HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
15 Aprile 2008

Impianti e prevenzione

di C. Guastamacchia


Da un punto di vista istintivo parlare di prevenzione quando si parla di impianti parrebbe un controsenso. Invece è tutt’altro che così, per
due motivi fondamentali: in primo luogo perché l’impianto è, allo stesso tempo, cura dell’edentulismo e prevenzione di tutti gli inconvenienti legati a quest’ultimo; in secondo luogo perché l’impianto è ormai divenuto talmente diffuso e affidabile che moltissimi pazienti lo considerano una panacea priva di qualsiasi necessità di attenzione e, soprattutto, di manutenzione.
Si verifica, infatti, questo paradosso: mentre l’opinione pubblica, sempre più consapevole di dover pensare alla propria salute dentale, attua, sia pure in modi “artigianali”, misure di igiene e “manutenzione” verso i denti che gli ha fornito Madre Natura, non ha più lo stesso tipo di riguardo verso gli impianti.
Infatti molti pazienti, allorquando, più o meno sfortunatamente, perdono i “propri” denti e li sostituiscono con impianti, ebbene, da quel momento credono che sia passato ogni dovere di attenzione e manutenzione, quasi che i denti impiantati non dovessero essere anche loro oggetto di scrupolosa igiene, domiciliare e professionale. La realtà è davvero diversa e bene fa l’igienista a spiegare l’autentica verità
e a motivare in modo approfondito il paziente, affinché metta in atto tecniche scrupolose, realizzate con strumenti appositi. Tutto questo non ha nulla di particolarmente complicato, ma va insistentemente inculcato nella testa della gente. Possiamo arrivare a constatare questo paradosso: quanto più un paziente è soddisfatto della tenuta di un impianto, tanto più è portato a trascurare quelle stesse misure di manutenzione che, se preventivamente applicate, gli avrebbero evitato gradi maggiori o minori di edentulismo.
Infatti l’impianto, per definizione, manca di tutta la sintomatologia che ha il dente naturale: non ha dentina, non ha polpa, non sente il caldo e il freddo… Soffre però, e in misura anche maggiore del naturale, di ogni aggressione batterica, sino a far rischiare il “rigetto” (termine molto usato ma profondamente improprio) per perimplantiti molto aggressive. Ancora una volta, dunque, si deve insistere sul concetto che ogni competenza “manuale” va sostenuta ed anticipata, per l’igienista, da una sollecita competenza comunicazionale e, quindi, motivazionale. È indispensabile spiegare al paziente che una visita di controllo ogni sei mesi (almeno) per controllare l’impianto è il dovere minimo. Contemporaneamente è altrettanto indispensabile che, con modellini e/o videocamera, l’igienista faccia comprendere al paziente il “come si fa” per mantenere in ottima funzione quella “terza dentizione” che oggi l’odontoiatria gli ha premesso e che lui, paziente, ha potuto realizzare con qualche sacrificio di tempo, di fastidio e (bisogna dirlo!) di non banale spesa.



Articoli correlati

La perimplantite è stata definita “una condizione patologica” che si verifica nei tessuti intorno agli impianti dentali, caratterizzata da infiammazione del tessuto...

di Lara Figini


Gli impianti dentali vengono utilizzati per sostituire i denti mancanti e hanno lo scopo primario di ripristinare una buona funzionalità ed estetica. Tuttavia, in molti pazienti...

di Lara Figini


Immagine di archivio

Posizione implantare e sua influenza sui parametri peri-implantari

di Lara Figini


In una revisione sistematica, pubblicata su OOO di novembre 2020, gli autori hanno valutato il rischio di sanguinamento nelle procedure di implantologia dentale in pazienti che assumevano...

di Lara Figini


Un studio pubblicato sul Journal of Periodontology di settembre 2020, ha valutato la sopravvivenza di impianti dentali in pazienti fumatori (CS) e pazienti non fumatori (NS) con diabete...

di Lara Figini


Altri Articoli

Immagine di repertorio

Riguarderebbe solamente la scadenza legata alla possibilità di assumere ASO non qualificate. Intanto il Ministro avrebbe dato il via libera per avviare l’iter per la modifica del DPCM


La presidente Elena Boscagin è la prima donna ad essere eletta nella CAO nazionale. Ci ha raccontato impressioni ed aspettative dopo la prima riunione 


Il rischio, scrive il presidente CAO di Cuneo, è che con la scusa della pandemia si possano allargare competenze professionali rischiando che atto medico ed atto sanitario vengano messi sullo...


Da sempre odontotecnici e odontoiatri di tutto il mondo si sono dibattuti per cercare il sistema per codificare e riprodurre la corretta dentatura umana secondo schemi ripetibili con un unico...


Su Wikipedia, alla voce “Artigiano Digitale”, si legge: “Un artigiano digitale (detto colloquialmente maker) è una persona che svolge attività di bricolage e, in generale, di fai-da-te...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente