HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
05 Febbraio 2013

Le alterazioni del cavo orale negli utenti in carico ai servizi di assistenza domiciliare

Un'indagine di prevalenza

di D. Calamassi, C. Baldini, S. Niccolini, C. Perra, E. Rinaldini, M. Poli, T. Nannelli


imageimage

La salute orale ha un impatto significativo sulla qualita` della vita delle persone. Una buona salute orale consente di soddisfare i bisogni essenziali, come mangiare in maniera adeguata, gustare i cibi, comunicare efficacemente, sorridere ed evitare il degrado estetico. Al contrario, la scarsa salute orale influisce sul sonno, specialmente in presenza di dolore, e ha un impatto negativo sulla percezione di se stessi e sulla sicurezza di sé.

Obiettivo: Scopo dello studio è quello di stimare la prevalenza delle alterazioni della mucosa orale e le condizioni igieniche del cavo orale degli utenti in carico ai servizi di assistenza domiciliare di un'azienda sanitaria toscana.
Materiali e metodi: Sono stati inclusi 408 utenti. Tutti i soggetti sono stati sottoposti a una valutazione del cavo orale ed è stata effettuata un'intervista strutturata. L'osservazione è stata effettuata dal personale infermieristico che normalmente li segue, in quanto il servizio di assistenza domiciliare non contempla nel suo organico la figura dell'igienista dentale. Tutti gli infermieri sono stati specificamente formati da un odontoiatra, in merito alla rilevazione di segni di alterazione della mucosa orale e sono stati dotati di una pila a luce bianca (LED) per facilitare l'osservazione.
Risultati: Il 21% dei soggetti presentava lesioni infiammatorie localizzate alla mucosa orale e il 3,3% presentava lesioni di natura incerta. Il 17,6% presentava alterazioni riferite alla dentatura. Quasi la meta` dei pazienti presentava scarsi livelli di igiene orale.



Articoli correlati

Aumentano di oltre 100 posti, ma calano le sedi universitarie che scendono a 30. Ecco le assegnazioni per singolo Ateneo


Il primo device al mondo completamente automatizzato per l’igiene orale che non necessita dell’uso di acqua o dentifricio.


Prof. Levrini: una corretta igiene orale che includa l’utilizzo di un collutorio a base di CPC può essere uno strumento in più per proteggere la salute orale, anche dal Covid-19


approfondimenti     23 Novembre 2020

Premio Colgate 2020

Vince il progetto dell’Università degli Studi dell’Aquila: “Dal microbiota alla prevenzione e trattamento dei problemi gengivali”


I disturbi dell’alimentazione (ED), come l’anoressia o la bulimia, sono gravi malattie psicosociali che colpiscono adulti e soprattutto adolescenti.Gli individui affetti da ED...

di Alessandra Abbà


Altri Articoli

Aperte le preiscrizioni al Master universitario di 1° livello organizzata dal COI con la collaborazione dell’Università degli Studi di Torino che si terrà a partire da...


Agorà del Lunedì     20 Settembre 2021

Game changer….

Per il prof. Gagliani è questa la scelta che deve fare l’odontoiatra: riorganizzarsi per dare risposte alle “nuove” esigenze dei pazienti oppure arroccarsi in un giardinetto costituito di...

di Massimo Gagliani


Lutto nell’odontoiatria piemontese e nel mondo ordinistico per l’improvvisa scomparsa del presidente CAO del Verbano Cusio Ossola Claudio Buffi (nella foto) deceduto sabato scorso per un...


La sospensione è dal lavoro non dall’Ordine. Per i Giudici l’Ordine deve esclusivamente comunicare l’atto ricevuto dall’ASL e non adottare una delibera del Consiglio


A darlo per possibile il quotidiano online Huffington Post. Proposta accolta con soddisfazione dal presidente FNOMCeO Filippo Anelli


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio