HOME - Implantologia
 
 
13 Marzo 2018

Utilizzo di una nuova matrice collagenica nelle procedure di aumento dei tessuti molli peri-implatari: Mucoderm®(botiss)

Protocollo clinico premiato

Di Fabio Machinè, Penna Diego, dott. Rosella Daniele, dott. Papi Piero

Introduzione  

Nel corso degli anni, sono state proposte diverse tecniche di aumento dei tessuti molli al fine di aumentare la mucosa cheratinizzata peri-implantare, recentemente è stata introdotta una membrana dermica acellulare porcina, Mucoderm® (botiss biomaterials, Berlino, Germania), per evitare il prelievo dal palato di tessuto connettivale, ottenendo risultati estetici e funzionali comparabili alle tecniche convenzionali.  

Materiali e Metodi  

Lo studio è stato condotto su un campione di 12 pazienti, tra i 32 e 56 anni, con mono edentulia del settore premolare superiore. Sono stati inseriti gli impianti e alla scopertura, dopo otto settimane dal posizionamento della fixture, è stata inserita la membrana nel sito del difetto vestibolare, eseguendo un lembo a busta instrasulculare a tutto spessore con tagli di rilascio periostei, dopo averla idratata 10 minuti nel sangue precedentemente prelevato dal paziente.

Parametri valutati :

  • Spessore mucosa cheratinizzata dallo zenith della cresta alveolare alla linea mucogengivale con sonda parodontale (UNC 15) e con programma Photo Line.
  • Perdita di osso marginale (MBL),valutato tramite Rx periapicali sia sull’aspetto mesiale che distale di ogni impianto misurando la distanza tra la spalla dell’impianto e il primo contatto osso-impianto.
  • Parametri Clinici (PI, mSBI,PPD)  


Risultati  

Al ‘’Pre-Operative’’, prima di inserire l’impianto lo spessore della gengiva cheratinizzata (KMW) era di 1.35 ± 0.32 mm. 

Al momento dell’inserimento della membrana (‘’Baseline’’), lo spessore della gengiva cheratinizzata era di 7.86 ± 3.22 mm (p>0.05). Dopo un anno dall’ inserimento della membrana, lo spessore della gengiva cheratinizzata era di 5.67 ± 2.12 mm (p>0.05). Il tasso di sopravvivenza implantare è stato del 100%, non ci sono state esposizioni della membrana o complicazioni durante la fase post chirurgica, la PPD nel sito implantare ad un anno è stata < 5mm nel 100% dei siti implantari.


VARIABILI DELLO STUDIO Statistica descrittiva
CAMPIONE 12
M 5
F 7
Età (y) ± SD (range) 43.75 ± 7.97 anni (range= 32-56 anni).  
IMPIANTI BLT Straumann  
DIAMETRO 4.1 mm 8
DIAMETRO 3.3 mm 4
LUNGHEZZA 8 mm 2
LUNGHEZZA 10 mm 6
LUNGHEZZA 12 mm 4



TIMING Marginal Bone Loss (mm) Sopravvivenza implantare (%) Successo implantare (%) PPD (mm) SbI   PI Confronto intragruppo ( p <0.05)
Baseline 0.17 ± 0.25 100 100 N/A N/A N/A p>0.05
3 mesi 0.24±0.08 100 100 3.5 0.08 0.23 p>0.05
6 mesi 0.29±0.12 100 100 3.75 0.25 0.41 p>0.05
12 mesi 0.38±0.21 100 100 3.5 0.08 0.75 p>0.05







TIMING Media KMW (mm) Media KMW (%) Confronto intragruppo ( p <0.05)
Pre-Operative 1.35±0.32 -
Baseline 7.86±3.22 100 p>0.05
3 mesi 7.03±1.23 89.44 p>0.05
6 mesi 6.43±1.89 81.80 p>0.05
12 mesi 5.67±2.12 72.13 p>0.05


Conclusioni  

I risultati hanno dimostrato che l’utilizzo di membrane porcine dermiche acellulari nelle procedure di aumento dei tessuti molli peri-implantari determina vantaggi clinici a livello estetico e funzionale, comparabili alle procedure di innesto autologo. Sono necessari ulteriori studi per validare l’efficacia di tale procedura.

Il lavoro di Fabio Machiné ha vinto la Borsa di Studio ANDI ROMA Giovani 'Per Andrea' 2018, del valore di 1000 euro. Il poster proviene dall'Università Sapienza di Roma, C.L.M Odontoiatria e Protesi Dentaria, Presidente Prof. Livia Ottolenghi, Implantoprotesi Dipartimento di Scienze Odontostomatologiche e maxillo-facciali Prof. Giorgio Pompa. Il risultato della valutazione dei poster è stato ottenuto sommando gli esiti della votazione online al punteggio assegnato dal Comitato Scientifico e dall’A.I.O.P (Dott.ssa Costanza Micarelli per conto del Dott. Paolo Vigolo Presidente A.I.O.P), quest'anno Presidente di Giuria. 

Articoli correlati

Seconda parte del percorso di ricerca per valutare quanto il posizionamento implantare possa essere condizionato/agevolato dalla misura della densità ossea e quale sia il modo migliore per...

di Danilo Alessio Di Stefano


Una metodica per affrontare con sicurezza e con minore invasività la chirurgia orale e implantare. Ne abbiamo parlato con il dott. Angelo Cardarelli


L'immagine è una elaborazione informatica e non rispecchia la realtà clinica

Quando si estrae un elemento dentario da sostituire con un impianto va inserito immediatamente, dopo qualche settimana o dopo qualche mese a guarigione ossea avvenuta o quasi? Le considerazioni del...


Il monitoraggio a lungo termine delle condizioni dei tessuti molli e duri perimplantari è una parte cruciale nel raggiungimento del successo implantare. La precisa valutazione...

di Lara Figini


Altri Articoli

Il presidente Alessandro Nisio con alcune riflessioni su numero programmato, odontoiatria pubblica, futuro e gli sbocchi professionali dei giovani odontoiatri, apre il dibattito sulle riforme da...


Per il prof. Gagliani si guarda al problema come meri sostenitori dei propri interessi mentre manca non solo una programmazione ma anche una visione futura “delle professioni” di odontoiatra


Dentisti, igienisti dentali ed odontotecnici li tengono sotto “pressione” per l’intera giornata. I consigli degli esperti per prendersene cura


Ridurre i laureati in Italia aumenterebbe quelli all’estero. Queste le iniziative dell’Università italiane per garantire una formazione anche pratica di alto livello


Il dott. Calderoli ci aiuta a ricordare la nascita del Corso di Laurea in Odontoiatria e le reticenze e polemiche del tempo, già “caratterizzato” dalla pletora odontoiatrica


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION