HOME - Implantologia
 
 
03 Maggio 2016

Prp con l'innesto osseo nel rialzo di seno. Non sembra migliorare la sopravvivenza implantare

di Adelmo Calatroni


Una recente revisione sistematica della letteratura a cura di ricercatori brasiliani ha valutato gli effetti sulla formazione di nuovo osso e sulla sopravvivenza degli impianti del plasma arricchito di piastrine (Prp) in combinazione con l'innesto osseo nel rialzo del seno mascellare. Il risultato conferma i sospetti degli scettici: l'innesto unito al prp non esercita alcuna influenza: non migliora la sopravvivenza degli impianti né produce la formazione di tessuto osseo.

Il trattamento rigenerativo con il Prp era stato proposto in associazione con l'innesto osseo nella speranza che questa combinazione aiutasse i naturali processi di guarigione, grazie all'elevato contenuto di fattori di crescita piastrinici del Prp. Risultati promettenti erano emersi da alcuni studi, ma in molti altri non si erano notati benefici.

Per poter chiarire la questione risultava necessario prendere in considerazione tutti i contributi scientifici e gli autori hanno esteso la ricerca alle pubblicazioni avvenute dal 2000 al 2015, che ha portato all'inclusione dei dati provenienti da 17 studi utili per fare un'analisi qualitativa e di 13 per una più precisa in termini quantitativi; questi ultimi hanno preso in esame complessivamente 369 pazienti dall'età media di poco più di 50 anni per una valutazione di 621 interventi di rialzo del seno mascellare. Successivamente a una prima analisi dei dati, ne sono state fatte altre che non hanno rilevato differenze significative nel Quoziente di stabilità implantare (Isq), nella Perdita di osso marginale (Mbl), nell'altezza dell'osso alveolare, nella sopravvivenza dell'impianto o nella formazione ossea.

"L'utilizzo di Prp - commentano gli autori - si è dimostrato utile per la rigenerazione ossea in altre situazioni odontoiatriche, tuttavia questo effetto positivo non si è verificato quando il concentrato piastrinico viene utilizzato in associazione con l'innesto nell'intervento di elevazione del pavimento del seno mascellare per scopi implanto-protesici. Nonostante questo, il Prp potrebbe essere impegato per rendere più semplice maneggiare gli innesti di particolato, per migliorare la stabilità dell'innesto stesso dopo il rialzo del seno e rudurre i disagi del paziente attraverso una più rapida guarigione".

Adelmo Calatroni

Per approfondire: Lemos CA, Mello CC, Dos Santos DM, Verri FR, Goiato MC, Pellizzer EP. Effects of platelet-rich plasma in association with bone grafts in maxillary sinus augmentation: a systematic review and meta-analysis. Int J Oral Maxillofac Surg. 2016 Apr;45(4):517-25.

Articoli correlati

Uno studio inglese indaga il suo “potere distrattivo” durante le sedute

di Lara Figini


Chiudono gli studi singoli, tiene il fatturato ma sono le società ad incrementare


L'Ufficio Statistico dell'Unione Europea (Eurostat), come ogni anno, pubblica un una classifica delle varie professioni, anche quelle sanitarie, in base al numero dei professionisti in funzione del...


Da qualche giorno anche i possessori di smartphone e tablet della "mela morsicata" possono scaricare l'app realizzata dalla CAO Nazionale contro abusivi e prestanome.L'applicazione presentata il 14...


Altri Articoli

La nuova stretta del Governo verso i no-vax che dal 10 gennaio ha portato restrizioni a chi non ha il Green pass rafforzato per accedere ai mezzi di trasporto, bar, ristoranti, palestre, piscine etc,...

di Norberto Maccagno


Agorà del Lunedì     16 Gennaio 2022

Comprare vita ai denti

Come mai oltre la metà dei trattamenti periapicali fallisce? La domanda è lo spunto per il prof. Gagliani per fare alcune considerazioni sul tema dei ritrattamenti

di Massimo Gagliani


Sono già 20 le cliniche dentistiche Sanitas che raccolgono mascherine destinate al riciclaggio. Una mascherina FFP2 può impiegare 400 anni per decomporsi


Dall’Università di Ferrara il “Postgraduate Program for Proficiency in Periodontology” diretto dal prof. Trombelli. Iscrizioni entro 28 gennaio


Tra i punti: laurea triennale in facoltà ad indirizzo scientifico-tecnologico; professionista tecnico in ambito sanitario; esclusivo fabbricante di dispositivi medici su misura ad uso odontoiatrico


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi