HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
30 Settembre 2006

A proposito di cambiare lo spazzolino

di Norberto Maccagno


E' risaputo che lo spazzolino da denti deve essere cambiato ogni 2-3 mesi.
Quindi, il potenziale consumo medio di spazzolini pro-capite annuale (4 spazzolini a testa ogni anno per 50 milioni di persone) dovrebbe essere di 200 milioni di pezzi.
In realtà i dati delle vendite dimostrano che il quantitativo massimo si colloca attorno ai 90 milioni di spazzolini; quindi probabilmente uno spazzolino viene utilizzato mediamente per un periodo persino superiore ai 6 mesi, indice che non trova alcuna ragionevole giustificazione per un paese “evoluto” qual è il nostro, commenta il quotidiano Libero in un articolo in cui vengono pubblicati questi dati.
Le ragioni di questo consumo inadeguato, secondo il quotidiano, possono essere due: la vita media di uno spazzolino è superiore a quanto consigliato dai dentisti nel caso d'un utilizzo saltuario e insufficiente alle necessità, oppure si tratta d'una assoluta negligenza. Poiché salvaguardare la salute orale rappresenta un bene non solo personale ma sociale, nasce spontaneo un vero e proprio incitamento alla sostituzione sistematica dello strumento usurato. Però, sostiene il quotidiano, gettando, via con sempre maggior frequenza lo spazzolino andiamo a contrastare l'attuale necessità di non inquinare l'ambiente.
Un’approfondita indagine di Legaambiente, informa Libero, sottolinea che, all'interno d'un sistema che evidenzia una crescita esponenziale dei rifiuti con una media base anno del 2,4 per cento, è indispensabile ridurre drasticamente il consumo rifiuti pro-capite anche con l'introduzione di stili di vita e acquisto diversi da quelli utilizzati in passato.
L'Istituto Wuppertal ha calcolato l'onere ecologico (quantità di rifiuti generati nei beni di consumo quotidiani) di alcuni prodotti di largo consumo:quello riferito a uno spazzolino da denti è di 1,5 kg.
Curare la propria igiene orale o rispettare l'ambiente è il “drammatico” dilemma che pone il quotidiano.

(Fonte LIBERO)

GdO 2006; 13

Articoli correlati

prodotti     11 Ottobre 2019

Il numero di setole conta!

Curaprox


Nuova conferma per lo spazzolino elettrico come efficace strumento per l’igiene orale anche per combattere parodontite e rallentare la progressione dei problemi gengivali. A “certificarlo”...


Sembra non esserci un accordo unanime su quale sia il miglior modo di lavarsi i denti. Secondo uno studio  del  British Dental Journal (217, E5-8 agosto 2014) non lo si può indicare...


Anche l'igiene orale è protagonista al CES 2014, la più importante fiera mondiale delle nuove tecnologie in svolgimento a Las Vegas. Tra le tante novità presentate in tema di...


Altri Articoli

La formazione per acquisire dignità professionale. Un testo ideale per i corsi di formazione ma anche per aggiornare chi non è obbligato a conseguire l’attestato di qualifica


Per la Cassazione non è ipotizzabile ricostruire il redito di un dentista sulla base degli acquisti senza tenere conto della contabilità dello studio


Presentato in provincia di Pisa un singolare progetto che lega la lettura alla cura della propria igiene orale


Rispettare l’ambiente costa fatica (in realtà poca), rinunce (anche queste poche) e quello dell’impegnarsi per il bene collettivo alla fine rischia di rimanere una frase che suona bene, ma molto...

di Norberto Maccagno


Si chiama Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati e si pone come portavoce di tutti coloro che credono nella Sanità Integrativa e vogliono renderla una opportunità per...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi