HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
20 Febbraio 2006

Venticinque anni di AIDI: felicitazioni e auguri!

di C. Guastamacchia


Quest’anno l’AIDI (Associazione Igienisti Dentali Italiani) compie venticinque anni dalla sua fondazione. Si tratta non solo di una data importante ma, addirittura, di una data fondamentale per la storia dell’odontoiatria italiana. La fondazione di questa Associazione, infatti, va molto al di là dell’istituzione pura e semplice della figura dell’igienista, avvenuta poco tempo prima. Essa sta a significare, propriamente, che gli igienisti, appena usciti dal bozzolo protettivo della Scuola, hanno sentito il bisogno di un’identificazione autonoma, per potere così, tagliato il cordone ombelicale, cominciare a camminare con le proprie gambe, verso propri obiettivi.
Perché queste, più o meno esplicite, sono le parole scritte sulla bandiera dell’Associazione: “Ragazzi, adesso che abbiamo conseguito i fondamentali strumenti culturali della professione, adesso mettiamoci a camminare da soli, perché vogliamo crescere e affermarci alleandoci con tutti, ma senza ‘dipendere’ mai da nessuno”. È questa “la bandiera e il vento” che i giovani igienisti devono imparare a fare propria, sia rispettando il lavoro svolto dai “vecchi”(?) soci AIDI, sia irrobustendone la valenza, rinnovando per tempo l’iscrizione, partecipando alle assemblee, fornendo il proprio contributo di idee e di creatività, indispensabili assieme alla partecipazione di tutti.
I giovani devono sentirsi confortati dal fatto che i risultati si sono visti: sono stati eccellenti. Ricordiamoci che l’AIDI ha iniziato il suo percorso in un terreno irto di spaventose difficoltà: si può parlare, infatti, di un vero e proprio “percorso di guerra”. Il peggior ostacolo fu che la “guerra” non venne mai palesemente dichiarata, ma, per continuare la metafora, assomigliò piuttosto ad una “guerriglia”, piena di agguati, tranelli, ghettizzazioni fino a… tentativi di cannibalismo.
A tutto questo l’AIDI ha saputo reagire, difendendosi e affermandosi con dignità, competenza e continuità, di fronte a tutte le componenti del mondo odontoiatrico. Ogni sua Presidenza, con un’AIDI non sempre accettata o, addirittura, misconosciuta e boicottata, per anni e anni ha saputo cercare e trovare la propria via, nel dedalo del frustrante labirinto odontoiatrico italiano. Non solo in Italia: anche all’estero l’AIDI ha saputo affermare la propria immagine, in senso altamente positivo, facendosi riconoscere come componente essenziale e, spesso, d’avanguardia, nel panorama del firmamento internazionale.
Questo venticinquesimo è, per Prevenzione, una splendida occasione di felicitazioni e auguri. Felicitazioni per quanto l’AIDI ha sempre saputo fare e auguri per potersi mantenere sempre fedele ai propri ideali di indipendenza e lungimiranza. Nei nostri auguri c’è anche, esplicito e riaffermato, l’orgoglio di essere, noi di Prevenzione, i fratelli più grandi di AIDI: fratelli che, da sempre, in modo coraggioso, perseverante e disinteressato, hanno compreso, sostenuto e difeso i principi fondamentali di quella “prevenzione” che deve sempre costituire la vera, unica ragion d’essere di tutti i professionisti dell’odontoiatria.




Articoli correlati

Iandolo (CAO): “Coinvolgere gli odontoiatri nella campagna, e vaccinarli per primi, insieme al personale di studio”. Chiesta anche la proroga dell’esenzione IVA sui DPI


Secondo una nuova guida emessa dai Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) degli Stati Uniti, le mascherine facciali possono proteggere chi le indossa e gli altri dall'infezione da...


SIdP: parodontite e diabete, un pericoloso legame a doppio filo. Grazie ai dentisti si può prevenire attraverso diagnosi precoce ed individuare grazie a semplici test alla poltrona


Le cure odontoiatriche dovrebbero essere considerate cure sanitarie essenziali e non dovrebbero essere posticipate. Pensare alle conseguenze per gli operatori dell'applicazione dei protocolli anti...


Video intervista al prof. Roberto Burioni per capire le varie differenze tra i test per individuare il Covid, il ruolo di dentisti ed igienisti dentali ed i consigli nella prevenzione del contagio in...


Altri Articoli

Il JDR pubblica una interessante ricerca che conferma quanto il dentista possa essere utile per effettuare screening sulla popolazione, diventando, lo definisce nel suo Agorà del Lunedì il...

di Massimo Gagliani


E’ oramai chiaro che il Governo in tema di sostengo alle imprese si ispira alla Ruota della fortuna e sperare in una programmazione o in un progetto di rilancio economico...

di Norberto Maccagno


L’obiettivo, anche in periodo di pandemia, garantire che i futuri dentisti siano preparati a curare le persone. Lo Muzio (CPCLOPD): gli atenei italiani stanno con mille difficoltà lavorando in tal...


Iandolo (CAO): “Coinvolgere gli odontoiatri nella campagna, e vaccinarli per primi, insieme al personale di studio”. Chiesta anche la proroga dell’esenzione IVA sui DPI


Secondo una nuova guida emessa dai Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) degli Stati Uniti, le mascherine facciali possono proteggere chi le indossa e gli altri dall'infezione da...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Il prof. Burioni spiega come funzionano i test Covid e dà qualche consiglio agli odontoiatri ed igienisti dentali