HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
03 Ottobre 2014

Applicazioni topiche di fluoro anche per gli adulti? Risultati ancora da verificare ma promettenti

di Federico Mandelli


In occasione del 45° Congresso SIDO in programma a Firenze dal 9 al 12 ottobre il dott. Federico Mandelli (nella foto), ricercatore del gruppo del prof. Enrico Gherlone, Università Vita-Salute San Raffaele di Milano presenterà i risultati di una indagine, condotta con la dott.ssa Elisabetta Polizzi, che ha cercato di indagare l'efficacia delle applicazioni topiche di fluoro ad elevate concentrazioni, in particolare l'utilizzo di gel e vernici, nell'adulto.

Per effettuare l'indagine è stata condotta una ricerca bibliografica limitata agli studi clinici randomizzati e controllati su Medline (2000 - 2013), Scopus (2000 - 2013) e Cochrane Oral Health Group's Trials Register (2000 - 2013). Sono stati esclusi tutti gli studi in vitro e tutti quelli che non abbiano valutato l'incidenza di nuove lesioni cariose o la regressione di lesioni pre-esistenti. Sono stati esclusi tutti gli studi condotti su una popolazione di meno di 18 anni. I protocolli di ricerca dovevano comparare almeno un prodotto ad uso topico che contenesse fluoro al di sopra delle 5000 parti per milione.

Degli 819 articoli inizialmente selezionati, spiega l'autore,  solo due sono stati valutati idonei per la revisione finale. Il numero totale dei pazienti trattati è stato di 346, il follow-up è stato superiore ad un anno per entrambi gli studi. L'applicazione topica di fluoro ad elevate concentrazioni ha condotto ad una regressione significativa delle lesioni presenti e ha prevenuto l'insorgenza di nuove lesioni cariose rispetto al gruppo placebo. Non sono stati riscontrati effetti collaterali di rilievo.

"Il numero ridotto degli studi -conclude il dott. Mandelli- sebbene mostri risultati molto positivi, non ha permesso di trarre conclusioni di elevato valore di evidenza scientifica sull'efficacia dell'applicazione topica di fluoro ad alte concentrazioni negli adulti. I risultati restano comunque molto promettenti".

Articoli correlati

Un approccio ormai largamente diffuso e ben definito in terapia parodontale è quello di applicare antibiotici coadiuvanti per la soppressione delle specie batteriche parodontali- patogene dopo...


Il fluoro, nelle sue molteplici forme, è utilizzato in odontoiatria come misura preventiva della carie e in concentrazioni più basse può essere autoapplicato dal paziente...

di Lara Figini


Come per la maggior parte delle malattie croniche, è possibile evitare l’insorgenza e l’avanzamento della parodontite tenendo sotto controllo i fattori causali.Controllare il...

di Lara Figini


La fluorosi è una condizione cronica causata dall'eccessiva ingestione di fluoro. Ciò determina un’alterata formazione dello smalto, caratterizzata dall’ipomineralizzazione,...

di Simona Chirico


Altri Articoli

Raffaele Sodano ripercorre i passi che hanno portato alla vendita degli immobili dell’Ente di previdenza di medici e dentisti


Con il parere favorevole arriverebbe la proroga di 12 mesi alle norme transitorie decadute il 20 aprile scorso con l’entrata a regime del profilo dell’ASO


In particolare l’avvocato Colla affronta due aspetti, quello dell’affitto di uno studio già avviato e la questione del divieto di concorrenza


Il primo passo si focalizza su una collaborazione tra lo scanner intraorale 3Shape TRIOS di 3Shape e gli allineatori trasparenti SureSmile di Dentsply Sirona


Agorà del Lunedì     14 Giugno 2021

E gli anziani?

La popolazione invecchia e sorridere potrebbe non essere più solo un privilegio per ricchi. Alcune considerazioni del prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria al digitale non è solo protesi