HOME - Implantologia
 
 
27 Marzo 2018

Perimplantiti più frequenti nei fumatori: dati della letteratura

di Lara Figini


La terapia implantare allo stato attuale risulta essere un trattamento efficace e prevedibile. Le due reazioni infiammatorie intorno agli impianti dentali più frequenti sono la mucosite perimplantare e la perimplantite (Atieh et al., 2013; Mombelli et al., 2012). La prevalenza di mucosite perimplantare varia tra il 36,3% e il 64,6% e quella della perimplantite tra l'8,9% e il 47,1% (Albandar, 2002; Atieh et al., 2013).

Il fumo è ormai assodato che sia un importante fattore di rischio per la perdita dei denti naturali associata a parodontite (Albandar, 2002; Warnakulasuriya et al., 2010), ma è anche stato correlato alla perdita ossea perimplantare e al fallimento degli impianti (Heitz-Mayfield, 2008; Saaby et al., 2016). Una recente revisione sistematica ha suggerito un più elevato rischio di infezione post-operatoria, perdita di osso marginale e tasso di fallimento implantare nei fumatori (Cheng, 2015).

Questi dati trovano un’ulteriore conferma in uno studio recentissimo pubblicato su Oral Disease di marzo 2018 ove si conclude che i fumatori hanno un rischio più elevato di sviluppare malattie infiammatorie perimplantari rispetto ai non fumatori. Pertanto il consiglio è di includere nei trattamenti implantari un programma con un follow-up più ravvicinato e richiami più frequenti nei pazienti fumatori. In questo studio sono stati inclusi 43 pazienti sani (22 maschi e 21 femmine, di età compresa tra 44-62 anni, età media: 51,2 anni) tra gennaio 2016 e gennaio 2017. Venti pazienti sono risultati essere forti fumatori (≥10 sigarette al giorno per ≥10 anni) e 23 sono risultati essere non fumatori. I criteri di inclusione sono stati i seguenti: pazienti sani e con una protesi fissa supportata da impianto in funzione per almeno 1 anno.

La diagnosi di perimplantite è stata giudicata tale qualora fosse presente almeno un sito con profondità di sondaggio (PD) >4 mm, sanguinamento al sondaggio (BOP) e/o suppurazione ed evidenza radiografica di perdita ossea ≥2 mm. La mucosite perimplantare è stata giudicata tale qualora vi fosse BOP senza perdita di sostegno osseo (Lindhe, Meyle, 2008; Tomasi, Derks, 2012). Gli impianti sani non presentavano BOP e nessun segno clinico di perdita di osso alveolare. I criteri di esclusione sono stati i seguenti:

● presenza di qualsiasi malattia sistemica nota;

● storia di parodontite aggressiva;

● uso di antibiotici e/o anti-infiammatori nei precedenti 6 mesi.  

I risultati di questo studio confermano i dati già riscontrati nella revisione di Chang del 2015 e in altri studi precedenti e cioè che la perimplantite e la mucosite insorgono significativamente più frequentemente nei soggetti fumatori rispetto ai non fumatori (p = 0,001). Anche i valori di suppurazione, sanguinamento e presenza di placca intorno agli impianti risultano significativamente più elevati nei fumatori rispetto ai non fumatori (p = 0,001; p = 0,002; p <0,0001, rispettivamente).

Per approfondire:

  • Atieh MA, Alsabeeha NH, Faggion CM, Duncan WJ. The frequency of peri-implant diseases: a systematic review andmeta-analysis. Journal of Periodontology 2013;84:1586-98.  
  • Mombelli A, Müller N, Cionca N. The epidemiology of peri- implantitis. Clinical Oral Implants Research 2012;23:67-76.  
  • Albandar JM.Global risk factors and risk indicators for periodontal diseases. Periodontology 2000 2002;29:177-206.  
  • Warnakulasuriya S, Dietrich T, Bornstein MM, Casals Peidro E, Preshaw PM, Walter C, Bergström J. Oral health risks of tobacco use and effects of cessation. International Dental Journal 2010;60:7-30.  
  • Heitz-Mayfield LJ. Peri- implant diseases: diagnosis and risk indicators. Journal of Clinical Periodontology 2008;35:292-304.  
  • Saaby M, Karring E, Schou S, Isidor F. Factors influencing severity of peri-implantitis. Clinical Oral Implants Research 2016;27:7-12.  
  • Cheng L. Limited evidence suggests higher risk of dental implant failures in smokers than in nonsmokers. The Journal of the American Dental Association 2015;43(5):487-98.  
  • Lindhe J, Meyle J and Group D of European Workshop on Periodontology. Peri-implant diseases: consensus report of the Sixth European Workshop on Periodontology. Journal of Clinical Periodontology2008;35(8):282-5.  
  • Gürlek Ö, Gümüş P, Buduneli N. Smokers have a higher risk of inflammatory peri-implant disease than non-smokers. Oral Dis 2018 Mar;24(1-2):30-2.  

Articoli correlati

L’intervento di rialzo del seno mascellare è dimostrato essere una metodica sicura ed efficace per creare e ottimizzare la formazione di osso per il posizionamento degli...

di Lara Figini


La misura della stabilità primaria che presenta un impianto al momento del suo inserimento è un parametro fondamentale per il chirurgo orale, in particolare nelle procedure di...


eventi     01 Gennaio 2019

Master in implantologia protesica

Università degli studi di Torino


Altri Articoli

Nella sanità integrativa, l’odontoiatria ha la parte del leone. Quanto suggerisce la logica, vista l’esclusione della maggior parte delle prestazioni odontoiatriche dai Livelli essenziali di...


Un'igiene orale corretta e visite regolari dal dentista possono sostenere la salute cardiovascolare. Questo, in estrema sintesi, è ciò che odontoiatri e cardiologi hanno concordato durante il...


Nelle giornate di venerdì 15 e sabato 16 febbraio 2019 a Roma ha avuto luogo il 23° Congresso Nazionale della Società Italiana di Odontoiatria Conservatrice che ha visto la...


Poco più della metà della popolazione europea (55%) ha dichiarato che nel 2017 le spese mediche sostenute non sono state un peso dal punto di vista economico. I dati arrivano dalla ricerca annuale...


Da sx: Chiarello; Biancucci; Pallotta; Di Michele

Il SUSO, lo storico sindacato degli ortodontisti in occasione del convegno sull’approccio disciplinare sull’OSAS svoltosi lo scorso fine settimana ad Ascoli Piceno, ha rinnovato il proprio gruppo...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi