HOME - Implantologia
 
 
07 Giugno 2018

Parametri che influenzano la frattura di un impianto

Dati di uno studio in vitro

di Lara Figini


L’implantologia offre ormai risultati di alta qualità grazie ai recenti sviluppi tecnologici. La prognosi della resistenza meccanica di un impianto è fortemente influenzata da:

  • condizioni di carico durante la masticazione;
  • alcuni meccanismi fisiologici come l'osteointegrazione e il riassorbimento osseo;
  • alcune patologie e abitudini del paziente.

Il tempo di masticazione durante ogni pasto è stimato in media tra gli 8 e i 16 minuti, con un totale di 500.000/1 milione di cicli all'anno.

Le forze di masticazione cambiano in base a età, sesso e posizione del dente. Le forze applicate sui molari, per esempio, sono comprese tra 390 e 800 N, sui premolari e canini tra 208 e 288 N e sugli incisivi tra 155 e 200 N.

Ma quali sono le prestazioni meccaniche di un impianto? Come si può evitare o ritardare la frattura?

Tipologia di ricerca e modalità di analisi

In uno studio in vitro pubblicato su The Journal of Prosthetic Dentistry di aprile 2018, tramite l'analisi degli elementi finiti (FEA) viene valutata l'influenza dei parametri di progettazione sulle prestazioni meccaniche di un impianto in relazione alle condizioni di prova della norma ISO 14801.

Un impianto dentale endosseo è stato caricato in condizioni di test ISO 14801 mediante simulazione numerica, valutando 4 parametri:

  • area di contatto tra l'impianto e lo strumento di carico;
  • lunghezza dell’impianto;
  • profondità di inserzione dell'impianto nell’osso;
  • rigidità del materiale utilizzato per l’impianto.

L’analisi degli elementi finiti (FEA) è stata utilizzata per valutare la forza necessaria per raggiungere il cedimento dell'impianto e la sua resistenza alla frattura. 

Risultati

Dallo studio è emerso che il punto di frattura di un impianto dentale può essere aumentato del 41% migliorando la superficie di contatto masticante, del 20% in base al tipo di materiale, del 4% in base alla lunghezza della vite e dell'1,4% aumentando la profondità di inserzione dell'impianto nell’osso.

Conclusioni

In base alle prove di fatica in condizioni ISO 14801 si può concludere che la superficie di contatto è risultata essere il parametro principale che influenza le prestazioni meccaniche di un impianto.

Implicazioni cliniche

Alcuni parametri, come la superficie di contatto masticatorio, influenzano in modo importante la resistenza dell'impianto alla frattura. L'analisi degli elementi finiti deve essere considerata nel processo di progettazione degli impianti uno strumento prezioso per migliorare le loro prestazioni meccaniche complessive.

Per approfondire

de la Rosa Castolo G, Guevara Perez SV, ArnouxP-J, Badih L, Bonnet F, Behr M. Mechanical strength and fracture point of a dental implant under certification conditions: a numerical approach by finite element analysis. The Journal of Prosthetic Dentistry 2018;119(4):611-9.

Articoli correlati

Seconda parte del percorso di ricerca per valutare quanto il posizionamento implantare possa essere condizionato/agevolato dalla misura della densità ossea e quale sia il modo migliore per...

di Danilo Alessio Di Stefano


Una metodica per affrontare con sicurezza e con minore invasività la chirurgia orale e implantare. Ne abbiamo parlato con il dott. Angelo Cardarelli


L'immagine è una elaborazione informatica e non rispecchia la realtà clinica

Quando si estrae un elemento dentario da sostituire con un impianto va inserito immediatamente, dopo qualche settimana o dopo qualche mese a guarigione ossea avvenuta o quasi? Le considerazioni del...


Il monitoraggio a lungo termine delle condizioni dei tessuti molli e duri perimplantari è una parte cruciale nel raggiungimento del successo implantare. La precisa valutazione...

di Lara Figini


Altri Articoli

La precisazione arriva dal Ministero della Salute. Ecco fino a quando si potrà assumere ASO senza attestato ed entro quando chi è già assunto deve conseguirlo


CAO, ANDI, ANTLO, SNO/CNA, Confartigianato concordano un documento comune per dare indicazioni sui passaggi operativi che lo studio odontoiatrico e il laboratorio odontotecnico devono condividere


Attraverso una lettera al Governatore della Lombardia i Sindaci chiedono interventi a favore dei pazienti. Un Consigliere racconta le difficoltà di trovare un dentista che continui le cure


Nel CdA gli odontoiatri Claudio Capra (Vicepresidente), Luigi Daleffe Coordinatore del processo di attuazione della politica di investimento e Stefano Mirenghi


Grazie all’accordo con ANTLO si apre la sezione odontotecnica nell’area clinica ospitando contributi tecnici curati dai Docenti di ANTLO Formazione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION