HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
30 Novembre 2007

Fitonutrienti e prevenzione

di Debora Belinzani


Molti sono i vegetali oggetto di studio di ricercatori che ne indagano le eventuali proprietà anticancerogene, e sempre più spesso capita di leggere informazioni che riguardano per esempio le qualità del tè verde; raramente, però, accade che queste qualità positive possano riferirsi chiaramente a una precisa patologia. È questo invece il caso dell’avocado, il frutto originario dell’America centrale oggi in vendita anche nei supermercati: un recente studio statunitense ha provato infatti che i suoi nutrienti, oltre a essere adatti a una dieta sana, hanno anche la capacità di prevenire in particolare il cancro orale. “I composti fitochimici, ossia quelle sostanze vegetali biologicamente attive che conferiscono alle piante il colore, il sapore e il profumo, oltre a favorire la crescita della pianta e a proteggerla possono essere utili anche alla salute umana una volta introdotti nell’organismo attraverso il cibo” spiega Steven M. D’Ambrosio, ricercatore che lavora al Programma di carcinogenesi molecolare e chemioprevenzione dell’Ohio State’s Comprehensive Cancer Center di Columbus, negli Stati Uniti. “Le sostanze fitochimiche contenute nell’avocado in particolare hanno dimostrato di avere particolari proprietà anticancerogene: nei nostri esperimenti in laboratorio, infatti, esse hanno mostrato la capacità di impedire la crescita delle cellule precancerose che portano allo sviluppo di cancro orale, e talvolta addirittura di eliminarle.”
Lo studio è stato pubblicato da Seminars in Cancer Biology, una rivista scientifica nata con lo scopo di studiare le cause genetiche e molecolari delle trasformazioni cellulari e le potenziali terapie.
NUOVE POSSIBILITÀ?
“I composti fitochimici estratti dalla specie più comune di avocado, chiamata Hass, hanno la capacità di interferire con diversi pathways di segnalazione cellulare e in pratica di aumentare la presenza di ossigeno reattivo tra le cellule, portando così alla morte delle cellule precancerogene” spiega D’Ambrosio; “l’altra caratteristica, altrettanto importante, che questi composti vegetali hanno dimostrato di avere è quella di attivare i meccanismi descritti senza in realtà interferire con lo sviluppo delle cellule orali sane.”

GdO 2007;17

Articoli correlati

Il fumo è il principale fattore di rischio per molte malattie degenerative croniche, in particolare respiratorie e cardiovascolari, ma molti effetti avversi si verificano nei fumatori cronici...


Fondazione ANDI e Società Italiana di Patologia e Medicina Orale hanno lanciato una App che offre la possibilità di conoscere con un Click i Centri di Sanità Pubblica e...


Salute orale, cure dentali, igiene della bocca e associazioni con il rischio di cancro del tratto aerodigestivo superiore: sono questi i punti indagati a fondo da uno studio multicentrico europeo,...


Altri Articoli

ANDI in collaborazione con AIO, CAO, Fondazione ANDI, diffonde una guida pratica per odontoiatri e personale di studio condivise con il Ministero della Salute


Le misure da adottare in studio, la gestione dei pazienti, la comunicazione anche attraverso i social. Questa l’esperienza del presidente CAO Reggio Emilia Fulvio Curti


Le ordinanze a causa del coronavirus hanno costretto il SIASO e rimandar eil Congresso Nazionale programmato sabato 29 febbraio a Milano


Il past president UNIDI guiderà l’International Dental Manufacturer Association. Guarda la video intervista


Il Ministero ha rilasciato una circolare con alcuni chiarimenti sul COVID-19. Tra le indicazioni anche quelli su pulizia ambienti sanitari e non sanitari e le misure preventive


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni