HOME - Implantologia
 
 
02 Novembre 2016

Scanner intraorale Vs impronta tradizionale. Uno studio straniero ha valutato il grado di precisione

di Davis Cussotto


Per realizzare un ponte su impianti è più preciso un modello virtuale nato da uno scanner intraorale o un modello tradizionale ricavato da una impronta di precisione per contatto?

Un team di ricercatori della Iwate Medical University (Japan) guidato da Hitoshi Ajioka hanno da poco pubblicato su PLOS, uno studio che evidenzia come il progresso delle tecnologie informatiche ha portato a un notevole miglioramento della precisione degli scanner ottici.

Esistono numerosi studi che evidenziano l'accuratezza dell'impronta ottica per riprodurre cavità o monconi di denti naturali, i ricercatori hanno voluto studiare l'accuratezza di uno scanner ottico nel rilevare l'impronta di un modello master di una bocca ricavato da una impronta convenzionale, in cui sono stati inseriti due impianti in zona 45,46 (Nobel Biocare) con relativi abutment alti 5 e 7 mm.

Il modello è stato scansionato da un scanner (Lava Chairside Scanner orale C.O.S., versione 3.0.2, 3M ESPE) . La precisione è stata misurata con una CNCCMM (computer numerical control coordinate measuring machine).

10 è il numero delle scansioni eseguite con Lava Scanner e altrettante con la CNCCMM . La distanza tra i due abutment collegati agli impianti è uno dei parametri presi in considerazione, con differenze di 20 micron tra le due apparecchiature.

Praticamente sovrapponibili i risultati delle misurazioni delle angogazioni degli stessi perni da impronta.

Gli autori concludono affermando che in uno studio analogo del 2013 le impronte digitali non erano così precise e che il progresso delle tecnologie informatiche ha portato un notevole miglioramento nella precisione degli scanner ottici. Ulteriori ricerche andranno fatte per studiare i dispositivi che via via verranno messi sul mercato.

A cura di: Davis Cussotto, odontoiatria libero professionista Twitter @DavisCussotto

Articoli correlati

Negli ultimi due decenni, l’usura dello smalto antagonista ai nuovi materiali dentali è diventato un criterio importante nella valutazione di questi stessi materiali.Il...

di Lara Figini


Geass è l’azienda italiana che da oltre trent’anni punta sulla qualità e sull’innovazione tecnologica offrendo a tutti i professionisti del dentale soluzioni per...


Nonostante il crescente interesse per le tecnologie digitali, le tecniche analogiche di presa dell’impronta in protesi fissa su denti naturali risultano largamente diffuse e...


Il flusso digitale della protesi nello studio e nel laboratorio odontotecnico non è il futuro è già una realtà, almeno secondo quanto emerge dalla ricerca condotta da Key-Stone...


Questi i principali ritrovati digitali già applicabili in studio

di Davide Elsido


Altri Articoli

La formazione per acquisire dignità professionale. Un testo ideale per i corsi di formazione ma anche per aggiornare chi non è obbligato a conseguire l’attestato di qualifica


Per la Cassazione non è ipotizzabile ricostruire il redito di un dentista sulla base degli acquisti senza tenere conto della contabilità dello studio


Presentato in provincia di Pisa un singolare progetto che lega la lettura alla cura della propria igiene orale


Rispettare l’ambiente costa fatica (in realtà poca), rinunce (anche queste poche) e quello dell’impegnarsi per il bene collettivo alla fine rischia di rimanere una frase che suona bene, ma molto...

di Norberto Maccagno


Si chiama Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati e si pone come portavoce di tutti coloro che credono nella Sanità Integrativa e vogliono renderla una opportunità per...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi