HOME - Implantologia
 
 
08 Dicembre 2008

Implantologia osteointegrata: interdisciplinarità e nuove tecnologie


Il Congresso annuale della Società italiana di implantologia osteointegrata, che si terrà a Bologna il 30 e il 31 gennaio 2009, avrà come filo conduttore il tema delle nuove tecnologie e la interdisciplinarità.
La moderna implantologia osteointegrata rappresenta sempre più un delicato compendio tra capacità intellettuali e tecniche del clinico e nuove soluzioni ad alto profilo tecnologico, capaci di guidare il percorso diagnostico e terapeutico in modo efficiente ed efficace.
L'evoluzione delle tecniche, i nuovi materiali e superfici implantari, le soluzioni computer-assistite, permettono d'individuare nuovi percorsi clinici e di ricerca. Un panel di relatori di fama internazionale, clinici e ricercatori, si propongono di valutare criticamente le nuove soluzioni tecnologiche, alla luce della evidenza scientifica disponibile e nella salvaguardia dei principi della buona pratica clinica.
La terapia implanto-protesica si inserisce in un percorso diagnostico e terapeutico che vede perfettam,ente integhrate le priorità e le esigenze del paziente con tutte le soluzioni terapeutiche disponibili atte alla salvaguardia della dentizione esistente e al recupero riabilitativo della funzionalità deficitaria. All'approccio interdisciplinare verrà interamente dedicato il corso del sabato, organizzato in collaborazione con Sicoi, che vedrà alternarsi il parodontologo, il chirurgo orale e il protesista, nell'obiettivo di fornire un quadro dignostico e terapeutico esaustivo e completo al caso di particolare complessità clinica.
Numerose sono le altre peculiarità di rilievo del Congresso. Innanzitutto, la lectio magistralis del dottor Pierpaolo Cortellini che farà il punto sulle tecnologie presenti e future per il recupero del dente parodontalemnte compromesso. Anche quest'anno sarà assegnata la International Research Fellowship, la borsa dis tuio Sio, riservata a un giovane neolaureato cui verrà data la possibilità di svolgere un programma di ricerca in campo implantologico presso l'Università Complutense di Madrid.
Particolare attenzione merita il corso riservato agli igienisti dentali sul determinante contributo di quersta figura professionale nel garantire la prognosi a lungo termine degli impianti.

Redazione

Articoli correlati

Nell’ultimo numero di The Angle Orthodontist è stata pubblicata una revisione sistematica sugli effetti dell’espansione rapida del mascellare (RME) sulle articolazioni temporo-mandibolari. La...

di Davide Elsido


Lesione fortemente invalidante che a seconda della natura può essere trattata. Queste le indicazioni ed i consigli del prof. Biglioli


Nel CdA gli odontoiatri Claudio Capra (Vicepresidente), Luigi Daleffe Coordinatore del processo di attuazione della politica di investimento e Stefano Mirenghi


Premiato il rigore scientifico, la volontà nel perseguire l’eccellenza divulgativa e l’entusiasmo che caratterizzano il lavoro di tutto il Consiglio Direttivo della SIOI


Altri Articoli

Disponibile la registrazione completa del webinar live dal titolo “Covid-19: ci si può organizzare per una prevenzione più “strutturale” e meno invasiva?”


Due le possibilità per gli iscritti, una applicabile da subito, l’atra solo se i Ministeri vigilanti daranno parere favorevole. Ecco le indicazioni di ENPAM


Il 68,3% ha superato la soglia minima di 20 punti. Dal 25 settembre i candidati potranno conoscere la posizione in graduatoria e capire se rientreranno tra i 1.103 studenti che potranno iscriversi...


In pieno svolgimento il 27° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari online. Caricati i video di nuovi simposi ed approfondimenti


L’uso prolungato delle mascherine comporterebbe, indirettamente, problemi a gengive e denti. Ecco cosa spiegare ai propri pazienti per rimediare


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio