo con il Ministero per cercare di risolvere la questione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi