HOME - Implantologia
 
 
27 Settembre 2016

Implantologia guidata contro implantologia tradizionale. Vantaggi e tassi di sopravvivenza

di Lara Figini


Allo stato attuale la riabilitazione orale tramite impianti deve prevedere, oltre a un buon risultato in termini di funzionalità, anche un raggiungimento estetico soddisfacente. Un'accurata progettazione quindi è necessaria per ottenere un ottimale posizionamento dell'impianto e per raggiungere questi goals (funzionalità ed estetica).

Intorno la metà degli anni novanta, la chirurgia implantare computerizzata guidata ha rapidamente preso piede e guadagnato popolarità (Verstreken 1996; Jacobs 1999).

Grazie a queste metodiche computerizzate l'implantologo può giovarsi di un maggior quantitativo di informazioni preoperatorie, godendo di significativi vantaggi nella pianificazione del trattamento oltre ad avere la possibilità di ridurre l'apertura di lembi muco-periostali, o eliminandoli addirittura , provocando così meno dolore e disagio per i patienti nel post-operatorio.

Le prove a sostegno dell'ipotesi che ci sia un vantaggio clinico reale utilizzando la chirurgia computerizzata guidata rispetto al posizionamento convenzionale degli impianti a mano libera, per la riabilitazione di un solo dente, sono però ancora limitate.

Una recente revisione pubblicata sull'Eur J Oral Implantol 2016 ha indagato proprio in questo senso. 19 studi clinici, che hanno analizzato i risultati clinici dell'implantologia computer-guidata

per denti mancanti singoli, sono stati identificati e inclusi in questa revisione, comprendendo 342 impianti singoli posizionati in 209 pazienti ( tra i 18 e i 67 anni), con un follow-up tra i 12 e i 52 mesi e con un tasso di sopravvivenza cumulativa che oscillava dal 96,5% al 100%.

Da questa revisione è emerso che i tassi di sopravvivenza, da 1 anno a 5 anni, per l'implantologia computer-guidata sono comparabili con quelli in cui il posizionamento dell'impianto è stato eseguito a mano libera in modo convenzionale rivelando nessuna evidente differenza tra le due metodiche cliniche.

Negli studi clinici inclusi in questa revisione non sono state riportate però le complicanze specifiche dell' implantologia computer- guidata quali la frattura della dima, il posizionamento non corretto dell'impianto, il cambiamento del piano di trattamento, la mancanza di stabilità primaria o la realizzazione di protesi non adeguate.

Uno dei vantaggi indiscutibili della chirurgia impiantare guidata è la mininvasività, in quanto è possibile ridurre i lembi o addirittura evitarli, permettendo la massima conservazione delle papille peri-implantari, e la riduzione delle recessioni delle mucose.

La procedura guidata offre una migliore pianificazione, e semplicità di procedura favorendo operatori magari anche un po' meno esperti. I costi ovviamente di questa metodica guidata sono maggiori e di questo va informato il paziente a priori, valutando insieme a lui i costi e i benefici.

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33

Bibliografia:

- Verstreken K, Van Cleynenbreugel J, Marchal G, Naert I, Suetens P, van Steenberghe D. Computer-assisted planning of oral implant surgery: a three-dimensional approach. Int J Oral Maxillofac Implants 1996;11: 806-810.

- Jacobs R, Adriansens A, Verstreken K, Suetens P, van Steenberghe D. Predictability of a three-dimensional planning system for oral implant surgery. Dentomaxillofac Radiol 1999;28: 105-111.

- Eur J Oral Implantol. 2016;9(2):135-53. Guided surgery with tooth-supported templates for single missing teeth: A critical review. Pozzi A, Polizzi G, Moy PK.

Articoli correlati

Le suture sono il dispositivo medico più utilizzato per la chiusura della ferita. Lo scopo principale della sutura è quello di controllare il sanguinamento nell’immediato...

di Lara Figini


Immagine di archivio

La rimozione chirurgica dei terzi molari mandibolari è uno dei trattamenti più frequentemente eseguito dai chirurghi orali, e nonostante l’ampio ricorso a procedure...

di Lara Figini


Una metodica per affrontare con sicurezza e con minore invasività la chirurgia orale e implantare. Ne abbiamo parlato con il dott. Angelo Cardarelli


La rimozione chirurgica dei terzi molari inferiori impattati o semi-impattati è una procedura di routine invasiva, eseguita da chirurghi orali e maxillo-faciali, che coinvolge...

di Lara Figini


Il nuovo libro di Angelo Cardarelli per fornire un approccio e un metodo ripetibili e predicibili per l’avulsione degli ele­menti dentari inclusi attraverso la chirurgia piezoelettrica


Altri Articoli

Grazie all’accordo con ANTLO si apre la sezione odontotecnica nell’area clinica ospitando contributi tecnici curati dai Docenti di ANTLO Formazione


Nisio: nel percorso è previsto il coinvolgimento di tutte le figure professionali che ruotano attorno al tema della formazione professionale, compresi i rappresentanti dei cittadini e dei pazienti


A tradirlo il tentativo di creare una società odontoiatrica in provincia di Trapani. Nei guai, tra gli altri, anche la cognata, un iscritto all’albo, un ex deputato ed il sindaco


Il presidente CAO di La Spezia porta la sua opinione sulla programmazione del numero di futuri dentista e puntualizza sulla differenza tra Odontostomatologia e Chirurgia maxillo-faciale


Uno studio spagolo ha analizzato l'impatto di Covid-19 sulla vulnerabilità auto-percepita e sui comportamenti messi in atto in relazione alle cure dentali e agli studi odontoiatrici   

di Davis Cussotto


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION