HOME - Implantologia
 
 
06 Dicembre 2016

Controllo glicemico nei pazienti diabetici e impianti dentali. Una ricerca ha fornito indicazioni

di Adelmo Calatroni


Da tempo la comunità scientifica si sta chiedendo se il diabete non ben controllato comporti una maggiore probabilità di fallimento implantare. Una recente metanalisi, condotta da studiosi cinesi e pubblicata sul Journal of the American Dentist Association, ha però fornito indicazioni piuttosto favorevoli, anche se non è riuscita a dire una parola definitiva su questa questione molto dibattuta, evidentemente per la scarsità di studi di buona qualità sull'argomento.

I pazienti con diabete vanno incontro con maggiore frequenza alla perdita di denti che, oltre alle implicazioni estetiche e psicologiche, comporta il peggioramento della funzione masticatoria, che a sua volta influisce sulla corretta assunzione degli alimenti, così essenziale per il controllo glicemico.

I clinici ritengono da molto tempo che il diabete debba indurre a maggiore cautela nel posizionamento di impianti dentali, perché l'osteointegrazione è un prerequisito per il successo implantare ed è noto che il diabete ha un'influenza negativa sulla formazione e il rimodellamento osseo. Tuttavia le evidenze scientifiche dimostrano che le percentuali di successo degli impianti nei pazienti con diabete ben controllato sono simili a quelle che si ottengono nella popolazione generale.

I ricercatori cinesi hanno adottato una prospettiva diversa e per la prima volta hanno messo a confronto i fallimenti implantari in soggetti diabetici con o senza controllo glicemico. La ricerca in letteratura ha portato a individuare sette studi che hanno esaminato un totale di 252 pazienti e 587 impianti. Il tasso totale di fallimento nei pazienti con diabete non ben controllato è stato del 5,32%, superiore rispetto al 3,15% riscontrato nei soggetti con un buon controllo glicemico. Ma un'analisi statistica più approfondita non ha indicato un rischio maggiore dei primi rispetto ai secondi suggerendo che, allo stato attuale delle nostre conoscenze, non esiste una controindicazione all'implantologia nei pazienti diabetici, anche se il controllo glicemico non è ottimale. Gli autori raccomandano tuttavia un'attenzione particolare, anche in considerazione dei tempi più prolungati di guarigione, che si sono confermati anche in questa metanalisi.

Adelmo Calatroni

Per approfondire: Shi Q, Xu J, Huo N, Cai C, Liu H. Does a higher glycemic level lead to a higher rate of dental implant failure?: A meta-analysis. J Am Dent Assoc. 2016 Nov;147(11):875-881.

Articoli correlati

Considerando la natura cronica e la patogenesi complessa della parodontite, la sua insorgenza è correlata a disturbi del sinergismo polimicrobico che provoca disbiosi.La sindrome...

di Lara Figini


Pubblicato uno dei primi lavori europei riguardante l’impatto che il Covid-19 ha avuto sugli odontoiatri. Ricerca condotta grazie alla collaborazione tra Federazione Regionale degli Ordini...


In uno studio pubblicato sul Journal of Dental Research di marzo 2020, gli autori introducono le conoscenze essenziali su COVID-19 e forniscono protocolli di gestione per i dentisti dei trattamenti...

di Lara Figini


Scoperte sul conto corrente somme di denaro senza corrispondenza fiscale


Troppi strumenti usa e getta utilizzati rispetto alle prestazioni fatturate, per questo motivo un dentista di Genova, che da vent'anni esercita la professione in due studi, riceve un avviso di...


Altri Articoli

Tra le richieste anche quella di sostenere la produzione europea. Già oggi in commercio prodotti riciclabili che rispettano le indicazioni ministeriali, l’ambiente e risultando anche economici


Finisce davanti al giudice la richiesta di un ASO che riteneva i problemi a schiena e spalle fossero di natura professionale. Riconosciuto l’indennizzo per l’inabilità certificata


Fino al 28 ottobre sarà possibile iscriversi al test per l’anno accademico 2020-2021. 25 i posti disponibili, Roma la sede dei corsi 


Riferito ai 4 mesi di pandemia è a disposizione di imprese e attività professionali con alcune limitazioni. Possibile decidere di “cederlo” 


Lo rivela uno studio pubblicato su Frontiers in Public Health. Secondo i ricercatori serve però tempo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio