HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
09 Giugno 2009

Sport drinks: un concentrato di sali minerali e... acido citrico

di Debora Bellinzani


Le bevande per sportivi sono pensate per reintegrare i sali minerali e gli zuccheri, ma non sono sicuramente pensate per la salute dei denti: come altre bibite acide, infatti, possono causare erosione dello smalto dentale se consumate spesso. È questo l’avvertimento che giunge dai risultati di un nuovo studio - non ancora pubblicato e del quale il GdO vi presenta un’anteprima - presentato al congresso annuale dell’International Association for Dental Research (www.iadr.com) che si è tenuto in aprile a Miami, negli Stati Uniti.
“Gli sport drinks, oltre ai sali minerali come potassio e magnesio, agli zuccheri e agli aromi al gusto di frutta, contengono generalmente anche acido citrico” ha affermato Mark Wolff, docente presso il dipartimento di cariologia del New York University College of Dentistry, negli Stati Uniti; “per testare il potenziale erosivo di quest’ultimo ingrediente nelle quantità presenti nelle bevande per sportivi, abbiamo realizzato un esperimento in laboratorio immergendo denti di bovino, per struttura simili a quelli umani, in campioni dei più diffusi e utilizzati sport drinks. Il risultato dell’immersione, prolungata per un tempo comparabile al persistere della bevanda nel cavo orale del consumatore, è stato un deciso indebolimento dello strato più esterno dello smalto.”
Una delle caratteristiche dell’utilizzo degli sport drinks è che spesso sono consumati in grande quantità, come avviene in particolare negli Stati Uniti, non solo dagli sportivi ma anche da persone con disturbi alimentari (a pag. 32, il GdO dedica un articolo alla correlazione tra disordini alimentari e salute orale ndr): poiché queste bevande sono considerate reintegratori dietetici e quindi utili per la salute, i consumatori possono perdere di vista gli aspetti negativi di un consumo abituale ed eccessivo.
“Il brusco calo del pH orale causato dal passaggio della bevanda acida indebolisce lo smalto dentale e l’ambiente acido che si viene a creare persiste nel cavo orale per un tempo relativamente lungo, dal momento che è stato dimostrato che la saliva impiega dai 20 ai 30 minuti per ripristinare il livello di pH fisiologico” ha spiegato Wolff; “per questo i consumatori abituali dovrebbero attuare alcune precauzioni, come non tenere a lungo la bevanda nel cavo orale, bere anche latte per contrastare l’acidità e non lavare i denti immediatamente dopo il consumo per dare allo smalto il tempo di ricostituire la propria solidità.”

Fonte: press release dell’International Association for Dental Research

GdO 2009; 8

Articoli correlati

Le bevande a base di soia sono sempre più promosse come alternative salutari al latte bovino, ma dati di letteratura ne evidenziano le differenti proprietà anticariogene e...

di Lara Figini


L'amelogenesi imperfetta (AI) è un disturbo che colpisce principalmente lo smalto dentario ed è di tipo ereditario e, fortunatamente, poco frequente. Studi internazionali...

di Lara Figini


Altri Articoli

Antonio De Falco

De Falco (CIMO): i medici nelle ore che dovrebbero dedicare alla formazione, devono svolgere le funzioni aziendali per sopperire alle carenze di personale


Landi (CAO Lodi): inconcepibile escludere i dentisti dalla distribuzione degli strumenti di protezione, si mette a rischio la loro salute e quella dei pazienti


Lo racconta via Skype Matteo Groppi, odontoiatra titolare di studio a Codogno. Queste le criticità sociali e professionali, ma c'è anche qualche aspetto positivo


Il SIASO rassicura i colleghi: sicure le normali procedure adottate dagli studi per la sicurezza sul lavoro. Ecco i casi in cui ci si può assentare dal lavoro e quelli non consentiti


Ai medici e dentisti sussidio sostitutivo e sospensioni dei contributi previdenziali. Intanto anche il Governo proroga i versamenti per i tributi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ecco come vive un dentista nella Zona Rossa del Coronavirus