HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
15 Aprile 2008

Impianti e prevenzione

di C. Guastamacchia


Da un punto di vista istintivo parlare di prevenzione quando si parla di impianti parrebbe un controsenso. Invece è tutt’altro che così, per
due motivi fondamentali: in primo luogo perché l’impianto è, allo stesso tempo, cura dell’edentulismo e prevenzione di tutti gli inconvenienti legati a quest’ultimo; in secondo luogo perché l’impianto è ormai divenuto talmente diffuso e affidabile che moltissimi pazienti lo considerano una panacea priva di qualsiasi necessità di attenzione e, soprattutto, di manutenzione.
Si verifica, infatti, questo paradosso: mentre l’opinione pubblica, sempre più consapevole di dover pensare alla propria salute dentale, attua, sia pure in modi “artigianali”, misure di igiene e “manutenzione” verso i denti che gli ha fornito Madre Natura, non ha più lo stesso tipo di riguardo verso gli impianti.
Infatti molti pazienti, allorquando, più o meno sfortunatamente, perdono i “propri” denti e li sostituiscono con impianti, ebbene, da quel momento credono che sia passato ogni dovere di attenzione e manutenzione, quasi che i denti impiantati non dovessero essere anche loro oggetto di scrupolosa igiene, domiciliare e professionale. La realtà è davvero diversa e bene fa l’igienista a spiegare l’autentica verità
e a motivare in modo approfondito il paziente, affinché metta in atto tecniche scrupolose, realizzate con strumenti appositi. Tutto questo non ha nulla di particolarmente complicato, ma va insistentemente inculcato nella testa della gente. Possiamo arrivare a constatare questo paradosso: quanto più un paziente è soddisfatto della tenuta di un impianto, tanto più è portato a trascurare quelle stesse misure di manutenzione che, se preventivamente applicate, gli avrebbero evitato gradi maggiori o minori di edentulismo.
Infatti l’impianto, per definizione, manca di tutta la sintomatologia che ha il dente naturale: non ha dentina, non ha polpa, non sente il caldo e il freddo… Soffre però, e in misura anche maggiore del naturale, di ogni aggressione batterica, sino a far rischiare il “rigetto” (termine molto usato ma profondamente improprio) per perimplantiti molto aggressive. Ancora una volta, dunque, si deve insistere sul concetto che ogni competenza “manuale” va sostenuta ed anticipata, per l’igienista, da una sollecita competenza comunicazionale e, quindi, motivazionale. È indispensabile spiegare al paziente che una visita di controllo ogni sei mesi (almeno) per controllare l’impianto è il dovere minimo. Contemporaneamente è altrettanto indispensabile che, con modellini e/o videocamera, l’igienista faccia comprendere al paziente il “come si fa” per mantenere in ottima funzione quella “terza dentizione” che oggi l’odontoiatria gli ha premesso e che lui, paziente, ha potuto realizzare con qualche sacrificio di tempo, di fastidio e (bisogna dirlo!) di non banale spesa.



Articoli correlati

Allo stato attuale, l’utilizzo di corone singole supportate da impianto è diventato l’approccio di prima scelta per la sostituzione di un dente singolo, specialmente quando...

di Lara Figini


La carie dentale e le malattie periodontali, tra cui gengivite e parodontite, sono causate da batteri organizzati in biofilm tridimensionali adesi alle superfici dentali, ai...

di Lara Figini


Quando un odontoiatra si trova di fronte alla necessità di estrarre un elemento dentario per poi andarlo a sostituire con un impianto nello stesso sito vorrebbe avere la...

di Lara Figini


Al giorno d’oggi i pazienti con mascella completamente edentula possono beneficiare di diversi tipi di riabilitazione protesica. Una di loro è l’overdenture supportata da...

di Lara Figini


Le aspettativa di vita tendono sempre di più a prolungarsi e la popolazione con oltre 65 anni aumenta costantemente e, con essa, il tasso di incidenza di edentulismo...

di Lara Figini


Altri Articoli

La mappa delle oltre 5 mila società censite da ENPAM, previsto un gettito di oltre 7 milioni di euro. Controlli e sanzioni: previsti “incroci” con i dati delle Entrate 


Per l’Ospedale Fatebenefratelli all’Isola Tiberina di Roma sono 9700 nuovi casi in un anno in Italia. Attivata campagna di prevenzione con visite gratuite


Intelligenza artificiali, immagini e stampanti in 3D, staminali rigeneratrici. Come cambiano gli specialisti che curano e riabilitano il cavo orale. Anche la prevenzione dei danni da fumo trova nuove...


Il punteggio medio nazionale registrato tra gli idonei è di 35,23. Ecco le previsioni dei punteggi minimi necessari per entrare senza aspettare i "ripescaggi" a medicina ed odontoiatria 


I principali interventi del piano strategico FDI per i prossimi anni, ma la priorità è sensibilizzare gli Stati sulla promozione della salute orale


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi