HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
17 Marzo 2009

L'importanza di lavare i denti

di Debora Bellinzani


Mantenere l’igiene del cavo orale nei reparti di terapia intensiva può essere molto utile per la salute generale dei pazienti ricoverati: uno studio israeliano, infatti, ha provato che lo spazzolamento dei denti può ridurre il rischio di contrarre la polmonite nei pazienti intubati. Una pratica che può, a prima vista, sembrare superflua in persone che versano in gravi condizioni, dunque, può invece prevenire un’infezione che comporterebbe un rischio aggiuntivo per la loro vita. “È stato stimato che circa il 15 per cento dei pazienti sottoposti a ventilazione assistita contrae la polmonite” avverte Ofra Raanan, responsabile dello studio e ricercatrice presso il Dipartimento di scienze infermieristiche dell’università di Tel Aviv, in Israele.
“Questo avviene perché i batteri che si trovano nel cavo orale e che normalmente non causano infezioni sono veicolati dal sistema di intubazione fino alla parte inferiore dei polmoni: attraverso le piccole gocce d’acqua che si formano all’interno dei tubi che portano l’ossigeno, i batteri possono arrivare fino ai polmoni e lì moltiplicarsi grazie anche alla scarsa resistenza offerta dal sistema immunitario indebolito dei pazienti.
Ridurre la presenza dei batteri nel cavo orale, dunque, diventa un’azione di prevenzione molto utile per questo tipo di degenti.” Negli Stati Uniti sono stati sperimentati metodi che si basano sull’applicazione di una sostanza battericida sulla superficie del cavo orale, ma gli studiosi israeliani sostengono che anche il sistema manuale può raggiungere buoni risultati. “Per quanto sia difficile stimare esattamente quanto il rischio di sviluppare la polmonite si riduca grazie all’igiene dentale manuale, stimiamo che lo spazzolamento effettuato tre volte al giorno in questo tipo di pazienti possa ridurre del 50 per cento circa il rischio di sviluppare la polmonite” afferma la ricercatrice; “questo significa che se le strutture sanitarie indicassero come necessario lo spazzolamento dei denti più volte al giorno, oltre alle operazioni di rimozione delle secrezioni da cavo orale e gola che il personale infermieristico già attua attraverso appositi strumenti, si potrebbe sicuramente evitare un peggioramento della salute in molti pazienti e salvare vite umane.”

GdO2009; 2

Articoli correlati

I pazienti che eseguono periodicamente la visita di controllo dal dentista e la seduta di igiene hanno meno probabilità di ammalarsi di polmonite. A sostenerlo è Michelle Doll,...


Altri Articoli

Agorà del Lunedì     26 Luglio 2021

L’anno che verrà

Riflessioni del prof. Gagliani sul periodo trascorso e quello che verrà dal punto di vista dell’aggiornamento culturale e della professione


Secondo uno studio realizzato da un team di ricercatori americani guidati da Kara Law, l'Italia è al nono posto nel mondo per produzione di rifiuti di plastica pro capite: gli italiani generano...


Report INAIL su Obstructive Sleep Apnea Syndrome. “Fattore di rischio per incidenti stradali e sul lavoro e causa di ridotta performance lavorativa, deve essere considerata malattia cronica”


La difforme interpretazione della norma degli Ispettori del lavoro crea problemi agli studi ed agli esperti di radioprotezione. La dott.ssa Rossetti chiede una presa di posizione ufficiale


Gent.mo direttore, ho ascoltato la sua intervista all’On. Beatrice Lorenzin e la proposta di organizzare un seminario di lavoro per studiare un impianto assistenziale sostenibile.  Come...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I rischi dell’implantologia “fai da te”