HOME - Implantologia
 
 
24 Maggio 2017

Riabilitazione di premolare superiore con pilastri XA

di Xavier Rodriguez Ciurana e Xevier Vela Nebot


Il caso presenta la riabilitazione di un premolare superiore interessato dal fallimento di un trattamento endodontico in una paziente donna di 37 anni, non fumatrice e con una buona igiene.

A seguito dell'analisi radiografica viene pianificata l'estrazione atraumatica del premolare con l'inserimento contestuale di un impianto Shelta. La riabilitazione immediata viene eseguita con un pilastro XA per protesi avvitata, su cui viene fissato un provvisorio realizzato in laboratorio secondo i principi dei profili di emergenza della tecnica B.O.P.T.

Il caso

Donna, 37 anni, non fumatrice, con una buona igiene, si presenta in studio con un fallimento del trattamento endodontico dell'elemento 1.4.

  • 1. Caso iniziale: il fallimento endodontico rende necessaria l’estrazione dell’elemento 1.4, operazione complicata dato che la parete vestibolare si presenta sottile

  • 1. Caso iniziale: il fallimento endodontico rende necessaria l’estrazione dell’elemento 1.4, operazione complicata dato che la parete vestibolare si presenta sottile

  • 1. Caso iniziale: il fallimento endodontico rende necessaria l’estrazione dell’elemento 1.4, operazione complicata dato che la parete vestibolare si presenta sottile

  • 2. Estrazione atraumatica del premolare 1.4 mantenendo integre tutte le pareti dell’alveolo

  • 3. Successivamente l’alveolo viene disepitelializzato

  • 3. Successivamente l’alveolo viene disepitelializzato

  • 4. Inserimento 1 mm sottocrestale dell’impianto Shelta SL diametro 4.25 e altezza 10.00 mm, secondo il protocollo XA

  • 5. Pilastri XA per protesi avvitata

  • 6. Inserimento del pilastro XA per protesi avvitata: visione occlusale e vestibolare

  • 6. Inserimento del pilastro XA per protesi avvitata: visione occlusale e vestibolare

  • 7. Secondo la tecnica B.O.P.T., il provvisorio viene realizzato leggendo il margine sottogengivale per mezzo di uno sgusciato preformato eseguito dal laboratorio e ribasato con resina REEF. Il margine verrà prima riempito e poi fresato per ottenere un profilo idoneo a guidare i tessuti molli

  • 7. Secondo la tecnica B.O.P.T., il provvisorio viene realizzato leggendo il margine sottogengivale per mezzo di uno sgusciato preformato eseguito dal laboratorio e ribasato con resina REEF. Il margine verrà prima riempito e poi fresato per ottenere un profilo idoneo a guidare i tessuti molli

  • 10. Follow-up a due mesi: nella visione occlusale si apprezzano i tessuti molli, molto vascolarizzati

  • 10. Follow-up a due mesi: nella visione occlusale si apprezzano i tessuti molli, molto vascolarizzati

  • 11. Scelta del colore più adeguato della protesi

  • 13. Finalizzazione della corona avvitata definitiva su modello con gengiva rimovibile

  • 13. Finalizzazione della corona avvitata definitiva su modello con gengiva rimovibile

  • 14. Visione mesiale e distale della corona definitiva: i profili di emergenza che la caratterizzano seguono i principi della tecnica B.O.P.T.

  • 14. Visione mesiale e distale della corona definitiva: i profili di emergenza che la caratterizzano seguono i principi della tecnica B.O.P.T.

  • 15. Protesi definitiva avvitata in bocca al paziente: visione occlusale e vestibolare

  • 15. Protesi definitiva avvitata in bocca al paziente: visione occlusale e vestibolare

  • 16. Follow-up a 6 mesi: è evidente una notevole migrazione coronale del margine gengivale e delle papille

  • 17. Radiografia di controllo. Dopo un anno il tessuto osseo perimplantare non mostra alcun tipo di riassorbimento

  • 18. Dettaglio della riabilitazione a 12 mesi. I tessuti si mantengono stabili, con un ottimo aspetto del margine gengivale e delle papille interprossimali

Articoli correlati

Semplicità è la parola chiave della nuova gamma di micromotori per implantologia e chirurgia orale sviluppata da Bien-Air Dental


Quali le maggiori cause di problemi legati ad un intervento implantare. Intervista doppia sul tema al presidente SIdP Mario Aimetti e al presidente IAO Alfonso Caiazzo 


Sebbene la densità ossea al sito di posizionamento implantare sia un fattore determinante per il successo dell’impianto, i metodi quantitativi attualmente disponibili per...

di Danilo Alessio Di Stefano


La domanda in odontoiatria è di quelle che possono fare discutere per mesi: è meglio provare a preservare un elemento dentale con ogni mezzo possibile o posizionare un impianto osteointegrato? Vi...

di Simona Chirico


Edentulia dei mascellari sarà una delle sfide che l’odontoiatria italiana dovrà affrontare sia dal punto di vista della qualità di vita dei pazienti che per gli aspetti economici e...


Altri Articoli

La Consulta Nazionale dei CAF chiede un intervento del Ministero delle finanze per evitare criticità per contribuenti e prestatori di servizi


Ammessi solo quelli che riguardavano proroghe. L’On leghista prova anche la carta del ricorso ma senza successo. Tenterà altre strade


Abbiamo sottoposto al componente odontoiatra della Commissione nazionale ECM Alessandro Nisio alcuni dubbi e quesiti posti dai nostri lettori. Ecco le sue indicazioni e i consigli


Il Consiglio Nazionale SUSO ha deliberato di rinnovare grafica e simboli del logo del Sindacato


Per il dott. Mele il tentativo del Governo di risparmiare complicando la vita ai contribuenti è un comportamento “disgustoso”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni