HOME - Implantologia
 
 
07 Giugno 2018

Parametri che influenzano la frattura di un impianto

Dati di uno studio in vitro

di Lara Figini


L’implantologia offre ormai risultati di alta qualità grazie ai recenti sviluppi tecnologici. La prognosi della resistenza meccanica di un impianto è fortemente influenzata da:

  • condizioni di carico durante la masticazione;
  • alcuni meccanismi fisiologici come l'osteointegrazione e il riassorbimento osseo;
  • alcune patologie e abitudini del paziente.

Il tempo di masticazione durante ogni pasto è stimato in media tra gli 8 e i 16 minuti, con un totale di 500.000/1 milione di cicli all'anno.

Le forze di masticazione cambiano in base a età, sesso e posizione del dente. Le forze applicate sui molari, per esempio, sono comprese tra 390 e 800 N, sui premolari e canini tra 208 e 288 N e sugli incisivi tra 155 e 200 N.

Ma quali sono le prestazioni meccaniche di un impianto? Come si può evitare o ritardare la frattura?

Tipologia di ricerca e modalità di analisi

In uno studio in vitro pubblicato su The Journal of Prosthetic Dentistry di aprile 2018, tramite l'analisi degli elementi finiti (FEA) viene valutata l'influenza dei parametri di progettazione sulle prestazioni meccaniche di un impianto in relazione alle condizioni di prova della norma ISO 14801.

Un impianto dentale endosseo è stato caricato in condizioni di test ISO 14801 mediante simulazione numerica, valutando 4 parametri:

  • area di contatto tra l'impianto e lo strumento di carico;
  • lunghezza dell’impianto;
  • profondità di inserzione dell'impianto nell’osso;
  • rigidità del materiale utilizzato per l’impianto.

L’analisi degli elementi finiti (FEA) è stata utilizzata per valutare la forza necessaria per raggiungere il cedimento dell'impianto e la sua resistenza alla frattura. 

Risultati

Dallo studio è emerso che il punto di frattura di un impianto dentale può essere aumentato del 41% migliorando la superficie di contatto masticante, del 20% in base al tipo di materiale, del 4% in base alla lunghezza della vite e dell'1,4% aumentando la profondità di inserzione dell'impianto nell’osso.

Conclusioni

In base alle prove di fatica in condizioni ISO 14801 si può concludere che la superficie di contatto è risultata essere il parametro principale che influenza le prestazioni meccaniche di un impianto.

Implicazioni cliniche

Alcuni parametri, come la superficie di contatto masticatorio, influenzano in modo importante la resistenza dell'impianto alla frattura. L'analisi degli elementi finiti deve essere considerata nel processo di progettazione degli impianti uno strumento prezioso per migliorare le loro prestazioni meccaniche complessive.

Per approfondire

de la Rosa Castolo G, Guevara Perez SV, ArnouxP-J, Badih L, Bonnet F, Behr M. Mechanical strength and fracture point of a dental implant under certification conditions: a numerical approach by finite element analysis. The Journal of Prosthetic Dentistry 2018;119(4):611-9.

Articoli correlati

Per il prof. Matteo Chiapasco la formazione è alla base del successo. “Non basta sapere inserire l’impianto ma si deve conoscere il contesto anatomico e valutare quello clinico” 


Iandolo: “Strumentalizzazione dei canali TV nazionali, danno d’immagine per tutta la categoria degli odontoiatri”


Garantirsi una buona “web reputation” è uno degli aspetti che anche lo studio odontoiatrico dovrebbe considerare.Da tempo l’amico Davis Cussotto ne parla su Odontoiatria33 dando...

di Norberto Maccagno


Il prof. Gagliani si sofferma su di un lavoro che analizza un'overdenture mandibolare supportata da quattro impianti corti si è dimostrata una modalità di trattamento valida per mandibole atrofiche

di Massimo Gagliani


Altri Articoli

Lo rileva una indagine condotta da una associazione UK, intanto in Spagna l’Ordine denuncia una azienda per la vendita di sbiancanti con concentrazione di perossido superiore al consentito


Rinvio di un mese per problemi sul sistema informatico che gestisce la raccolta della documentazione


CAO Milano fornisce chiarimenti su compiti e responsabilità di verifica e sul ruolo del Direttore sanitario qualora venga a conoscenza che un collaboratore della struttura non è vaccinato


Aperte le preiscrizioni al Master universitario di 1° livello organizzata dal COI con la collaborazione dell’Università degli Studi di Torino che si terrà a partire da...


Agorà del Lunedì     20 Settembre 2021

Game changer….

Per il prof. Gagliani è questa la scelta che deve fare l’odontoiatra: riorganizzarsi per dare risposte alle “nuove” esigenze dei pazienti oppure arroccarsi in un giardinetto costituito di...

di Massimo Gagliani


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio