HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
09 Giugno 2009

Sport drinks: un concentrato di sali minerali e... acido citrico

di Debora Bellinzani


Le bevande per sportivi sono pensate per reintegrare i sali minerali e gli zuccheri, ma non sono sicuramente pensate per la salute dei denti: come altre bibite acide, infatti, possono causare erosione dello smalto dentale se consumate spesso. È questo l’avvertimento che giunge dai risultati di un nuovo studio - non ancora pubblicato e del quale il GdO vi presenta un’anteprima - presentato al congresso annuale dell’International Association for Dental Research (www.iadr.com) che si è tenuto in aprile a Miami, negli Stati Uniti.
“Gli sport drinks, oltre ai sali minerali come potassio e magnesio, agli zuccheri e agli aromi al gusto di frutta, contengono generalmente anche acido citrico” ha affermato Mark Wolff, docente presso il dipartimento di cariologia del New York University College of Dentistry, negli Stati Uniti; “per testare il potenziale erosivo di quest’ultimo ingrediente nelle quantità presenti nelle bevande per sportivi, abbiamo realizzato un esperimento in laboratorio immergendo denti di bovino, per struttura simili a quelli umani, in campioni dei più diffusi e utilizzati sport drinks. Il risultato dell’immersione, prolungata per un tempo comparabile al persistere della bevanda nel cavo orale del consumatore, è stato un deciso indebolimento dello strato più esterno dello smalto.”
Una delle caratteristiche dell’utilizzo degli sport drinks è che spesso sono consumati in grande quantità, come avviene in particolare negli Stati Uniti, non solo dagli sportivi ma anche da persone con disturbi alimentari (a pag. 32, il GdO dedica un articolo alla correlazione tra disordini alimentari e salute orale ndr): poiché queste bevande sono considerate reintegratori dietetici e quindi utili per la salute, i consumatori possono perdere di vista gli aspetti negativi di un consumo abituale ed eccessivo.
“Il brusco calo del pH orale causato dal passaggio della bevanda acida indebolisce lo smalto dentale e l’ambiente acido che si viene a creare persiste nel cavo orale per un tempo relativamente lungo, dal momento che è stato dimostrato che la saliva impiega dai 20 ai 30 minuti per ripristinare il livello di pH fisiologico” ha spiegato Wolff; “per questo i consumatori abituali dovrebbero attuare alcune precauzioni, come non tenere a lungo la bevanda nel cavo orale, bere anche latte per contrastare l’acidità e non lavare i denti immediatamente dopo il consumo per dare allo smalto il tempo di ricostituire la propria solidità.”

Fonte: press release dell’International Association for Dental Research

GdO 2009; 8

Articoli correlati

Le bevande a base di soia sono sempre più promosse come alternative salutari al latte bovino, ma dati di letteratura ne evidenziano le differenti proprietà anticariogene e...

di Lara Figini


L'amelogenesi imperfetta (AI) è un disturbo che colpisce principalmente lo smalto dentario ed è di tipo ereditario e, fortunatamente, poco frequente. Studi internazionali...

di Lara Figini


Altri Articoli

Landi: uno scambio di vedute che ha permesso di modificare un documento che avrebbe potuto comportare problemi per la gestione della post pandemia per gli studi odontoiatri europei


Un nuovo approccio clinico basato sulla medicina dei sistemi, per la cura della malattia parodontale, che in Italia colpisce il 60% della popolazione


Cronaca     03 Luglio 2020

ENPAM: completato il CDA

Eletti i tre consiglieri delle consulte. Quella della Quota “B” sarà rappresentata dall’odontoiatra Gaetano Ciancio


Tassi più bassi rispetto agli anni passati. Potranno essere chiesti dagli odontoiatri under 35 per l'acquisto prima casa o studio professionale


Si è spento nella giornata di ieri, primo luglio, il cordoglio del presidente CAO: ''Piangiamo un professionista esemplare''


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION