HOME - Implantologia
 
 
17 Luglio 2018

Implantologia nei settori estetici

Criteri per un adeguato posizionamento

di Lara Figini


La riabilitazione implantare nell'area estetica rappresenta una grande sfida in quanto oltre a dover garantire l’osteointegrazione il clinico si sente in dovere di soddisfare le aspettative ed esigenze estetiche del paziente nel minor tempo possibile.

Numerosi sono i fattori che influenzano l'esito della riabilitazione ma i due principali sono:

  • qualità e quantità ossea;
  • qualità e quantità dei tessuti molli circostanti la sede dell’impianto previsto.

Negli ultimi anni un ottimo supporto per la pianificazione implantare è rappresentato dalla chirurgia guidata computerizzata, che consente - oltre alla pianificazione nel dettaglio dell’inserimento dell'impianto - anche la stampa stereolitografica e tridimensionale di guide chirurgiche per facilitare l'inserimento implantare nella posizione più appropriata.

Grazie a queste tecniche la riabilitazione implantare offre modalità di trattamento più prevedibili e tassi di sopravvivenza migliori, come riportato da diversi studi di letteratura.

Tipologia di ricerca e modalità di analisi

In uno studio pubblicato su Parodontology 2000 di giugno 2018 vengono discusse le diverse alternative di posizionamento di impianti nell'area estetica, in particolare:

  • i tempi del posizionamento dell'impianto, le eventuali procedure rigenerative, la crescita scheletrica;
  • la corretta posizione tridimensionale della fixture all’interno dell’area premolare;
  • i casi di denti mancanti plurimi in zona estetica con riabilitazione a dente singolo a ponte o a sbalzo;
  • i casi di posizionamento di impianti in siti infetti;
  • l'influenza della morfologia degli abutment e delle corone posizionate su impianti.

Conclusioni

In base all’esperienza clinica degli autori sono state tratte le seguenti conclusioni:

  • il posizionamento immediato dell'impianto può essere una procedura di successo in termini di estetica, ma delicata e pertanto richiede un team esperto;
  • il posizionamento immediato dell’impianto risulta essere meno traumatico per il paziente poiché sono previsti un numero minore di passaggi chirurgici. Per questo i pazienti generalmente tendono a preferire questo tipo di approccio clinico in termini di qualità della vita;
  • la fase diagnostica è di massima importanza. Vanno quindi indagati e analizzati nel dettaglio non solo le eventuali carenze ossee e dei tessuti molli circostanti, ma anche la crescita scheletrica, i parametri dentali e dei tessuti molli e la morfologia delle radici adiacenti all'area edentula;
  • l’implantologia a carico immediato post-estrattiva è fattibile anche in siti infetti;
  • la posizione corretta dovrebbe seguire delle linee guida ampiamente accettate, ma la morfologia degli abutment ha un ruolo importante circa la posizione vestibolare e palatale dell'impianto;
  • l'asse lungo dell'impianto, mirando al bordo incisale del futuro restauro, è la posizione più appropriata quando viene utilizzato un abutment senza spalla e permette una morfologia della corona sovrastante con un contorno gengivale simile al dente naturale;
  • l'uso di un abutment senza spalla dà più spazio per la crescita dei tessuti molli rispetto agli abutment tradizionali con linea di finitura a spalla.

Per approfondire

Testori T, Weinstein T, Scutellà F, Wang H-L, Zucchelli G. Implant placement in the esthetic area: criteria for positioning single and multiple implants. Periodontology 2000, 2018;77:176-96.

Articoli correlati

Ecco i 4 percorsi formativi IAO. Il prof. Di Stefano ci anticipa l’evento di sabato 10 aprile dedicato a “come preservare il volume alveolare nei siti post-estrattivi”


Ultimo approfondimento del prof. Massimo Gagliani questa volta dedicata alla sinergia odontoiatra-igienista-paziente

di Massimo Gagliani


Continuano le riflessioni sul tema del prof. Gagliani, in questo Agorà del Lunedì si sofferma dove sia meglio posizionare gli impianti in un paziente diabetico

di Massimo Gagliani


Un dubbio che per il prof. Gagliani ribadisce che oggi il lavoro odontoiatrico è sempre più medico e sempre meno tecnico. Il perché nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


Lo spiega a Dica33 il presidente SIdP in una video intervista che può essere condivisa con i propri pazienti per sensibilizzarli sulla necessità di mantenere in salute non solo i denti naturali ma...


Altri Articoli

Che fosse nato male il D.L. 44/21 lo avevo già sottolineato nello scorso DiDomenica, ma non avrei immaginato che venisse sconfessato dopo neppure una settimana dalla sua...

di Norberto Maccagno


In attesa del Decreto con modalità operative, l’ENPAM ha dato il via libera alla procedura online per individuare i medici e gli odontoiatri potenzialmente beneficiari dell’esonero 


Si avvicina (nuovamente) la scadenza che obbligherà gli studi ad avere solo ASO qualificati. Ecco gli scenari per i già assunti, chi potrà essere assunto fino al 20 aprile e chi dopo


Sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiali i Decreti firmati dal Ministro della Salute Roberto Speranza attraverso i quali assegna le deleghe al sottosegretario alla...


Il presidente Guarnieri (CAO Cosenza) pone alcune considerazioni e questioni sull’applicazione della norma che obbliga i sanitari a vaccinarsi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente