HOME - Gestione dello Studio
 
 
15 Aprile 2015

Deducibilità degli immobili adibiti ad attività professionale: un breve vademecum


La deducibilità degli immobili per i professionisti ha subito nel tempo numerose modifiche a opera del Legislatore. Occorre dunque far chiarezza sulle possibilità di deduzione riconosciute dall'attuale normativa, al fine di guidare le scelte di investimento dei professionisti, evitando spiacevoli sorprese di carattere fiscale.

Per i soggetti che esercitano attività professionale, dunque anche i medici ed i dentisti, si considerano strumentali gli immobili utilizzati direttamente ed esclusivamente nell'esercizio dell'attività; non assume rilevanza il fatto che l'acquisto sia stato effettuato come persona fisica o in qualità di esercente arte o professione.

La possibilità di dedurre dal reddito professionale le quote di ammortamento (3% del valore) da parte dei medici professionisti dipende dalla data di acquisto dell'immobile stesso. La deduzione è riconosciuta solo per gli immobili acquistati o costruiti sino al 14 giugno 1990 oppure nel periodo che va dal primo gennaio 2007 al 31 dicembre 2009, ridotta, in tal caso, a 1/3.

In tutti gli altri casi - quindi, anche in caso di nuovo acquisto dal primo gennaio 2015 - le quote di ammortamento risultano totalmente indeducibili.

La Legge Finanziaria per il 2014 ha reintrodotto la possibilità, per i lavoratori autonomi, di dedurre i canoni dei leasing immobiliari stipulati dal primo gennaio 2014, in precedenza invece limitata ai leasing stipulati negli anni 2007-2008-2009 al pari degli acquisti in proprietà. È fissato in 12 anni il termine fiscale per operare la deduzione, prescindendo dalla reale durata del contratto di leasing.

In caso di immobile utilizzato in forza di contratto di locazione è invece ammessa, a prescindere dalla data di stipula del contratto, la deduzione del 100% del canoni pagati, secondo il principio di cassa.

Nel caso di immobili a uso promiscuo - destinati cioè sia allo svolgimento della professione sia a esigenze personali o familiari/abitative del medico - è deducibile dal reddito il 50% della rendita catastale dell'immobile di proprietà.
In caso di affitto dell'immobile utilizzato promiscuamente, la deduzione dei canoni sarà parimenti consentita nel limite del 50%.
In entrambi i casi le deduzioni spettano a condizione che il professionista non disponga nel medesimo comune di altro immobile adibito esclusivamente all'esercizio dell'arte o della professione.

Per Nutrizione33: Fabrizio Gerosa -Studio Aiello & Associati - Rho (MI)-

Articoli correlati

“Capire, analizzare i bisogni della professione, studiarli, confrontarsi con le altre realtà del settore e poi cercare di avanzare una sintesi, una soluzione”. Sono questa la finalità che da...


Dal 1° novembre, il Decreto Dignità vieta ai contratti a termine di superare i 12 mesi di durata: quelli più lunghi o proroghe oltre l’anno sono consentiti se c’è una causale. Ma ci sono...


Più tutele lavorative, stipendiali e contributive per assistenti di studio e igienisti, ma anche per gli odontoiatri, alle prime armi, o impiegati nelle società e nelle catene. A offrirle...


La notizia del via libera della Stato Regioni al profilo dell'ASO è non solo la notizia della settimana ma la notizia che molti aspettavano da decenni.Con l'ASO, oggi, tutte le figure che...


Dal 10 luglio 2017 è online sul sito dell'INPS il servizio per richiedere le prestazioni di lavoro occasionale, uno strumento nuovo che nell'intenzione del legislatore dovrebbe permettere una...


Altri Articoli

DiDomenica     02 Agosto 2020

Quando vi serve, noi ci siamo

Attraverso il DiDomenica prima della chiusura estiva e quello di fine anno, solitamente cerchiamo di fare dei bilanci sul periodo che si conclude. Ovviamente questa volta non mi...

di Norberto Maccagno


Dal COI corso FAD da 50 crediti per Odontoiatri, Igienisti, Medici di medicina generale, Pediatri, Geriatri, Psicologi, Neurologi, Otorinolaringoiatri, Infermieri


L’Agenzia delle Entrate indica come comportarsi se il paziente utilizza App che sostituiscono nel pagamento il Pos o la carta di credito


La proroga dell’emergenza penalizza il mondo della formazione, le preoccupazioni di Federcongressi e ECM Quality Network


Savini: “evitano il peggio. Grazie al lavoro di AIO ed ANDI state cassate norme che altrimenti avrebbero imposto adempimenti gravosi agli Odontoiatri”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


28 Luglio 2020
Vendo attrezzatura completa per studio odontoiatrico

Vendo attrezzatura completa per ambulatorio odontoiatrico a Santarcangelo di Romagna (Rimini): riunito OMS in ottimo stato, separatore amalgama, compressore e pompa aspirazione, 2 mobili componibili, 2 servomobili, radiologico NOVAXA con testata DE GOTZEN, autoclave TECNO-GAZ classe B con stampante, sigillatrice MELAG, lampada fotopolimerizzante, 4 plafoniere con neon, strumenti per chirurgia orale, conservativa ecc in ottime condizioni. Tutto a norma CE. E 3000,00 COMPRESO SMONTAGGIO E IMBALLAGGIO. Foto inviabili. Per informazioni telefonare a Ricardo 347/4120042 (email: ricardo.ricci@email.it).

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Paziente o cliente, il punto di vista del dentista e del u201cconsumatoreu201d