HOME - Implantologia
 
 
17 Luglio 2018

Implantologia nei settori estetici

Criteri per un adeguato posizionamento

di Lara Figini


La riabilitazione implantare nell'area estetica rappresenta una grande sfida in quanto oltre a dover garantire l’osteointegrazione il clinico si sente in dovere di soddisfare le aspettative ed esigenze estetiche del paziente nel minor tempo possibile.

Numerosi sono i fattori che influenzano l'esito della riabilitazione ma i due principali sono:

  • qualità e quantità ossea;
  • qualità e quantità dei tessuti molli circostanti la sede dell’impianto previsto.

Negli ultimi anni un ottimo supporto per la pianificazione implantare è rappresentato dalla chirurgia guidata computerizzata, che consente - oltre alla pianificazione nel dettaglio dell’inserimento dell'impianto - anche la stampa stereolitografica e tridimensionale di guide chirurgiche per facilitare l'inserimento implantare nella posizione più appropriata.

Grazie a queste tecniche la riabilitazione implantare offre modalità di trattamento più prevedibili e tassi di sopravvivenza migliori, come riportato da diversi studi di letteratura.

Tipologia di ricerca e modalità di analisi

In uno studio pubblicato su Parodontology 2000 di giugno 2018 vengono discusse le diverse alternative di posizionamento di impianti nell'area estetica, in particolare:

  • i tempi del posizionamento dell'impianto, le eventuali procedure rigenerative, la crescita scheletrica;
  • la corretta posizione tridimensionale della fixture all’interno dell’area premolare;
  • i casi di denti mancanti plurimi in zona estetica con riabilitazione a dente singolo a ponte o a sbalzo;
  • i casi di posizionamento di impianti in siti infetti;
  • l'influenza della morfologia degli abutment e delle corone posizionate su impianti.

Conclusioni

In base all’esperienza clinica degli autori sono state tratte le seguenti conclusioni:

  • il posizionamento immediato dell'impianto può essere una procedura di successo in termini di estetica, ma delicata e pertanto richiede un team esperto;
  • il posizionamento immediato dell’impianto risulta essere meno traumatico per il paziente poiché sono previsti un numero minore di passaggi chirurgici. Per questo i pazienti generalmente tendono a preferire questo tipo di approccio clinico in termini di qualità della vita;
  • la fase diagnostica è di massima importanza. Vanno quindi indagati e analizzati nel dettaglio non solo le eventuali carenze ossee e dei tessuti molli circostanti, ma anche la crescita scheletrica, i parametri dentali e dei tessuti molli e la morfologia delle radici adiacenti all'area edentula;
  • l’implantologia a carico immediato post-estrattiva è fattibile anche in siti infetti;
  • la posizione corretta dovrebbe seguire delle linee guida ampiamente accettate, ma la morfologia degli abutment ha un ruolo importante circa la posizione vestibolare e palatale dell'impianto;
  • l'asse lungo dell'impianto, mirando al bordo incisale del futuro restauro, è la posizione più appropriata quando viene utilizzato un abutment senza spalla e permette una morfologia della corona sovrastante con un contorno gengivale simile al dente naturale;
  • l'uso di un abutment senza spalla dà più spazio per la crescita dei tessuti molli rispetto agli abutment tradizionali con linea di finitura a spalla.

Per approfondire

Testori T, Weinstein T, Scutellà F, Wang H-L, Zucchelli G. Implant placement in the esthetic area: criteria for positioning single and multiple implants. Periodontology 2000, 2018;77:176-96.

Articoli correlati

agora-del-lunedi     13 Dicembre 2021

Odontoiatria rigenerativa

C'è quella pulpare, per scopi implantari e attraverso innesti: le possibilità, le considerazioni ed i dubbi del prof. Gagliani in tema di “rigenerazione” 

di Massimo Gagliani


Nel video approfondimento Camilla Gesso e Mattia Picasso presentano una serei di casi clinici ed approfondiscon la metodica grazie alle domande di Davis Cussotto


Considerazioni e valutazioni del prof. Massimo Gagliani sulla somministrazione degli antibiotici in odontoiatria 

di Massimo Gagliani


Dal Congresso SIdP le novità e le tecnologie più all’avanguardia per la ricostruzione dei tessuti duri e molli attorno agli impianti dentari


Altri Articoli

Il presidente Ghirlanda lancia l’allarme: tanti studi stanno chiudendo e molti giovani che iniziano la professione, spesso da consulenti, perdono il lavoro


Nemico che Maurizio Quaranta intende come effetto collaterale del virus ritenendo che il settore dentale lo stia non considerando o sottovalutando


Nel Decreto sostegni previsti 150 milioni per le eventuali richieste di indennizzo per i danneggiati, in modo irreversibile, obbliati a sottoportisi alle vaccinazioni Covid


Uno studio, pubblicato sul Journal of Prosthetic Dentistry, analizza le (poche) “quote rosa” delle principali Società di protesi negli USA. E in Italia?


La lettura, ironica, data da alcuni lettori su Facebook della sentenza del Tar Lombardia che ha accolto il ricorso di un dentista sospeso dall’ATS perché non vaccinato, consentendo di...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi