HOME - Implantologia
 
 
18 Dicembre 2008

Congresso Sio 2009. Implantologia osteointegrata: interdisciplinarità e nuove tecnologie


Cari Colleghi,
è con grande soddisfazione che vi presento il Congresso Annuale della Società Italiana di Implantologia Osteointegrata. Come vedete dal titolo, i fili conduttori, ispiratori del percorso culturale e scientifico di questo evento, saranno le nuove tecnologie e la interdisciplinarità. Perchè “nuove tecnologie”? Perchè crediamo che la moderna Implantologia Osteointegrata rappresenti sempre più un delicato compendio tra capacità intellettuali e tecniche del clinico, da un lato, e nuove soluzioni ad alto profilo tecnologico, capaci di guidare il percorso diagnostico e terapeutico in modo efficiente ed efficace, dall’altro. L’evoluzione delle tecniche, i nuovi materiali e superfici implantari, le soluzioni computer-assistite, ci permettono di individuare nuovi percorsi clinici e di ricerca. Per questo abbiamo invitato un panel di relatori di fama internazionale, clinici e ricercatori, attraverso i quali ci proponiamo di valutare criticamente le nuove soluzioni tecnologiche, alla luce della evidenza scientifica disponibile e nella salvaguardia dei principi della Buona Pratica Clinica.

Perché “Interdisciplinarità”? Perché crediamo che la terapia implanto-protesica si debba inserire in un percorso diagnostico e terapeutico che vede perfettamente integrate le priorità e le esigenze del paziente con tutte le soluzioni terapeutiche disponibili atte alla salvaguardia della dentizione esistente e al recupero riabilitativo della funzionalità deficitaria. All’approccio interdisciplinare verrà interamente dedicato il Corso del sabato, organizzato in collaborazione con SICOI, che vedrà alternarsi il Parodontologo, il Chirurgo Orale e il Protesista, nell’obbiettivo di fornire un quadro diagnostico e terapeutico esaustivo e completo al caso di particolare complessità clinica.

Prof. Leonardo Trombelli
Presidente della Società Italiana di Implantologia Osteointegrata

Redazione

Articoli correlati

Maggiore collaborazione e dialogo tra le OMCeO coinvolte ed attenzione sui tempi che dovrebbero rimanere entro i trenta giorni


L’infezione persistente dopo il trattamento canalare può causare la mancata guarigione delle lesioni periapicali ed è indice della necessità di un ritrattamento ortogrado o...

di Lara Figini


Disco verde dalle Regioni alle modifiche dell’Accordo sulla specialistica ambulatoriale. Passano anche le aperture agli odontoiatri non specialisti


Potrà essere utilizzato dagli studi con più di 3 dipendenti in caso di riduzione o sospensione dell’attività. Soddisfazione del presidente di Confprofessioni


Oliveti: grazie a quest’operazione guardiamo al futuro con tranquillità ancora maggiore, potendo contare su un patrimonio che offrirà riserve adeguate


Altri Articoli

Raffaele Sodano ripercorre i passi che hanno portato alla vendita degli immobili dell’Ente di previdenza di medici e dentisti


Con il parere favorevole arriverebbe la proroga di 12 mesi alle norme transitorie decadute il 20 aprile scorso con l’entrata a regime del profilo dell’ASO


In particolare l’avvocato Colla affronta due aspetti, quello dell’affitto di uno studio già avviato e la questione del divieto di concorrenza


Il primo passo si focalizza su una collaborazione tra lo scanner intraorale 3Shape TRIOS di 3Shape e gli allineatori trasparenti SureSmile di Dentsply Sirona


Agorà del Lunedì     14 Giugno 2021

E gli anziani?

La popolazione invecchia e sorridere potrebbe non essere più solo un privilegio per ricchi. Alcune considerazioni del prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria al digitale non è solo protesi