HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
17 Marzo 2009

L'importanza di lavare i denti

di Debora Bellinzani


Mantenere l’igiene del cavo orale nei reparti di terapia intensiva può essere molto utile per la salute generale dei pazienti ricoverati: uno studio israeliano, infatti, ha provato che lo spazzolamento dei denti può ridurre il rischio di contrarre la polmonite nei pazienti intubati. Una pratica che può, a prima vista, sembrare superflua in persone che versano in gravi condizioni, dunque, può invece prevenire un’infezione che comporterebbe un rischio aggiuntivo per la loro vita. “È stato stimato che circa il 15 per cento dei pazienti sottoposti a ventilazione assistita contrae la polmonite” avverte Ofra Raanan, responsabile dello studio e ricercatrice presso il Dipartimento di scienze infermieristiche dell’università di Tel Aviv, in Israele.
“Questo avviene perché i batteri che si trovano nel cavo orale e che normalmente non causano infezioni sono veicolati dal sistema di intubazione fino alla parte inferiore dei polmoni: attraverso le piccole gocce d’acqua che si formano all’interno dei tubi che portano l’ossigeno, i batteri possono arrivare fino ai polmoni e lì moltiplicarsi grazie anche alla scarsa resistenza offerta dal sistema immunitario indebolito dei pazienti.
Ridurre la presenza dei batteri nel cavo orale, dunque, diventa un’azione di prevenzione molto utile per questo tipo di degenti.” Negli Stati Uniti sono stati sperimentati metodi che si basano sull’applicazione di una sostanza battericida sulla superficie del cavo orale, ma gli studiosi israeliani sostengono che anche il sistema manuale può raggiungere buoni risultati. “Per quanto sia difficile stimare esattamente quanto il rischio di sviluppare la polmonite si riduca grazie all’igiene dentale manuale, stimiamo che lo spazzolamento effettuato tre volte al giorno in questo tipo di pazienti possa ridurre del 50 per cento circa il rischio di sviluppare la polmonite” afferma la ricercatrice; “questo significa che se le strutture sanitarie indicassero come necessario lo spazzolamento dei denti più volte al giorno, oltre alle operazioni di rimozione delle secrezioni da cavo orale e gola che il personale infermieristico già attua attraverso appositi strumenti, si potrebbe sicuramente evitare un peggioramento della salute in molti pazienti e salvare vite umane.”

GdO2009; 2

Articoli correlati

I pazienti che eseguono periodicamente la visita di controllo dal dentista e la seduta di igiene hanno meno probabilità di ammalarsi di polmonite. A sostenerlo è Michelle Doll,...


Altri Articoli

Insediati i nuovi organi direttivi 2021-2024, Giudo Giustetto confermato presidente OMCeO. Ecco nomi e cariche della nuova Commissione Albo Odontoiatri


Dai dati Ebipro, durante il lockdown tra tutti gli studi professionali sono stati i dentisti quelli che hanno presentato più domande. Ora ad essere in crisi sono altre professioni 


L’Ateneo palermitano ha realizzato una serie di strumenti e materiale informativo per dare risposte chiare e semplici ai quanti chiedono informazioni 


Con il nuovo stand espositivo virtuale, VOCO offre l’opportunità di informarsi rapidamente e in modo completo su prodotti, offerte e opzioni per il flusso di lavoro digitale ...


Óscar Castro ha incontrato i rappresentanti di diversi partiti politici spagnoli affrontando questi due temi di grande importanza


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I trucchi per convivere con il rischio Covid in studio