HOME - Implantologia
 
 
14 Novembre 2018

Infezione dei siti implantari nell’immediato post-operatorio. Quanto e come condiziona la prognosi dell’impianto 

di Lara Figini


Le infezioni post-operatorie implantari sono considerate una complicanza rara, con una prevalenza che varia dall'1,6% all'11,5% e di solito si verificano entro il primo mese dopo il posizionamento dell'impianto dentale.

I cambiamenti nella flora orale causati da antibatterici sistemici e topici utilizzati nel periodo dell’immediato post-operatorio possono favorire lo sviluppo di infezioni opportunistiche. Talvolta, tali complicazioni non rispondono positivamente alle terapie antibiotiche e spesso persistono fino alla rimozione dell'impianto.

Di conseguenza, le infezioni post-operatorie sono state suggerite come un importante fattore di rischio per l'osteointegrazione aumentando il rischio di fallimento precoce quasi di 80 volte.

Tipologia di ricerca e modalità di analisi
Uno studio di coorte retrospettivo pubblicato sul Journal of Periodontology di ottobre 2018 è stato condotto per determinare i fattori che possono aumentare il tasso di fallimento degli impianti dentali che hanno sviluppato un'infezione post-operatoria durante il periodo dell’osteointegrazione.

Sono stati analizzati 1322 pazienti ambulatoriali (2673 impianti) che sono stati trattati consecutivamente tra gennaio 2004 e ottobre 2015 attraverso il programma di laurea specialistica in Chirurgia orale e implantologia dell'Università di Barcellona. Il progetto dello studio ha seguito le linee guida STROBE per gli studi di coorte.

L'analisi pre-operatoria includeva esami clinici e radiografici (con radiografie panoramiche o tomografia computerizzata). Le infezioni post-operatorie sono state definite come la presenza di pus o fistole nell'area chirurgica, con dolore o gonfiore, arrossamento e rialzo febbrile, prima del carico protesico.

Un'analisi bivariata e multivariata dei dati utilizzando la regressione dei rischi proporzionali di Cox è stata eseguita per rilevare i fattori prognostici per il fallimento dell'impianto nei pazienti che hanno sviluppato infezioni.

Risultati
La prevalenza di infezioni post-operatorie dopo l'inserimento dell'impianto è risultata essere del 2,80%. 33 dei 37 pazienti (89,19%) che hanno sviluppato infezioni sono stati trattati chirurgicamente a causa del fallimento della terapia antibiotica e il 65% degli impianti infetti sono stati rimossi.

L'analisi bivariata ha mostrato un'associazione significativa tra fallimento dell'impianto e il tipo di superficie del collo (liscio o ruvido). La regressione dei rischi proporzionali di Cox ha rilevato che i colli con superficie ruvida aumentano di 2,35 volte la probabilità di fallimento degli impianti.

Conclusioni
Dai dati emersi da questo studio si può concludere che i pazienti che soffrono di un'infezione post-operatoria dopo il posizionamento dell'impianto dentale hanno una prognosi sfavorevole, con un tasso di sopravvivenza cumulativo del 33,5%.

La terapia chirurgica è necessaria per trattare l'89% delle infezioni, poiché la terapia antibiotica sistemica risulta insufficiente nella maggior parte dei casi. Gli impianti a collo ruvido dove si sviluppa un'infezione post-operatoria precoce sembrano essere più inclini a subire un fallimento precoce del dispositivo.

Implicazioni cliniche
La comparsa di infezione nel sito implantare nel periodo immediatamente successivo all’inserimento dell’impianto condiziona notevolmente la prognosi e il successo dello stesso, per cui l’operatore deve riporre tutte le attenzioni possibili per scongiurare questa evenienza.

Per approfondire

  • Camps‐Font O, Figueiredo R, Valmaseda‐Castellón E, Gay‐Escoda C. Postoperative infections after dental implant placement. Implant Dent 2015;24:713-9.
  • Nolan R, Kemmoona M, Polyzois I, Claffey N. The influence of prophylactic antibiotic administration on post‐operative morbidity in dental implant surgery. A prospective double blind randomized controlled clinical trial. Clin Oral Implants Res 2014;25:252-9.
  • Camps-Font O, Martín-Fatás P, Clé-Ovejero A, Figueiredo R, Gay-Escoda C, Valmaseda-Castellón E. Postoperative infections after dental implant placement: Variables associated with increased risk of failure. J Periodontol 2018 Oct;89(10):1165-73.

Articoli correlati

Effetti della loro applicazione abbinata al trattamento chirurgico

di Lara Figini


I protocolli diagnostici e chirurgici giocano un ruolo fondamentale nel successo della riabilitazione implantoprotesica. La loro definizione deve essere chiara e fondata su...

di Danilo Alessio Di Stefano


Sempre più interventi implantari e meno visite preventive. A lanciare “l’allarme” verso un eccessivo ricorso a questi trattamenti è il Consejo de Dentistas spagnolo che invita i cittadini a...


L’evento del dentale, organizzato da UNIDI-Unione Nazionale Industrie Dentarie Italiane rappresenta un’occasione unica e imperdibile per i professionisti dell’oral care che...


Altri Articoli

Competenza, tecnica, empatia sono alla base della professione. Ma anche la comunicazione rappresenta oggi uno dei percorsi obbligati con i quali il dentista deve confrontarsi....

di Carla De Meo


L’obbiettivo è quello di venire incontro alle esigenze quotidiane dei clinici e per farlo SIdP ha sviluppato una App, Powerapp SIdP, che consente ad ogni clinico che stia eseguendo una visita...


L’obbligo di formazione continua decorre dal 1° gennaio successivo alla data di iscrizione all’Ordine. Da tale data il professionista sanitario deve maturare i crediti previsti per i residui...


Riuscire a rendere complicato un regime che è nato per essere semplice e di immediata applicazione non è certo impresa da tutti. Ciononostante il Legislatore ce l’ha fatta, tant’è che si sono...


Root Cause è il titolo del film inchiesta che vorrebbe dimostrare che i trattamenti endodontici possono essere causa di cancro, malattie al cuore e varie patologie croniche, ed il suggerimento...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi