HOME - Implantologia
 
 
27 Marzo 2018

Perimplantiti più frequenti nei fumatori: dati della letteratura

di Lara Figini


La terapia implantare allo stato attuale risulta essere un trattamento efficace e prevedibile. Le due reazioni infiammatorie intorno agli impianti dentali più frequenti sono la mucosite perimplantare e la perimplantite (Atieh et al., 2013; Mombelli et al., 2012). La prevalenza di mucosite perimplantare varia tra il 36,3% e il 64,6% e quella della perimplantite tra l'8,9% e il 47,1% (Albandar, 2002; Atieh et al., 2013).

Il fumo è ormai assodato che sia un importante fattore di rischio per la perdita dei denti naturali associata a parodontite (Albandar, 2002; Warnakulasuriya et al., 2010), ma è anche stato correlato alla perdita ossea perimplantare e al fallimento degli impianti (Heitz-Mayfield, 2008; Saaby et al., 2016). Una recente revisione sistematica ha suggerito un più elevato rischio di infezione post-operatoria, perdita di osso marginale e tasso di fallimento implantare nei fumatori (Cheng, 2015).

Questi dati trovano un’ulteriore conferma in uno studio recentissimo pubblicato su Oral Disease di marzo 2018 ove si conclude che i fumatori hanno un rischio più elevato di sviluppare malattie infiammatorie perimplantari rispetto ai non fumatori. Pertanto il consiglio è di includere nei trattamenti implantari un programma con un follow-up più ravvicinato e richiami più frequenti nei pazienti fumatori. In questo studio sono stati inclusi 43 pazienti sani (22 maschi e 21 femmine, di età compresa tra 44-62 anni, età media: 51,2 anni) tra gennaio 2016 e gennaio 2017. Venti pazienti sono risultati essere forti fumatori (≥10 sigarette al giorno per ≥10 anni) e 23 sono risultati essere non fumatori. I criteri di inclusione sono stati i seguenti: pazienti sani e con una protesi fissa supportata da impianto in funzione per almeno 1 anno.

La diagnosi di perimplantite è stata giudicata tale qualora fosse presente almeno un sito con profondità di sondaggio (PD) >4 mm, sanguinamento al sondaggio (BOP) e/o suppurazione ed evidenza radiografica di perdita ossea ≥2 mm. La mucosite perimplantare è stata giudicata tale qualora vi fosse BOP senza perdita di sostegno osseo (Lindhe, Meyle, 2008; Tomasi, Derks, 2012). Gli impianti sani non presentavano BOP e nessun segno clinico di perdita di osso alveolare. I criteri di esclusione sono stati i seguenti:

● presenza di qualsiasi malattia sistemica nota;

● storia di parodontite aggressiva;

● uso di antibiotici e/o anti-infiammatori nei precedenti 6 mesi.  

I risultati di questo studio confermano i dati già riscontrati nella revisione di Chang del 2015 e in altri studi precedenti e cioè che la perimplantite e la mucosite insorgono significativamente più frequentemente nei soggetti fumatori rispetto ai non fumatori (p = 0,001). Anche i valori di suppurazione, sanguinamento e presenza di placca intorno agli impianti risultano significativamente più elevati nei fumatori rispetto ai non fumatori (p = 0,001; p = 0,002; p <0,0001, rispettivamente).

Per approfondire:

  • Atieh MA, Alsabeeha NH, Faggion CM, Duncan WJ. The frequency of peri-implant diseases: a systematic review andmeta-analysis. Journal of Periodontology 2013;84:1586-98.  
  • Mombelli A, Müller N, Cionca N. The epidemiology of peri- implantitis. Clinical Oral Implants Research 2012;23:67-76.  
  • Albandar JM.Global risk factors and risk indicators for periodontal diseases. Periodontology 2000 2002;29:177-206.  
  • Warnakulasuriya S, Dietrich T, Bornstein MM, Casals Peidro E, Preshaw PM, Walter C, Bergström J. Oral health risks of tobacco use and effects of cessation. International Dental Journal 2010;60:7-30.  
  • Heitz-Mayfield LJ. Peri- implant diseases: diagnosis and risk indicators. Journal of Clinical Periodontology 2008;35:292-304.  
  • Saaby M, Karring E, Schou S, Isidor F. Factors influencing severity of peri-implantitis. Clinical Oral Implants Research 2016;27:7-12.  
  • Cheng L. Limited evidence suggests higher risk of dental implant failures in smokers than in nonsmokers. The Journal of the American Dental Association 2015;43(5):487-98.  
  • Lindhe J, Meyle J and Group D of European Workshop on Periodontology. Peri-implant diseases: consensus report of the Sixth European Workshop on Periodontology. Journal of Clinical Periodontology2008;35(8):282-5.  
  • Gürlek Ö, Gümüş P, Buduneli N. Smokers have a higher risk of inflammatory peri-implant disease than non-smokers. Oral Dis 2018 Mar;24(1-2):30-2.  

Articoli correlati

Le aspettativa di vita tendono sempre di più a prolungarsi e la popolazione con oltre 65 anni aumenta costantemente e, con essa, il tasso di incidenza di edentulismo...

di Lara Figini


Nelle aree parzialmente edentule l’implantologia vanta ormai un successo anche a lungo termine ampiamente stabilito, ma il risultato è influenzato da fattori...

di Lara Figini


Effetti della loro applicazione abbinata al trattamento chirurgico

di Lara Figini


I protocolli diagnostici e chirurgici giocano un ruolo fondamentale nel successo della riabilitazione implantoprotesica. La loro definizione deve essere chiara e fondata su...

di Danilo Alessio Di Stefano


Sempre più interventi implantari e meno visite preventive. A lanciare “l’allarme” verso un eccessivo ricorso a questi trattamenti è il Consejo de Dentistas spagnolo che invita i cittadini a...


Altri Articoli

Come molte delle “tendenze” che buona parte dei nostri politici utilizzano oggi per attirare l’attenzione dei potenziali elettori, il primo ad inserire tra le promesse...

di Norberto Maccagno


C’era una volta, in un paese piccolo piccolo, un Giovane istruito e gentile che andava per le vie del villaggio, con la sua Assistente, guariva chi aveva male ai denti e la...


Alimentazione, prevenzione, sostenibilità ambientale, cura della persona, salute orale, corretta esposizione al sole e sport: questi gli ingredienti per il benessere che scopriremo a FICO...


Un recente fatto di cronaca giudiziaria è giunto alla ribalta dei media americani creando un acceso dibattito sui temi di etica professionale in odontoiatria.Il dottor ML,...

di Davis Cussotto


Le sanzioni ai medici che non si aggiornano sembrano diventare una realtà già nel gennaio 2020, almeno stando a quanto il presidente FNOMCeO Filippo Anelli ha dichiarato a Striscia la...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi