HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
12 Marzo 2013

Il trauma gengivale è sicuro se lo spazzolino è duro

Lo spazzolino duro provoca fessure nei tessuti gengivali

di Cosma Capobianco


brushingbrushing

Le recessioni gengivali di origine traumatica dovute a uno spazzolino usato in modo troppo energico sono precedute dalla comparsa di fessure nei tessuti molli. Questo il risultato di una ricerca di tipo crossover appena pubblicata sul numero di gennaio del Journal of Clinical Periodontology da Greggianin e coll.
35 soggetti di età compresa tra 14 e 20 anni e in buona salute parodontale (perdita di attacco inferiore a 1 mm) sono stati divisi in 2 gruppi a seconda della durezza dello spazzolino (morbido/medio) e inseriti in uno studio di tipo crossover. In questo tipo di studio, gli stessi soggetti vengono sottoposti a 2 trattamenti diversi in tempi successivi: in pratica per un mese hanno usato un tipo di spazzolino e per il mese seguente hanno usato l'altro. Durante il tempo di osservazione, le loro gengive sono state fotografate ogni 2-3 giorni dopo avere usato una soluzione speciale che rivelava la presenza di fessure; le foto sono poi state valutate da un osservatore "cieco" non al corrente del tipo di ricerca. Alla fine del periodo di osservazione, in un paziente su 4 era presente almeno una fessura gengivale ma l'incidenza risultava maggiore dopo l'uso degli spazzolini di durezza media, portando il rischio di fessure a un valore doppio rispetto a quello dello spazzolino morbido. Il rischio aumentava anche in base al tempo trascorso e risultava più alto nei maschi. Anche la presenza di una preesistente perdita di attacco connettivale sul lato vestibolare innalzava il rischio di più di 5 volte.
L'apparente logicità di questa conclusione, che non sembrerebbe neppure meritare il tempo e la spesa di una ricerca, si scontra curiosamente contro le revisioni della letteratura eseguite secondo i canoni della medicina basata sulle evidenze. Leggendo infatti quella pubblicata pochi anni fa sulla medesima rivista (J Clin Periodontol. 2007 Dec;34(12):1046-61. Does tooth brushing influence the development and progression of non-inflammatory gingival recession? A systematic review) si apprende che i dati disponibili per sostenere o rifiutare l'associazione tra spazzolamento e recessione gengivale sono inconsistenti. Questo dopo che gli autori hanno esaminato gli articoli pubblicati dal 1966 al 2005, solo 8 dei quali sostengono l'associazione con la frequenza dello spazzolamento (non con il tipo di spazzolino); nel complesso, però, la qualità metodologica delle ricerche disponibili è definita non soddisfacente.

Articoli correlati

Al giorno d’oggi la carie rappresenta una patologia ancora molto diffusa che colpisce un gran numero di individui fin dall’età di 3 anni. Per questo tipo di patologia la prevenzione nei suoi...


Le lampade fotopolimerizzanti a diodi a emissione di luce (LED) e le lampade alogene al quarzo-tungsteno (QTH) sono usate comunemente in ambito odontoiatrico per la realizzazione...

di Lara Figini


L’iperplasia gengivale (GH) è un ispessimento benigno della gengiva caratterizzato dall’aumento di dimensioni e di volume della stessa. Le cause di GH variano e...

di Lara Figini


Il seminario mondiale 2017 sulla classificazione della malattia parodontale e delle condizioni perimplantari ha raccomandato l’adozione del termine “fenotipo parodontale”...

di Lara Figini


Un effetto collaterale comune dell’assunzione cronica sistemica di alcuni farmaci, tra cui la ciclosporina A (CsA), è l’ipertrofia gengivale. Questa complicanza orale...

di Lara Figini


Altri Articoli

Il primo passo si focalizza su una collaborazione tra lo scanner intraorale 3Shape TRIOS di 3Shape e gli allineatori trasparenti SureSmile di Dentsply Sirona


Agorà del Lunedì     14 Giugno 2021

E gli anziani?

La popolazione invecchia e sorridere potrebbe non essere più solo un privilegio per ricchi. Alcune considerazioni del prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


Contributo alle mamme medico o odontoiatre iscritte alla quota A e B e per le studentesse del V e VI anno in Medicina o Odontoiatria


Firmato il regolamento sul certificato COVID digitale UE che sancisce la fine dell'iter legislativo. Dal primo luglio sarà utilizzabile in Europa


I dottori commercialisti Alessandro ed Umberto Terzuolo consigliano e ci spiegano, come potrebbero essere “adattati” al settore dentale


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria al digitale non è solo protesi