HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
11 Marzo 2019

Efficacia dei nuovi dentifrici al fluoro stannoso stabilizzato con fosfato di zinco

di Lara Figini


Come per la maggior parte delle malattie croniche, è possibile evitare l’insorgenza e l’avanzamento della parodontite tenendo sotto controllo i fattori causali.

Controllare il  biofilm dentale mediante spazzolamento meccanico è di cruciale importanza per il mantenimento della salute parodontale e, di conseguenza, anche della salute sistemica.

Il fluoruro stannoso (SnF2) è sia batteriostatico che battericida e può ridurre la crescita batterica e controllare il biofilm; tuttavia, una sua formulazione con massima efficacia deve consentire al SnF2 di rimanere in uno stato non ossidato.

Varie sono state le formulazioni presentate dalle case produttrici di dentifrici per evitare l’ossidazione, tra cui recentemente una in cui è stata proposta l'incorporazione di fosfato di zinco.

Tipologia di ricerca e modalità di analisi
In uno studio pubblicato su JADA di aprile 2019 gli autori hanno confrontato i risultati ottenuti mediante spazzolamento con un dentifricio al fluoro stannoso (SnF2) stabilizzato con fosfato di zinco a paragone con un dentifricio tradizionale al fluoruro di sodio sul controllo della placca e della gengivite con follow-up di 6 mesi.

Cento partecipanti adulti sono stati arruolati in questo studio condotto a Chengdu, in Cina. L’assegnazione a uno dei due gruppi (gruppo 1 o sperimentale: utilizzo di dentifricio con fluoruro stannoso stabilizzato con fosfato di zinco; gruppo 2 o gruppo controllo: utilizzo di dentifricio con fluoruro di sodio) è stata casuale e in doppio cieco per pazienti ed esaminatori. I partecipanti inclusi nello studio hanno ricevuto istruzioni circa l’utilizzo del dentifricio assegnato.

Nelle tre sedute (a tempo 0, a 3 e a 6 mesi) gli autori hanno misurato vari indici gengivali e di placca per determinare l’efficacia clinica del dentifricio SnF2 stabilizzato rispetto a quella del dentifricio al fluoro di controllo.

Risultati
Novantotto partecipanti hanno completato lo studio. Entrambi i gruppi (sperimentale e controllo) hanno mostrato riduzioni statisticamente significative dell’infiammazione gengivale e un miglioramento del controllo della placca a 3 e 6 mesi di follow-up.

In aggiunta, il dentifricio sperimentale ha mostrato riduzioni statisticamente significative per tutti gli indici valutati rispetto a quelle evidenziate per il dentifricio di controllo (P <.001).

Conclusioni
Dai dati emersi da questo studio sperimentale, che devono però trovare conferma con altri risultati di lavori analoghi, si può concludere che i dentifrici a base di fluoruro stannoso stabilizzato con fosfato di zinco garantiscono degli eccellenti risultati sul controllo della placca e della gengivite dopo sei mesi di utilizzo.

Implicazioni cliniche
Il dentifricio di nuova formulazione a base di fluoruro stannoso stabilizzato con fosfato di zinco migliora la salute gengivale e parodontale aiutando i pazienti a raggiungere una migliore salute orale.

Per approfondire

Deyu Hu, Xue Li, Hongchun Liu, Luis R. Mateo, Amarpreet Sabharwal, Guofeng Xu, Gregory Szewczyk, Maria Ryan, Yun-Po Zhang. Evaluation of a stabilized stannous fluoride dentifrice on dental plaque and gingivitis in a randomized controlled trial with 6-month follow-up. JADA aprile 2019:150(4 suppl):S32-7.

Articoli correlati

La seduta di igiene orale professionale non è una procedura cosmetica ma un vero e proprio atto terapeutico e, se non è eseguita in modo corretto, può creare danni. Ad evidenziarlo...


Dalla Torre et al. hanno pubblicato su Clinical Oral Investigations uno studio che aveva lo scopo di rilevare una possibile associazione tra la qualità oggettivamente...

di Lucia Sardi


Nuova conferma per lo spazzolino elettrico come efficace strumento per l’igiene orale anche per combattere parodontite e rallentare la progressione dei problemi gengivali. A “certificarlo”...


L’Helicobacter pylori (H. pylori) è un batterio a spirale gram-negativo che viene trasmesso per via oro-fecale, la cui temperatura ottimale varia da 36 a 42 °C e ha un pH...

di Lara Figini


Il metodo ancora attualmente considerato più efficace per prevenire l’insorgenza della carie e delle malattie parodontali è lo spazzolamento dei denti almeno due volte al...

di Lara Figini


Altri Articoli

Secondo l’Associazione oltre 400 i controlli effettuati. Ecco come regolarizzare la propria posizione


Prof. Pelliccia: ‘’il dentista deve saper prendere le decisioni giuste al momento utile, vi aiutiamo a imparare a farlo’’


Assegnata in Commissione alla Camera una PdL che impone il 51% del capitale in mano all’iscritto all’Albo


Lodi: l’analisi impietosa, in evidenza contraddizioni e difetti di un sistema riservato ai ricchi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi