HOME - Gestione dello Studio
 
 
22 Maggio 2015

La fattura per le prestazioni odontoiatriche. Ecco come deve essere redatta per soddisfare il Fisco e la privacy del paziente


Dott. MerliDott. Merli

La Circolare dell'Agenzia delle Entrate 17/E, evidenziando che è possibile detrarre dalla dichiarazione Irpef anche le fatture del dentista anche se "generiche", ricorda che per il Fisco è necessario che vengano dettagliate il più possibile le voci di spesa.

Ma come deve essere redatta una fattura per prestazioni odontoiatriche?
Lo abbiamo chiesto al dott. Franco Merli (nella foto), libero professionista e consulente fiscale ANDI Genova.

"La materia è regolamentata dall'art 21 del DPR n. 633 del 1972 e prevede queste caratteristiche fondamentali:

  • Data emissione (che può essere quella dell'avvenuto pagamento)
  • Numero progressivo
  • Ragione sociale dello studio dentistico
  • Dati fiscali del paziente (Nome, Cognome, indirizzo, codice fiscale)
  • Natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi formanti oggetto dell'operazione (la prestazione effettuata)
  • Importo
  • Dicitura esenzione iva (articolo 10 n.18 del Dpr 26 ottobre 1972 n°633)

Per quanto riguarda la dicitura per indicare la prestazione eseguita, per soddisfare quanto richiede il legislatore ma senza incorrere in problematiche legata alla privacy si può indicare: "un ciclo di cure odontoiatriche specialistiche in ...(conservativa-protesi-chirugiche etc)".

Questo vale sia per la fattura redatta seguito di acconti (specificare in fattura che si tratta di acconto) che per il saldo, anche in questo caso si dovrà indicare che l'importo si riferisce al saldo della prestazione.

Per quanto riguarda le prestazioni gratuite, queste possono essere erogate. Ma si consiglia di indicarlo nella cartella clinica e farsi firmare una dichiarazione dal paziente, anche nel consenso informato dove si indicherà che le prestazioni sono eseguite gratuitamente.

In questo caso, se la prestazione comporta l'utilizzo di materiali o dispositivi (come ad esempio impianti o protesi acquistate dal laboratorio odontotecnico), il loro costo non potrà essere detratto".

Integrazione del 26 Maggio 2015

"Sulla fattura -chiarisce il dott. Franco Merli- bisogna indicare i dati fiscali di chi effettua il pagamento, che nella maggioranza dei casi sarà anche il paziente a cui il dentista ha effettuato la cura. Negli altri casi in cui il paziente è diverso da chi paga, per esempio nel caso di un genitore per le cure praticate al figlio, la fattura sarà intestata a chi effettua il pagamento. In questo caso occorre, però, indicare il nome del paziente a cui si sono effettuate le cure. Questo per evitare discrasia tra cartella clinica e parcella. L'indicazione del paziente è necessaria anche per evitare deduzioni in dichiarazione redditi indebite".

Sull'argomento leggi anche:

7 Maggio 2015: Pagamenti e limite all'utilizzo del contante. Ecco come comportarsi con gli acconti

Articoli correlati

Per i dentisti, igienisti dentali e laboratori odontotecnici che emettono la fattura elettronica per le prestazioni esenti Ivascade lunedì 22 luglio il termine per pagare l'imposta di...


Con la fine del periodo transitorio, scattano oggi primo luglio alcune novità in tema di fatturazione elettronica a cominciare dalla possibilità di emetterla, ed inviarla allo SDI, 12...


Dal primo gennaio 2020 studi dentistici e coloro che emettono fatture per prestazioni sanitarie che ad oggi devono sottostare al divieto di emettere fattura elettronica, dovranno attrezzarsi. Per...


Sono disponibili nel portale Fatture e Corrispettivi del sito dell’Agenzia delle Entrate, l’apposito servizio telematico che consente di verificare il calcolo ed eseguire il pagamento...


Dal primo gennaio 2019 è entrato in vigore l’obbligo di fatturazione elettronica anche tra privati. Per quanto riguarda l’applicazione della norma alle fatture riferite alle prestazioni...


Altri Articoli

Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


In vista del termine del triennio formativo e dell’obbligo per medici ed odontoiatri iscritti all’Albo di ottemperare al debito formativo previsto l’OMCeO Milano, sul proprio sito,...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi