HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
17 Aprile 2018

Utilizzo del filo interdentale, chi lo usa e quando

Uno studio americano ha analizzato l'utilizzatore tipo

di Lara Figini


La placca dentale è un fattore eziologico nello sviluppo della malattia parodontale cronica e la sua rimozione quotidiana porta a una riduzione sia della prevalenza che della gravità dell'infiammazione gengivale.

Lo spazzolino non riesce a rimuovere completamente la placca dalle superfici prossimali, per cui il suo utilizzo va regolarmente abbinato a quello del filo interdentale che secondo vari studi di letteratura rimuove fino all'80% della placca interdentale determinando un'incidenza significativamente ridotta della carie e della malattia parodontale.

Ma quanto viene utilizzato il filo interdentale dai pazienti?

Tipologia di ricerca e modalità di analisi
In uno studio pubblicato sul Journal of Parodontology di aprile 2018 viene stimata la prevalenza di utilizzo quotidiano del filo interdentale tra gli adulti dai 30 anni in su negli Stati Uniti, in relazione ai fattori demografici e di rischio per la salute parodontale, compreso il consumo di tabacco, e in presenza di diabete diagnosticato. Gli autori hanno analizzato i dati della National Health and Nutrition Examination Survey dal 2011 al 2014 di 8356 adulti.

È stata stimata la prevalenza dell’utilizzo quotidiano del filo interdentale. L'analisi di regressione logistica ha esaminato l'associazione tra l’uso del filo interdentale quotidiano e i fattori demografici e di rischio per le malattie parodontali.

Risultati
Dai risultati di questo studio è emerso che il 31,6% (SE = 0,8) degli adulti sopra i 30 anni riferisce di usare il filo interdentale ogni giorno, il 36,6% (SE = 0,9) degli adulti riferisce di usare il filo interdentale tra 1 e 6 volte alla settimana e il 31,9% (SE = 0,9) degli adulti riferisce di non usare affatto il filo interdentale.

Si sono, inoltre, evidenziate differenze significative per età, sesso, razza, origine ispanica, stato sociale, istruzione, uso di tabacco e presenza di diabete. Si è evidenziato che i fumatori (OR 0,82, IC 95% 0,68, 0,99) utilizzano meno il filo interdentale giornaliero rispetto ai non fumatori. Invece non è stata riscontrata alcuna differenza significativa tra adulti con o senza diabete (OR 0,75, IC 95% 0,52, 1,08).

Conclusioni
Approssimativamente, circa un terzo degli adulti statunitensi riferisce di utilizzare il filo interdentale ogni giorno. Le donne, i soggetti con un reddito più elevato e gli adulti non ispanici asiatici e ispanici hanno mostrato di utilizzare più assiduamente il filo, mentre il più basso utilizzo dello stesso è emerso essere dei fumatori.

Implicazioni cliniche
I risultati di questo studio trovano il limite di essere frutto di un questionario auto-riportato e di indagare l’utilizzo del filo interdentale solo nell'ultima settimana, il che potrebbe non riflettere schemi a lungo termine. Sono necessari ulteriori studi per comprendere meglio l’utilizzo del filo interdentale quotidiano per periodi di tempo più lunghi e per valutare altri fattori di rischio che contribuiscono alla malattia parodontale, come dieta e genetica.

Per approfondire:

Fleming EB, Nguyen D, Afful J, Carrol L MD, Woods PD. Prevalence of daily flossing among adults by selected risk factors for periodontal disease - United States, 2011-2014. J Periodontol. 2018 Apr 12.

Articoli correlati

L’ipersensibilità dentinale (DH) è un sintomo che frequentemente i pazienti riportato all’odontoiatra. Si manifesta più spesso durante i pasti, mentre si beve o durante lo...

di Lara Figini


Si parla di erosione dentale quando si ha una perdita della struttura dentale dello smalto o della dentina a causa dell'esposizione ad acidi. Gli acidi possono essere di origine...

di Lara Figini


Il fumo è il principale fattore di rischio per molte malattie degenerative croniche, in particolare respiratorie e cardiovascolari, ma molti effetti avversi si verificano nei fumatori cronici...


Il soggetto che va dal dentista è costretto a stare con la bocca aperta, senza poter vedere e controllare quello che gli viene fatto. Questo può tenerlo in una situazione di tensione e di allarme...


Altri Articoli

Il racconto di un caso di odontoiatria legale consente alla dott.ssa Maria Sofia Rini di portare alcune considerazioni sul rapporto fiduciario medico paziente


Per il presidente CAO Cuneo la questione è il diritto del paziente ad affrontare il pagamento come crede  e senza discriminare il privato verso il pubblico


Organizzato per giovedì 23 gennaio 2020 da ANOMEC a Milano, un evento dal titolo: “Costi di gestione dello studio e convenzioni sanitarie: due realtà incompatibili?”


Circolare FNOMCeO su novità dalla finanziaria. La Federazione mettere in guardia medici e dentisti sui rischi di non avere in studio il Pos


L’imprenditrice Canegrati condannata a 12 anni, pene minori per gli altri imputati. Il sen. Rizzi e l’odontoiatra Longo avevano già patteggiato


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni