HOME - Implantologia
 
 
15 Novembre 2006

L'implantologia e il paziente bruxista

di C. Capobianco


Il bruxismo è considerato come una controindicazione relativa alla riabilitazione con impianti, eppure non esistono prove scientificamente valide secondo gli standard attuali che confermino questa raccomandazione.
Allo scopo di fare un po’ di luce sulla questione un gruppo dell’università olandese di Amsterdam ha svolto un’approfondita rassegna della letteratura pubblicandola sul Journal of Oral Rehabilitation.

Gli Autori hanno esaminato gli articoli pubblicati negli ultimi cinque anni trovandone nove che si occupavano specificamente del rapporto tra bruxismo e fallimenti implantari. Sulla base di questi hanno concluso che i dati disponibili non sono sufficienti né per sostenere, né per rifiutare l’ipotesi che il bruxismo sia causa del fallimento degli impianti.

A questo punto che fare?

Le precauzioni da prendere per assicurare lunga vita agli impianti in pazienti bruxisti - dice Claudio Nicita chirurgo della seconda divisione di chirurgia maxillo-facciale dell’ospedale Galeazzi di Milano diretta da Francesco Grecchi - comprendono le raccomandazioni generali valide anche per le protesi tradizionali: in primo luogo, l’implantologo deve cercare di inserire il maggior numero di impianti con le maggiori dimensioni possibili in base alle condizioni cliniche. Poi tocca al protesista, che deve evitare di scegliere materiali ceramici per le superfici occlusali, preferendo quelli a base di resine o compositi e deve prescrivere al laboratorio una modellazione occlusale piuttosto ‘piatta’ per evitare di originare interferenze. Infine, bisogna che il paziente collabori portando un bite durante la notte. Nel nostro reparto utilizziamo preferibilmente quelli in materiale termoplastico che non sono rigidi come quelli in resina acrilica.”

GdO 2006; 16

Articoli correlati

Quali le maggiori cause di problemi legati ad un intervento implantare. Intervista doppia sul tema al presidente SIdP Mario Aimetti e al presidente IAO Alfonso Caiazzo 


Sebbene la densità ossea al sito di posizionamento implantare sia un fattore determinante per il successo dell’impianto, i metodi quantitativi attualmente disponibili per...

di Danilo Alessio Di Stefano


La domanda in odontoiatria è di quelle che possono fare discutere per mesi: è meglio provare a preservare un elemento dentale con ogni mezzo possibile o posizionare un impianto osteointegrato? Vi...

di Simona Chirico


Edentulia dei mascellari sarà una delle sfide che l’odontoiatria italiana dovrà affrontare sia dal punto di vista della qualità di vita dei pazienti che per gli aspetti economici e...


Quando la tecnologia elide l'imperfezione, nel rispetto dell'idea di tempo ben speso, è allora che la sintesi tra intelligenza artificiale e umana conquista vette altissime. Altrimenti si riduce ad...


Altri Articoli

Non sono certo i dati del Censis a dover confermare che la povertà, nel nostro paese, non sarebbe stata sconfitta nonostante gli annunci Pentastellati dai balconi. Basta fare un giro...

di Norberto Maccagno


Dopo l’Europa il Gruppo Editoriale EDRA sbarca negli Stati Uniti e lo fa puntando su due settori strategici come la veterinaria e l’odontoiatria


Al 38° Congresso AIOP si è approfondito il tema “dell’umanizzazione” della protesi e dei pazienti fragili. Guarda la Tavola rotonda organizzata sul tema


Dopo la presentazione del Manuale di Odontoiatria Speciale, dal suo 20° Congresso la SIOH punta alla formazione e sensibilizzazione dell’odontoiatra verso un’odontoiatria a misura dei pazienti...


Dagli USA un’analisi di come e quali applicazioni digitali interesseranno il settore odontoiatrico nel futuro, e non solo per realizzare protesi o curare denti

di Davis Cussotto


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi