HOME - Implantologia
 
 
02 Novembre 2016

Scanner intraorale Vs impronta tradizionale. Uno studio straniero ha valutato il grado di precisione

di Davis Cussotto


Per realizzare un ponte su impianti è più preciso un modello virtuale nato da uno scanner intraorale o un modello tradizionale ricavato da una impronta di precisione per contatto?

Un team di ricercatori della Iwate Medical University (Japan) guidato da Hitoshi Ajioka hanno da poco pubblicato su PLOS, uno studio che evidenzia come il progresso delle tecnologie informatiche ha portato a un notevole miglioramento della precisione degli scanner ottici.

Esistono numerosi studi che evidenziano l'accuratezza dell'impronta ottica per riprodurre cavità o monconi di denti naturali, i ricercatori hanno voluto studiare l'accuratezza di uno scanner ottico nel rilevare l'impronta di un modello master di una bocca ricavato da una impronta convenzionale, in cui sono stati inseriti due impianti in zona 45,46 (Nobel Biocare) con relativi abutment alti 5 e 7 mm.

Il modello è stato scansionato da un scanner (Lava Chairside Scanner orale C.O.S., versione 3.0.2, 3M ESPE) . La precisione è stata misurata con una CNCCMM (computer numerical control coordinate measuring machine).

10 è il numero delle scansioni eseguite con Lava Scanner e altrettante con la CNCCMM . La distanza tra i due abutment collegati agli impianti è uno dei parametri presi in considerazione, con differenze di 20 micron tra le due apparecchiature.

Praticamente sovrapponibili i risultati delle misurazioni delle angogazioni degli stessi perni da impronta.

Gli autori concludono affermando che in uno studio analogo del 2013 le impronte digitali non erano così precise e che il progresso delle tecnologie informatiche ha portato un notevole miglioramento nella precisione degli scanner ottici. Ulteriori ricerche andranno fatte per studiare i dispositivi che via via verranno messi sul mercato.

A cura di: Davis Cussotto, odontoiatria libero professionista Twitter @DavisCussotto

Articoli correlati

La tecnologia dentale digitale ha recentemente acquisito una notevole popolarità ed è stata ormai ampiamente incorporata nel flusso di lavoro protesico e implantare.Per i...

di Lara Figini


Foto di archivio pre emergenza Covid-91

Una ricerca italiana pubblicata su Oral Disease di maggio, dimostra come con un approccio protesico completamente digitale si riesca a limitare il rischio di infezione da Covid-19 nello studio...

di Lara Figini


Dagli USA un’analisi di come e quali applicazioni digitali interesseranno il settore odontoiatrico nel futuro, e non solo per realizzare protesi o curare denti

di Davis Cussotto


La cementazione passiva è un fattore primario per il successo clinico a lungo termine e la sopravvivenza di una protesi dentale fissa (FDP) supportata da impianti. La scarsa...

di Lara Figini


Negli ultimi due decenni, l’usura dello smalto antagonista ai nuovi materiali dentali è diventato un criterio importante nella valutazione di questi stessi materiali.Il...

di Lara Figini


Altri Articoli

Riferito ai 4 mesi di pandemia è a disposizione di imprese e attività professionali con alcune limitazioni. Possibile decidere di “cederlo” 


Lo rivela uno studio pubblicato su Frontiers in Public Health. Secondo i ricercatori serve però tempo


Aggiornamento dell’Elenco delle società scientifiche e delle associazioni tecnico-scientifiche delle professioni sanitarie. Entro fine ottobre le domande


Una ricerca su JADA è lo spunto per le considerazioni del prof. Gagliani nella sua Agorà del Lunedì. L’argomento è la comunicazione della prevenzione, ma anche il valore delle revisioni...

di Massimo Gagliani


L'EFP lancia una nuova campagna internazionale per spiegare la relazione tra malattie cardiovascolari e salute delle gengive sulla base delle più recenti prove scientifiche e del contributo...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio