HOME - Implantologia
 
 
19 Ottobre 2017

Incidenza e fattori correlati alla frattura degli impianti

di Lara Figini


La frattura di un impianto è una complicanza non frequente in implantologia ma pur sempre

rappresenta un fallimento. Vari fattori sono stati suggeriti come possibili cause eziologiche della frattura dell' impianto e sono:

  • una progettazione dell'impianto scorretta;
  • l'adattamento passivo dell'abutment;
  • il sovraccarico biomeccanico.

L'incidenza delle fratture degli impianti secondo Berglundh et al., che hanno revisionato 159 articoli sulle complicanze nell'implantologia, per un periodo di 5 anni, è inferiore all'1% (0,08 a 0,74%).

Le fratture degli impianti dentali sono spesso associate a reazioni infiammatorie nel sito della frattura, con sanguinamento al sondaggio e perdita di struttura ossea e formazione di tasche parodontali più o meno accentuate.

Ma quali sono realmente i fattori maggiormente associati alla frattura dell'impianto e con quale frequenza si riscontra la frattura?

In uno studio retrospettivo di coorte di settembre 2017 pubblicato sul Journal of Oral and Maxillofacial Surgery sono stati raccolti dati da due centri di implantologia e sono stati raggruppati nelle seguenti categorie: aspetto demografico, posizione dell'impianto, caratteristica fisica dell'impianto, tipo di connessione impianto-abutment, tipo di protesi, tipo di ritenzione.

Il test di Kaplan-Meier è stato usato dagli autori per stimare la sopravvivenza dell'impianto.

Un modello di regressione Cox è stato applicato per valutare l'effetto tempo-evento delle variabili sulla frattura dell'impianto.

I risultati ottenuti dagli autori sono stati i seguenti:

Di ​​18.700 impianti, 37 (0,002%) sono andati incontro a fratture. Il rischio di frattura dell'impianto a 1 anno e a 5 anni è stato dello 0,38 per 1.000 e dell'1.46 per 1.000, rispettivamente. Le fratture dell'impianto si sono verificate più spesso nell'area premolare e nell'area molare (94,6%) rispetto alle aree anteriori . Il test di correlazione Pearson non ha mostrato alcuna correlazione

tra età del paziente, diametro dell'impianto, lunghezza dell'impianto e tempo di frattura (P> .05). L'analisi dei dati mediante test di log-rank ha mostrato una differenza significativa per la sopravvivenza tra impianti con corone cementate e impianti con corone avvitate (P = .001). Il modello di regressione Cox ha mostrato un rapporto di rischio di 0,23 per gli impianti conici

contro quelli cilindri e per le corone avvitate (rapporto rischio, 296,54) rispetto alle corone cementate.

In base ai risultati di questo studio si può affermare che l'incidenza di frattura degli impianti è maggiore per gli impianti conici e per le protesi avvitate che hanno dimostrato più bassi tassi di sopravvivenza a causa della frattura della fixture.

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33

Per approfondire:

  • Berglundh T, Persson L, Klinge B:  A systematic review of the incidence of biological and technical complications in implant dentistry reported in prospective longitudinal studies of at least 5 years.  J Clin Periodontol 29(Suppl 3):197, 2002
  • What Are the Incidence and Factors Associated With Implant Fracture? Tabrizi R, Behnia H, Taherian S, Hesami N. J Oral Maxillofac Surg. 2017 Sep;75(9):1866-1872.

Articoli correlati

Lo spiega a Dica33 il presidente SIdP in una video intervista che può essere condivisa con i propri pazienti per sensibilizzarli sulla necessità di mantenere in salute non solo i denti naturali ma...


A cura della Commissione Albo Odontoiatri (CAO) nazionale e Italian Academy of Osseointegration (IAO), è frutto di un lavoro di revisione sul testo del 2014 in base agli aggiornamenti normativi


Per la Cassazione incombe sull’odontoiatra la prova dell'assenza del nesso causale. Leggi la sentenza


La cura dei pazienti è affare diverso dall’infilare delle viti nell’osso. Così il prof. Massimo Gagliani commentando un articolo pubblicato sul JDR nel suo Agorà del lunedì ...

di Massimo Gagliani


Ne parliamo con Alberto Fonzar che dice: ‘’Io sto dalla parte dei denti’’. Ecco i consigli su quali scelte proporre al paziente considerando sia gli aspetti clinici che economici


Altri Articoli

Prof. Lior Shapira, presidente dell’European Federation of Periodontology: “La cura orale dovrebbe far parte delle raccomandazioni sanitarie per ridurre il rischio di gravi esiti legati al...


Indagine SIdP conferma: i protocolli adottati anti Covid sono efficaci, meno dell’1% il tasso di contagio. L’odontoiatra informato si sente più sicuro sul luogo di lavoro


E’ la nostra identità digitale pubblica. Ecco come richiederlo e quali sono i provider che lo forniscono gratuitamente


Il Segretario Sindacale AIO Roma interviene su alcuni servizi che si offrono di procurare clienti allo studio odontoiatrico


Da Sx: Luigi Paglia Presidente di Fondazione –ISI, Luisa Pavia Amministratore Delegato di CAF Onlus, Giovanni Bianco Presidente di ISI e Filippo Azzali Direttore Sanitario ISI

Rinnovato accordo con Fondazione ISI per offrire cure odontoiatriche gratuite ai piccoli ospiti del Centro di Aiuto al Bambino Maltrattato e alla Famiglia in crisi di Milano


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria protesica oggi: il punto di vista della neo presidente AIOP