HOME - Implantologia
 
 
15 Novembre 2006

L'implantologia e il paziente bruxista

di C. Capobianco


Il bruxismo è considerato come una controindicazione relativa alla riabilitazione con impianti, eppure non esistono prove scientificamente valide secondo gli standard attuali che confermino questa raccomandazione.
Allo scopo di fare un po’ di luce sulla questione un gruppo dell’università olandese di Amsterdam ha svolto un’approfondita rassegna della letteratura pubblicandola sul Journal of Oral Rehabilitation.

Gli Autori hanno esaminato gli articoli pubblicati negli ultimi cinque anni trovandone nove che si occupavano specificamente del rapporto tra bruxismo e fallimenti implantari. Sulla base di questi hanno concluso che i dati disponibili non sono sufficienti né per sostenere, né per rifiutare l’ipotesi che il bruxismo sia causa del fallimento degli impianti.

A questo punto che fare?

Le precauzioni da prendere per assicurare lunga vita agli impianti in pazienti bruxisti - dice Claudio Nicita chirurgo della seconda divisione di chirurgia maxillo-facciale dell’ospedale Galeazzi di Milano diretta da Francesco Grecchi - comprendono le raccomandazioni generali valide anche per le protesi tradizionali: in primo luogo, l’implantologo deve cercare di inserire il maggior numero di impianti con le maggiori dimensioni possibili in base alle condizioni cliniche. Poi tocca al protesista, che deve evitare di scegliere materiali ceramici per le superfici occlusali, preferendo quelli a base di resine o compositi e deve prescrivere al laboratorio una modellazione occlusale piuttosto ‘piatta’ per evitare di originare interferenze. Infine, bisogna che il paziente collabori portando un bite durante la notte. Nel nostro reparto utilizziamo preferibilmente quelli in materiale termoplastico che non sono rigidi come quelli in resina acrilica.”

GdO 2006; 16

Articoli correlati

Per il prof. Matteo Chiapasco la formazione è alla base del successo. “Non basta sapere inserire l’impianto ma si deve conoscere il contesto anatomico e valutare quello clinico” 


Iandolo: “Strumentalizzazione dei canali TV nazionali, danno d’immagine per tutta la categoria degli odontoiatri”


Garantirsi una buona “web reputation” è uno degli aspetti che anche lo studio odontoiatrico dovrebbe considerare.Da tempo l’amico Davis Cussotto ne parla su Odontoiatria33 dando...

di Norberto Maccagno


Il prof. Gagliani si sofferma su di un lavoro che analizza un'overdenture mandibolare supportata da quattro impianti corti si è dimostrata una modalità di trattamento valida per mandibole atrofiche

di Massimo Gagliani


Altri Articoli

Per questo ultimo DiDomenica prima della pausa estiva ho voluto incontrare la dott.ssa Donatella Di Pietrantonio, odontoiatria tra le scrittici italiane emergenti di questi anni.La dott.ssa Di...

di Norberto Maccagno


Ogni anno la multinazionale con il Global Clinical Case Contest premia gli studenti di tutto il mondo per i loro rimarchevoli successi nel settore dell’odontoiatria estetica. ...


Pratica commerciale scorretta l’accusa dell’Antitrust. L’indagine era partita dalla denuncia di Altroconsumo 


La comunità scientifica e la politica si stanno interrogando. Ecco per quali categorie potrebbe diventare realtà il richiamo 


Sarebbero tra il decreto 101 rispetto alle indicazioni della Commissione Europea. L’esperto di radioprotezione Giancarla Rossetti le segnala al Ministro della Salute con la richiesta di annullare...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio