HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
27 Ottobre 2015

Dall'OMS le raccomandazioni a ridurre l'assunzione di zuccheri nella dieta quotidiana. Linee guida e proposte

di Lara Figini


Miliardi di dollari ogni anno vengono destinati alla ricerca con l'obiettivo di migliorare la salute della popolazione.

Nonostante questo, spesso però accade che molte politiche sanitarie in atto non vadano di pari passo con la ricerca e i dati offerti da quest'ultima.

Uno dei maggiori esempi di successo di traduzione delle ricerche scientifiche in politica sanitaria ,con lo scopo di migliorare la salute della popolazione, è rappresentato dalla fluorizzazione dell'acqua potabile.

Come sottolinea l' American Dental Association 2005 nelle comunità in cui si sono attuati i programmi di fluorizzazione delle acque potabili, i tassi di carie dentale sono sensibilmente diminuiti.

Recentemente, il ruolo dello zucchero nel processo della carie dentale ha raccolto molta attenzione. Un articolo pubblicato sul Journal of Dental Research di ottobre 2015 parla proprio di questa problematica. I dati in ricerca hanno largamente stabilito l'associazione tra l'assunzione degli zuccheri nella dieta e lo sviluppo della carie dentale ,ma quello che resta da vedere è come questi risultati potranno essere tradotti in politiche sanitarie per ridurne l'assunzione. In una revisione sistematica commissionata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), gli Moynihan e Kelly (2014) hanno riscontrato che soprattutto nei bambini, il tasso di carie dentale risulta essere maggiore nei soggetti in cui le abitudini alimentari prevedono assunzione di zuccheri superiore al 10% rispetto ai soggetti in cui questa assunzione rimane di sotto del 10% delle calorie totali giornaliere assunte. Sheiham e James (2015) sostengono che l'assunzione di zuccheri sia il fattore primario e necessario per istaurare il processo carioso, sottolineando l'effetto cumulativo del consumo di zucchero nel corso della vita.

Le linee guida di recente pubblicazione stabilite dal WHO (World Health Organization, organizzazione mondiale della salute) (2015) chiedono l'assunzione di zucchero limitato, sulla base di elementi di prova relativi al fatto che l'eccessiva assunzione di zucchero nella dieta quotidiana porta a maggiori rischi di MALATTIE non trasmissibili quali malsano aumento di peso
e carie dentale.

In sunto le nuove linee guida dell'OMS sono:

1) una forte raccomandazione ai ridurre l'assunzione di zucchero nel corso di una vita,

2) una forte raccomandazione a limitare l'assunzione di zucchero a dosi giornaliere inferiori al 10% delle calorie totali consumate,

3) una raccomandazione condizionale per ridurre l'assunzione di zucchero libero inferiore al
5% del consumo totale di calorie.

Queste linee guida ovviamente non vanno applicate dai soggetti che necessitano di specifiche diete terapeutiche.

L'assunzione di zuccheri in eccesso è strettamente correlata a un aumento dell'insorgenza della carie dentale. Diventa necessario quindi attuare delle manovre politiche per produrre il cambiamento di comportamento alimentare del cittadino, cosa che in ultima analisi dovrebbe portare a migliori risultati di salute orale. Andando avanti, forse i politici potrebbero avere il coraggio di sviluppare manovre restrittive all'assunzione di zucchero coerente con le autorità nazionali e le linee guida dell'OMS, e i ricercatori possono cominciare a scoprire le chiavi comportamentali
necessarie per l'efficace attuazione di queste politiche sanitarie.

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33

Bibliografia:

- Moynihan PJ, Kelly SM. 2014. Effect on caries of restricting sugars intake:systematic review to inform WHO guidelines. J Dent Res. 93(1):8-18. Newbrun E. 1989. Effectiveness of water fluoridation. J Public Health Dent.

- Sheiham A, James WP. 2015. Diet and dental caries: the pivotal role of free sugars reemphasized. J Dent Res. 94(10):1341-1347.

- The Confluence of Sugar,Dental Caries, and Health Policy B.D. Meyer and J.Y. Lee Journal of Dental Research ottobre 2015, Vol. 94(10) 1338-

1340

Articoli correlati

La carie dentale è un grave problema di salute pubblica a livello mondiale ed è una malattia dispendiosa da curare - vale, nei Paesi industrializzati, circa il 5-10% del budget per la...


"Scopo di questo incontro è quello di aumentare la consapevolezza di Colleghi e popolazione sulla necessità ed efficacia di corretti stili di vita per contrastare l'insorgenza di...


Lo zucchero si conferma come una tra le principali cause della carie dentale, specialmente nei bambini e negli anziani. Il tema è affrontato in una risoluzione del CED (Consiglio europeo dei...


elmex® presenta la sua innovazione nel campo della protezione dalla carie: il nuovo dentifricio elmex® PROTEZIONE CARIE PROFESSIONALTM, con efficacia superiore del 20% nella riduzione della...


L'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) vuole limitare il consumo dei prodotti alimentari con un alto contenuto di zuccheri in alimenti non considerati "dolci".Una quantità di...


Altri Articoli

Un corso FAD EDRA (25 crediti ECM) fa il punto sulla diagnosi e cura delle patologie periapicali di origine endodontica. Il Corso è curato dal prof. Fabio Gorni


Seeberger (FDI): decisione storica, ora la si deve mettere in pratica in ogni singola Nazione per ridurre le disuguaglianze in tema di salute


Il Segretario Magenga risponde alla lettera del presidente Di Fabio sui requisiti necessari in tema di istruzione per  accedere al corso per ASO 


Una Delibera del Comitato Centrale sottolinea come non sia un documento ufficiale FNOMCeO ma un documento “tecnico di sintesi” elaborato autonomamente dalla CAO


La mappa delle oltre 5 mila società censite da ENPAM, previsto un gettito di oltre 7 milioni di euro. Controlli e sanzioni: previsti “incroci” con i dati delle Entrate 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi