HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
14 Giugno 2017

Collutori orali: citotossicità e attività antimicrobica. I risultati dall'analisi di 12 prodotti

di Lara Figini


A seconda degli ingredienti che contengono i collutori orali possono essere usati sia per ridurre il carico microbico nella cavità orale, nei casi di gengivite e per controllo della placca sopragengivale nei casi di interventi chirurgici e parodontali, come estrazioni o inserimento di impianti (prima e dopo il trattamento), sia a livello "cosmetico", sostanzialmente per rinfrescare l'alito. La mucosa orale viene a contatto con il collutorio quando si eseguono i risciacqui; in particolare nei casi di lesioni il collutorio viene a contatto anche con il tessuto connettivo gengivale sottostante, ecco perché è bene sapere se i prodotti possano avere degli effetti citotossici. Anche se raramente riportati in letteratura, gli effetti collaterali derivanti dall'uso dei collutori sussistono e possono riguardare anche reazioni allergiche vere e proprie.

Le formulazioni standard dei collutori sono integrate con clorexidina digluconato, etanolo, oli essenziali e detergenti. Possono contenere anche glucocorticoidi anti-infiammatori e aloe vera, anestetici come lidocaina e morfina, nistatina antifunginea, antistamina difenildramina e antimicrobici vari.

Possono anche essere contenute sostanze chimiche, quali la glicerina come umettante, il benzoato di sodio come tampone, aromi, coloranti e emulsionanti che servono come stabilizzatori. A causa del complesso cocktail di sostanze contenute generalmente nei collutori ben poco si sa, di sperimentato scientificamente, sulla citotossicità e sull'attività antimicrobica degli stessi.

La clorexidina è un potente antibatterico che ha particolare efficacia su microrganismi come Actinomyces naeslundii, Veillonella dispar, Prevotella nigrescens, e gli streptococchi. La clorexidina CHX si è visto che possiede anche una certa citotossicità per i fibroblasti gengivali umani come riportato da John et al. nel 2014. L'etanolo è parzialmente efficace contro i microrganismi orali e nello specifico ha mostrato un'attività antimicrobica contro le cellule planctoniche di Streptococcus mutans sulla superficie dei bracket ortodontici. Il sodio dodecil solfato invece è un detergente senza attività antibatterica riportata e gli altri componenti, come pegilati idrogenati e oli, sono detergenti utilizzati nell'industria cosmetica con nessuna attività antibatterica riportata [Jang 2015], ma con un impatto negativo sulla vitalità dei cheratinociti [Maupas 2011]. Anche il cloruro di cetilpiridinio, che ha una certa attività antimicrobica, ha un impatto negativo sulla vitalità del fibroblasto L929 [Fromm-Dornieden 2015].

In un recente studio pubblicato su BioMed Research International Volume 2017 vengono presi in considerazione gli effetti antibatterici e la citotossicità di alcuni collutori orali. Tre differenti linee cellulari, inclusi fibroblasti gengivali primari, cellule epiteliali e cellule L929, sono state esposte a una dozzina di differenti collutori. Gli effetti antibatterici sono stati studiati utilizzando cinque diversi microrganismi orali associati a malattia parodontale (Actinomyces naeslundii, Streptococcus gordonii, Porphyromonas gingivalis, Fusobacterium nucleatum e Tannerella forsythia).

I collutori testati sono stati i seguenti:

  • Mundsp¨ulung Hauschka (etanolo)
  • Emofluor (sodio dodecil solfato, fluoruro di sodio 250 ppm)
  • Parodentosan oral rinse Tentan (0.05% clorexidina, etanolo)
  • Listerine Total Care Johnson & Johnson (etanolo, sodio dodecil solfato, olio idrogenato)
  • Tebodont Mundsp¨ulung Dr.Wild (olio idrogenato)
  • Dontodent dm-drogerie markt (Cocamidopropil- betadine)
  • Meridol GABA (olio idrogenato, fluoruro di sodio 250 ppm)
  • Meridol med GABA (0.2% clorexidina)
  • Sensodyne GlaxoSmithKline (etanolo, olio idrogenato, cetylpyridinium chloride, fluoruro di sodio 217 ppm)
  • One drop only One Drop Only (olio idrogenato, cetylpyridinium chloride)
  • Elmex sensitive professional GABA (olio idrogenato, fluoruro di sodio 250 ppm)
  • Elmex professional erosion (olio idrogenato, Cocamidopropil- betaina, fluoruro di sodio 500 ppm)

I risultati emersi da questo studio sono stati i seguenti.

Le cellule sono rimaste tutte vitali dopo l'esposizione a collutori orali utilizzati solo per scopi cosmetici. Effetti citotossici moderati sono stati osservati per collutori contenenti 0,05% di clorexidina, etanolo o olio di ricino idrogenato pegilato e dodecil solfato di sodio. Altri risciacqui orali contenenti 0,2% di clorexidina e cocamidopropil betaina hanno mostrato una forte attività citotossica e antimicrobica. Forte citotossicità ma moderata attività antimicrobica sono state notate nei collutori contenenti cloruro di cetilpiridina.

I dati in vitro di questo studio mostrano che i rischi orali sono eterogenei e che è bene che l'odontoiatra conosca gli effetti citotossici dei collutori che prescrive.

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33

Bibliografia

  • G. John, J. Becker, and F. Schwarz, Effects of taurolidine and chlorhexidine on SaOS-2 cells and human gingival fibroblasts grown on implant surfaces, The International journal of oral & maxillofacial implants, vol. 29, no. 3, pp. 728-734, 2014.
  • H.-J. Jang, C. Y. Shin, and K.-B. Kim, Safety evaluationof polyethylene glycol (PEG) compounds for cosmetic use, Toxicological Research, vol. 31, no. 2, pp. 105-136, 2015.
  • C. Maupas, B. Moulari, A. B´eduneau, A. Lamprecht, and Y.Pellequer, Surfactant dependent toxicity of lipid nanocapsules in HaCaT cells, International Journal of Pharmaceutics, vol. 411, no. 1-2, pp. 136-141, 2011.
  • C. Fromm-Dornieden, J.-D. Rembe, N. Sch¨afer, J. B¨ohm and E. K. Stuermer, Cetylpyridinium chloride and miramistin as antiseptic substances in chronic wound management - prospects and limitations, Journal of Medical Microbiology, vol. 64, no. 4, pp. 407-414, 2015.
  • HD. Müller, S. Eick, A. Moritz, A. Lussi, R. Gruber. Cytotoxicity andAntimicrobial Activity of Oral Rinses In Vitro. BioMed Research International Volume 2017, Article ID 4019723, 9 pages

Articoli correlati

La linea Forhans Medico è frutto di settant’anni di esperienza nella ricerca di nuove soluzioni per l’igiene orale


Il Cetil Piridinio Cloruro allo 0,07%, contenuto nel nuovo collutorio con CPC Technology, è attualmente uno degli strumenti previsti nelle indicazioni operative per svolgere...


Italiani confermano di preferire per gli acquisti la grande distribuzione mentre calano le vendite in farmacia. Crescono gli acquisti online


Sono 2 i due collutori Biorepair® che sono stati eletti “Prodotto dell’Anno 2019” nell’ambito della quattordicesima edizione del Premio, riconoscimento che viene...


Altri Articoli

In occasione della quinta edizione del Dental Forum ad Asti, il 2 ottobre 2021, l’intervento “Il digitale e la nuova e-inclusion in odontoiatria” sarà focalizzato sui trend che stiamo...


Uno lavorava in un poliambulatorio medico, l’altro in un sottoscala, gli altri 2 arrotondavano facendo i buttafuori 


Agorà del Lunedì     27 Settembre 2021

Ripariamo i denti rotti

Partendo da un interessante lavoro scientifico tutto italiano, il prof. Gagliani ragiona sull’importanza della restaurativa conservativa

di Massimo Gagliani


Le STP sono escluse ma non tutte. Oltre 5 milioni di euro quanto incassato da ENPAM ma lo scorso anno solo il 50% delle società lo ha versato. Le sanzioni per gli inadempienti


La FNOMCeO in vista della scadenza di fine anno ricorda come ed in quali casi è possibile spsotare e recuperare i crediti acquisiti nei vari trienni


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 

Annunci


CERCO
OFFRO
24 Settembre 2021
Cerco odontoiatra
23 Settembre 2021
Cerco odontoiatra
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio