HOME - Implantologia
 
 
29 Giugno 2017

Gli impianti migliorano la qualità della vita nei pazienti con edentulie parziali

di Davis Cussotto


Sostituire uno o più elementi dentali persi con protesi fisse su impianti, migliora notevolmente il confort masticatorio e la qualità della vita del paziente. A dimostrarlo è lo studio di Bader Alzarea, professore di protesi presso Al Jouf University College of Dentistry a Sakakah, (Saudi Arabia) recentemente pubblicato sul Journal of Clinical and Experimental Dentistry.

La ricerca clinica in protesi è per lo più orientata a indagini prospettiche sulla durata degli impianti, dei dispositivi protesici e sulla insorgenza di complicanze. Per il paziente l'ottica è completamente diversa, sono importanti gli aspetti psicologici e i risvolti sociali del trattamento. "Pochi sono infatti gli studi -scrive Alzarea - sulla qualità della vita di pazienti con edentulie parziali".

Lo studio ha coinvolto 79 pazienti (47 uomini e 39 donne) in buona salute con età compresa tra i 39 e gli 81 anni con edentulie parziali, trattati al Al Jouf University College of Dentistry tra il 2013 e il 2016.

Gli impianti inseriti (232), hanno supportato corone singole o restauri fissi da due a cinque elementi dentali.

Prima della fase chirurgica, è stato somministrato ai pazienti l'Oral Health Impact Profile (OHIP) un questionario psicometrico con 49 domande che indaga problematiche psicologiche e comportamentali legate alla salute orale. L'OHIP è stato poi riproposto a 2 e 3 anni dall' inserimento degli impianti. Ricordo che l'abbassamento degli indici indica un miglioramento della qualità di vita.

Le funzioni monitorate risultano tutte migliorate, in particolare : le limitazioni funzionali, il dolore fisico, il disagio psicologico, il disagio fisico, l'handicap psicologico e l'handicap sociale. La caduta degli indici dell'OHIP è infatti significati per tutte le funzioni citate.

I risultati suggeriscono un miglioramento della qualità della vita dei pazienti dopo trattamento implantare. Non ci sono differenze significative degli indici tra i due sessi e nelle diverse classi di età.


Cussotto Davis

Per approfondire:

Assessment and Evaluation of Quality of Life (OHRQoL) of Patients with Dental Implants Using the Oral Health Impact Profile (OHIP-14) - A Clinical Study.. Alzarea BK. J Clin Diagn Res. 2016 Apr;10(4):ZC57-60

Articoli correlati

Lo spiega a Dica33 il presidente SIdP in una video intervista che può essere condivisa con i propri pazienti per sensibilizzarli sulla necessità di mantenere in salute non solo i denti naturali ma...


A cura della Commissione Albo Odontoiatri (CAO) nazionale e Italian Academy of Osseointegration (IAO), è frutto di un lavoro di revisione sul testo del 2014 in base agli aggiornamenti normativi


Per la Cassazione incombe sull’odontoiatra la prova dell'assenza del nesso causale. Leggi la sentenza


La cura dei pazienti è affare diverso dall’infilare delle viti nell’osso. Così il prof. Massimo Gagliani commentando un articolo pubblicato sul JDR nel suo Agorà del lunedì ...

di Massimo Gagliani


Ne parliamo con Alberto Fonzar che dice: ‘’Io sto dalla parte dei denti’’. Ecco i consigli su quali scelte proporre al paziente considerando sia gli aspetti clinici che economici


Altri Articoli

Il rapporto WHO che riconosce la salute orale come "parte integrante del benessere generale della persona"


Fra le principali richieste dell'Associazione: protezione legale e miglioramento al programma di protezione dei compensi


Introdotti nel nuovo impianto contrattuale strumenti capaci di fronteggiare la continua evoluzione del mercato del lavoro 


Fondazione ANDI organizza lunedì 8 marzo un webinar sull’importanza della prevenzione e dell’intercettazione precoce del fenomeno


Parere positivo della Commissione Nazionale ECM alla bozza di decreto attuativo della Legge Gelli predisposto dal MISE


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria protesica oggi: il punto di vista della neo presidente AIOP