HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
26 Giugno 2017

Sbiancanti e desensibilizzanti: un'associazione favorevole per l' "Home Bleaching"

di prof. Massimo Gagliani


L'impiego di agenti sbiancanti, sia nella pratica professionale odontoiatrica, sia nei trattamenti domiciliari sta riscuotendo sempre più successo e ha sempre maggiori richieste.
La maggiore sensibilità che i pazienti avvertono durante o al termine dei trattamenti di sbiancamento spesso appare assai fastidiosa; tuttavia, opportune manovre e adeguati agenti desensibilizzanti possono essere impiegati.

Recentemente alcune aziende hanno proposto agenti sbiancanti con sistemi desensibilizzanti all'interno degli agenti stessi.

Allo scopo di verificarne quattro di essi, sono stati esaminati dei pazienti che si sono sottoposti a terapia di sbiancamento dentale domiciliare.
Quattro i composti esaminati: due con perossido di carbamide al 10% e due con medesimo principio attivo ma concentrato al 15% e 16%. In entrambi i due macro-gruppi, erano presenti due sottogruppi che avevano il prodotto sbiancante addizionato con agente desensibilizzante.

Sono stati controllati per circa sei mesi attraverso misurazioni con spettrofotometri, esaminando fotograficamente i soggetti e registrando le soddisfazioni dei pazienti.

Tutti gli agenti sbiancanti hanno fornito risultati più che soddisfacenti, infatti il livello di sbiancamento verificato è stato ottimale e duraturo nel tempo; tuttavia l'aggiunta di ossalato di potassio al 3% con Fluoro, particolarmente nel gruppo con il perossido di carbamide al 16%, ovvero nel gruppo con principio attivo più concentrato, ha consentito di diminuire in modo drastico le problematiche di ipersensibilità dentinale.


A cura di: prof. Massimo Gagliani, Coordinatore Scientifico Area Odontoiatrica Gruppo Edra


Per approfondire:

Clinical evaluation of different desensitizing agents in home-bleaching gels. Jussara Karina Bernardon, DDS, MSD, PhD, Marceli Vieira Martins, DDS, MSD, Gabrielle Branco Rauber, DDS, MSD, Sylvio Monteiro Junior, DDS, MSD, PhD, Luiz Narciso Baratieri, DDS, MSD, PhD. June 2016 Volume 115, Issue 6, Pages 692-696 The Journal of Prosthetic Dentistry


 

Articoli correlati

La fluorosi è una condizione cronica causata dall'eccessiva ingestione di fluoro. Ciò determina un’alterata formazione dello smalto, caratterizzata dall’ipomineralizzazione,...

di Simona Chirico


Le procedure di sbiancamento dentale sono molto richieste da parte dei pazienti ma anche particolarmente proposte sia dagli odontoiatri sia dagli igienisti dentali.Il principio sul quale si base la...

di Stefano Daniele


Riassunto:Sempre più persone oggi vengono ai nostri studi odontoiatrici e ci chiedono di migliorare l'estetica del loro sorriso e di schiarire il colore dei propri denti. Questo desiderio...


Lo sbiancamento con perossido di idrogeno al 38% con l'aggiunta di ozono ha prodotto risultati migliori, con ombre più chiare, rispetto al solo perossido di idrogeno, in uno studio pubblicato...


Su pazienti più giovani e con denti più scuri lo sbiancamento dentale è più efficace; inoltre i pazienti con denti più scuri sottoposti a trattamento sbiancante...


Altri Articoli

Secondo l’Associazione oltre 400 i controlli effettuati. Ecco come regolarizzare la propria posizione


Prof. Pelliccia: ‘’il dentista deve saper prendere le decisioni giuste al momento utile, vi aiutiamo a imparare a farlo’’


Assegnata in Commissione alla Camera una PdL che impone il 51% del capitale in mano all’iscritto all’Albo


Lodi: l’analisi impietosa, in evidenza contraddizioni e difetti di un sistema riservato ai ricchi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi