HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
15 Novembre 2006

Protocollo igienico di mantenimento in implanto-protesi

di S. Corbella, M. Basso, S. Taschieri, A. Antifona, C. Tassera



L’utilizzo di avanzate metodiche chirurgiche e protesiche implantari non può prescindere dall’istituzione e dall’esecuzione di un adeguato protocollo igienico di mantenimento. Il lavoro dell’igienista dentale e dell’odontoiatra deve continuamente confrontarsi con il grado di soddisfazione e di partecipazione del paziente al piano terapeutico. Sono stati trattati 26 pazienti con una riabilitazione totale mandibolare a carico immediato definita All-on-Four e sono stati valutati per un follow-up medio di 14,2 mesi gli indici sullo stato di igiene orale e, in parallelo, il grado di soddisfazione sotto il profilo estetico e funzionale nei confronti del trattamento. Analizzando i risultati è stato possibile valutare una correlazione tra il grado di soddisfazione del paziente e il suo livello di igiene orale. Inoltre, è stato anche possibile identificare una curva di apprendimento delle manovre di igiene orale, che sono diventate col tempo compatibili con la sopravvivenza implantare a lungo termine, giustificando il protocollo di mantenimento messo in atto.

Hygienic protocol to achieve the implants survival
The development of advanced surgical and prosthetic techniques in implant dentistry cannot be distinguished by the execution of an adequate hygienic and prevention protocol. The work of the dentist or the dental hygienist must compare continuously with the level of satisfaction and involvement of the patients in the therapy. 26 patients were treated with a rehabilitation, named All-on-Four, which provides a fixed total prosthesis, loaded immediately. Oral hygiene indexes were evaluated, with a 14,2 months mean follow-up, and the degree of satisfaction by the functional and aesthetic side was also collected. Analysing the results it was possible to demonstrate the linkage between the level of satisfaction and the degree of oral hygiene. We were also able to distinguish a growing ability in the domiciliary oral practice, becoming useful to achieve the long-term survival of implants, empowering protocol adopted.

Qualifiche Autori:
Università degli Studi di Milano
IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi
Servizio di Odontostomatologia
Direttore: prof. R.L. Weinstein
Reparto di Parodontologia
Responsabile: prof. L. Francetti



Articoli correlati

Paolo BarelliRelatore della sessione dedicata a Assistenti alla Poltrona/Igienisti DentaliL'importanza della comunicazione strategica per lo studio odontoiatricoLa comunicazione è diventata la...


Obiettivi. La riabilitazione implantoprotesica nella monoedentulia mandibolare con deficit di spessore richiede un approccio rigenerativo. Tra le procedure cliniche per la risoluzione delle atrofie...


Obiettivi. Dopo l’inserimento dell’impianto si assiste di solito a un rimodellamento dell’osso crestale. Il platform switching è una tecnica che, con l’utilizzo di un abutment di diametro...


Obiettivi. Descrivere una metodica semplice, razionale ed ergonomica per la realizzazione di corone su impianti in zirconia e ceramica.Materiali e metodi. La peculiarità consiste nel realizzare in...


Altri Articoli

Agorà del Lunedì     20 Settembre 2021

Game changer….

Per il prof. Gagliani è questa la scelta che deve fare l’odontoiatra: riorganizzarsi per dare risposte alle “nuove” esigenze dei pazienti oppure arroccarsi in un giardinetto costituito di...

di Massimo Gagliani


Luca è un dentista titolare di un piccolo studio di provincia, Anna (entrambi i nomi sono di fantasia) è la sua assistente: in studio sono solo loro due. Dal 15 ottobre prossimo, per via di...

di Norberto Maccagno


Venerdì 1 ottobre ad Asti al Dental Forum odontoiatri ed odontotecnici potranno esercitarsi con stanner e sotware giudati dagli esperti del team Grow Up


Sono stati gli agenti della polizia di Stato a denunciare un uomo di 53 anni per esercizio abusivo della professione medica. Secondo la stampa locale gli agenti del Commissariato di Secondigliano e...


Chi deve controllare, quali le sanzioni e come deve essere “gestito” il dipendente sprovvisto, ed i collaboratori non dipendenti?


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio