HOME - Implantologia
 
 
15 Novembre 2006

L'implantologia e il paziente bruxista

di C. Capobianco


Il bruxismo è considerato come una controindicazione relativa alla riabilitazione con impianti, eppure non esistono prove scientificamente valide secondo gli standard attuali che confermino questa raccomandazione.
Allo scopo di fare un po’ di luce sulla questione un gruppo dell’università olandese di Amsterdam ha svolto un’approfondita rassegna della letteratura pubblicandola sul Journal of Oral Rehabilitation.

Gli Autori hanno esaminato gli articoli pubblicati negli ultimi cinque anni trovandone nove che si occupavano specificamente del rapporto tra bruxismo e fallimenti implantari. Sulla base di questi hanno concluso che i dati disponibili non sono sufficienti né per sostenere, né per rifiutare l’ipotesi che il bruxismo sia causa del fallimento degli impianti.

A questo punto che fare?

Le precauzioni da prendere per assicurare lunga vita agli impianti in pazienti bruxisti - dice Claudio Nicita chirurgo della seconda divisione di chirurgia maxillo-facciale dell’ospedale Galeazzi di Milano diretta da Francesco Grecchi - comprendono le raccomandazioni generali valide anche per le protesi tradizionali: in primo luogo, l’implantologo deve cercare di inserire il maggior numero di impianti con le maggiori dimensioni possibili in base alle condizioni cliniche. Poi tocca al protesista, che deve evitare di scegliere materiali ceramici per le superfici occlusali, preferendo quelli a base di resine o compositi e deve prescrivere al laboratorio una modellazione occlusale piuttosto ‘piatta’ per evitare di originare interferenze. Infine, bisogna che il paziente collabori portando un bite durante la notte. Nel nostro reparto utilizziamo preferibilmente quelli in materiale termoplastico che non sono rigidi come quelli in resina acrilica.”

GdO 2006; 16

Articoli correlati

A cura della Commissione Albo Odontoiatri (CAO) nazionale e Italian Academy of Osseointegration (IAO), è frutto di un lavoro di revisione sul testo del 2014 in base agli aggiornamenti normativi


Per la Cassazione incombe sull’odontoiatra la prova dell'assenza del nesso causale. Leggi la sentenza


La cura dei pazienti è affare diverso dall’infilare delle viti nell’osso. Così il prof. Massimo Gagliani commentando un articolo pubblicato sul JDR nel suo Agorà del lunedì ...

di Massimo Gagliani


Ne parliamo con Alberto Fonzar che dice: ‘’Io sto dalla parte dei denti’’. Ecco i consigli su quali scelte proporre al paziente considerando sia gli aspetti clinici che economici


Seconda parte del percorso di ricerca per valutare quanto il posizionamento implantare possa essere condizionato/agevolato dalla misura della densità ossea e quale sia il modo migliore per...

di Danilo Alessio Di Stefano


Altri Articoli

Marin (ANTLO): ognuno a caldeggiare le proprie necessità, perché non si è fatto fronte comune? Davanti alla salute, misero rivendicare distinguo sindacali


Il presidente Landi su Open Access Government: la pandemia può essere un’opportunità per favorire l’accesso alle cure odontoiatriche e ripensare il futuro del settore


ANTLO incaricata dalla Regione di raccogliere i dati di tutti i titolari di laboratorio, socie e dipendenti inserendoli nel sistema di prenotazione della Regione


L’Associazione Odontoiatria Privata Italiana scrive la Ministro Speranza: ''mettiamo a disposizione i nostri studi quali ulteriori punti di vaccinazione''


Entro fine mese si devono comunicare i dati del 2020 secondo le vecchie disposizioni, ma per il 2021 la comunicazione diventa mensile e con più dati da inserire


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La professoressa Antonella Polimeni si racconta