HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
15 Ottobre 2006

Contaminazioni alimentari preistoriche

di D. Bellinzani


Chi aveva bisogno di una dentatura più robusta, i cacciatori- raccoglitori preistorici o i primi agricoltori del Neolitico? È stato più “difficile” mangiare carne o mangiare cereali? La risposta a questi quesiti archeologici è più complessa di quel che potrebbe sembrare: i cacciatori raccoglitori avevano senz’altro una forza masticatoria superiore per potere sminuzzare semi e carne non tenera, ma i primi agricoltori, alle prese con metodi primitivi di trasformazione dei prodotti della terra, hanno messo maggiormente alla prova i loro denti, che venivano spesso a contatto con materiali molto duri come piccole pietre.

SCHEGGEDI PIETRA

“Dai resti ritrovati nei luoghi di antichi insediamenti sappiamo che i primi agricoltori del Medio Oriente, che hanno iniziato a lavorare la terra circa 12.000 anni fa, coltivavano grano, fagioli e lenticchie e che, per macinare i vegetali, utilizzavano mortai e pestelli rudimentali” afferma Patrick Mahoney, ricercatore del Dipartimento di archeologia della University of Sheffield, in Gran Bretagna. “L’usura di questi strumenti, generalmente costruiti utilizzando blocchi di basalto, rocce calcaree o arenaria, faceva sì che dalla loro superficie si staccassero piccole schegge di pietra che si mescolavano ai cereali ed erano poi masticate insieme al cibo.

I corpi estranei nel cibo, anche se minuscoli, possono essere in grado di danneggiare i tessuti dentali: il granello che si stacca da una roccia composita può, per esempio, essere fatto di quarzo, un materiale più duro dello smalto dentale.” I risultati descritti da Mahoney sono stati ottenuti dall’analisi di resti di cacciatori-raccoglitori (12500-10250 a.C.) e di antichi agricoltori (10250-7500 a.C.) e pubblicati dalla rivista American Journal of Physical Anthropology; il confronto tra l’usura dello smalto dei diversi individui ha dimostrato infatti che la dieta è diventata più “dura” proprio nel momento in cui l’uomo è riuscito ad avere a disposizione una fonte di sostentamento in teoria più facilmente masticabile come i cereali e i legumi.

“I cacciatori-raccoglitori si nutrivano di ciò che l’ecosistema dell’epoca offriva nelle terre mediorientali: gazzelle, maiali, cervidi, oltre ai vegetali spontanei come noci e lenticchie selvatiche, ma niente di tutto questo ha intaccato il loro smalto dentale quanto quello dei primi agricoltori” sostiene il ricercatore; “gli avallamenti che si possono oggi notare sulla superficie dei denti degli agricoltori si rivelano infatti più ampi e profondi, e possono essere stati prodotti solo dalla masticazione del cibo”. Appena prima di ottenere una fonte di cibo più disponibile e, se cotta, molto più facile da masticare anche per i più giovani e più anziani, dunque, gli uomini vissuti nella preistoria hanno affrontato un periodo di transizione in cui l’alimentazione, dal punto di vista della funzionalità dell’apparato masticatorio, per utilizzare i termini degli studiosi, è diventata più “dura”.

GdO, Fascicolo - 14 - Pag. 11

Articoli correlati

L'uomo di Neanderthal, scomparso circa trentamila anni fa, è da sempre considerato come un  carnivoro per via del gran numero di ossa animali ritrovate nei siti dei suoi insediamenti, a...


L’effetto combinato degli acidi erosivi e degli insulti meccanici a livello orale culmina nella progressiva perdita di smalto, nota come usura erosiva dei denti (ETW). L’uso...

di Lara Figini


Le bevande a base di soia sono sempre più promosse come alternative salutari al latte bovino, ma dati di letteratura ne evidenziano le differenti proprietà anticariogene e...

di Lara Figini


L'amelogenesi imperfetta (AI) è un disturbo che colpisce principalmente lo smalto dentario ed è di tipo ereditario e, fortunatamente, poco frequente. Studi internazionali...

di Lara Figini


Altri Articoli

La notizia della settimana è certamente quella “dell’Italia che riapre”, come hanno titolato molti quotidiani. In realtà, come oramai tradizione in questo anno abbondante...

di Norberto Maccagno


Oltre il 59% della popolazione spagnola tra i 35 e i 44 anni necessita di un qualche tipo di protesi dentale


Come verificare se le certificazioni dei Dispositivi medici sono corrette, quali le responsabilità se non lo fossero ed in caso di “incedente” come ci si deve comportare? I consigli...


Firmato il protocollo di intesa tra Governo, Regioni e Province Autonome e FNO TRSM PSTRP per la somministrazione dei vaccini da parte di tutti i professionisti sanitari, compresi gli igienisti...


Iandolo (Cao): “Abbiamo di fronte quattro anni di lavoro a tutela della salute. Prima sfida, le vaccinazioni: adesione massiva ed entusiasta degli Odontoiatri”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente