HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
27 Marzo 2012

Anestesia e igienisti: perché no?

di Viviana Cortesi Ardizzone, Irene Riccitelli Guarella


Perché gli igienisti italiani ancora non possono praticare l'anestesia locale, visto che in molti Stati europei e americani l'igienista è abilitato a farlo? Non mi capita spesso di trovarmi nelle condizioni di "dover" richiedere all'odontoiatra l'anestesia per un paziente parodontale sensibile, con particolare sensibilità dentinale o più semplicemente spaventato, ma, quando succede, ciò comporta tanto tempo perso per tutti, in quanto l'odontoiatra può non essere immediatamente disponibile!
L'unica alternativa sono gli anestetici topici sulle mucose o sottogengivali, più o meno efficaci e dal costo non propriamente vantaggioso, con il risultato che si lavora male e il paziente ne soffre. Ovviamente, se gli igienisti praticassero l'anestesia dovrebbero anche frequentare corsi di aggiornamento per approfondire quanto appreso durante il Corso di Laurea in tema di fisiologia della conduzione nervosa o di farmacocinetica e, come tutti i liberi professionisti, dovrebbero ottenere il consenso informato del paziente a questo tipo di intervento. Date queste premesse... perché no?
Lo abbiamo chiesto alla collega Irene Riccitelli Guarrella, Past Presidente AIDI, Past Tesoriere Europeo, ma soprattutto Past Presidente Europeo, da sempre esperta e scrupolosamente attenta alle leggi, alla loro applicazione e al loro rispetto e che con nostro grande rammarico ha deciso di lasciare l'AIDI. A lei tutto il nostro affetto e gratitudine per tutto quello che ha fatto per l'associazione e che ci ha risposto come segue.

Viviana Cortesi Ardizzone



Articoli correlati

Spesso nei bambini le estrazioni plurime di denti decidui cariati richiedono l’esecuzione in anestesia generale (GA), principalmente per motivi legati alla gestione del piccolo...

di Lara Figini


Nei giorni scorsi a Verona, stando a quanto ha pubblicato la stampa locale, i genitori di una neonata nata morta avrebbero denunciato che la causa del decesso sarebbe da attribuire all’anestesia a...


La rimozione dei terzi molari mandibolari impattati è una comune procedura dento-alveolare eseguita in chirurgia orale e maxillo-facciale, con diversi livelli di difficoltà...

di Lara Figini


Di recente sono state pubblicate due revisioni sistematiche della letteratura scientifica che analizzano l’efficacia di diverse soluzioni anestetiche e il rischio di danno...

di Lucia Sardi


Altri Articoli

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni