HOME - Implantologia
 
 
22 Novembre 2018

Utilizzo di una matrice dermica di origine suina e di un sostituto osseo sintetico nelle procedure di GBR nel settore estetico


di Piero Papi


Il 10 novembre scorso a Berlino, durante il Congresso Bone and Tissue Days, il premio biennale “Straumann-botiss YoungPro Award” come migliore ricercatore under 35 a livello mondiale nel campo dei biomateriali in implantologia è stato conferito all’italiano Piero Papi (assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Scienze Odontostomatologiche e Maxillo-Facciali, dell’Università Sapienza di Roma) per il lavoro “Immediate implant placement and peri-implant augmentation with a porcine derived acellular dermal matrix and synthetic bone in the aesthetic area” condotto presso il Policlinico Umberto I, Università Sapienza di Roma, sotto la supervisione del professor Giorgio Pompa, direttore del reparto di Chirurgia Orale, afferente al DAI Testa Collo (direttore professoressa Antonella Polimeni).


Di seguito la sintesi del Lavoro realizzata dallo stesso autore, il dott. Piero Papi.


Lo studio
In questo studio, condotto presso la UOC di Chirurgia Orale del Policlinico Umberto I, sono stati arruolati 15 pazienti, con necessità di una riabilitazione implanto-protesica nel settore estetico. Gli obiettivi dello studio erano quelli di valutare i risultati dell’utilizzo di una matrice dermica tridimensionale di origine suina e di un sostituto osseo sintetico nelle procedure di rigenerazione ossea guidata, contestuali al posizionamento implantare.

I pazienti arruolati presentavano incisivi centrali e laterali superiori mancanti, con un’ampiezza e uno spessore della gengiva cheratinizzata inferiore ai 2 mm e la perdita della convessità gengivale dovuta all’estrazione dentaria, avvenuta nelle 8 settimane precedenti.

Sono stati posizionati gli impianti dentali (Bone Level Tapered Roxolid, Straumann), di diametro standard o ridotto, ed è stata contestualmente effettuata la rigenerazione ossea guidata utilizzando un sostituto osseo sintetico (Maxresorb, botiss biomaterials) per correggere il difetto osseo e ripristinare un corretto spessore della parete vestibolare e una matrice dermica 3d (Mucoderm, botiss biomaterials) per ripristinare la convessità gengivale perduta.

Fig. 1 Situazione clinica pre-operatoria della convessità gengivale in caso di assenza di incisivo laterale sinistro

Fig. 2 Rigenerazione ossea guidata con Maxresorb

Fig. 3 Chiusura con matrice Mucoderm, lasciata parzialmente esposta

I risultati a un 1 anno di follow-up hanno mostrato un guadagno medio di circa 2 mm della gengiva cheratinizzata attorno agli impianti, sia in ampiezza che in spessore, con un’eccellente stabilità dei tessuti peri-implantari nel corso del periodo di osservazione.

L’utilizzo di questa membrana ha consentito di evitare il prelievo dal palato di un innesto di tessuto connettivo, con eccellenti risultati estetici e funzionali.

Fig. 4 Situazione clinica post-operatoria a un anno di follow-up

Articoli correlati

Quando si verifica l’esposizione del tessuto polpa, è fondamentale proteggerlo da agenti nocivi per prevenire pulpite o necrosi irreversibile. Cause principali di esposizione...

di Lorenzo Breschi


L'utilizzo di biomateriali è una pratica comune per "ingegnerizzare" il coagulo ematico che è alla base della neoformazione ossea, aumentandone la stabilità dimensionale durante...


La perdita di un dente determina un calo di funzionalità dell'osso alveolare, che si traduce in un processo di rimodellamento fino all'inevitabile contrazione volumetrica della cresta...


ObiettiviScopo del lavoro è fare una revisione sull'adattamento della microstruttura ossea agli impianti in relazione al carico e all'uso di biomateriali.Materiali e metodiLe evidenze...


ObiettiviLo scopo di questo studio era valutare l'effetto del laser Nd:Yag sulla proliferazione e sulla differenziazione di cellule staminali mesenchimali (MSC) indotte verso la linea...


Altri Articoli

Immagine di repertorio

Riguarderebbe solamente la scadenza legata alla possibilità di assumere ASO non qualificate. Intanto il Ministro avrebbe dato il via libera per avviare l’iter per la modifica del DPCM


La presidente Elena Boscagin è la prima donna ad essere eletta nella CAO nazionale. Ci ha raccontato impressioni ed aspettative dopo la prima riunione 


Il rischio, scrive il presidente CAO di Cuneo, è che con la scusa della pandemia si possano allargare competenze professionali rischiando che atto medico ed atto sanitario vengano messi sullo...


Da sempre odontotecnici e odontoiatri di tutto il mondo si sono dibattuti per cercare il sistema per codificare e riprodurre la corretta dentatura umana secondo schemi ripetibili con un unico...


Su Wikipedia, alla voce “Artigiano Digitale”, si legge: “Un artigiano digitale (detto colloquialmente maker) è una persona che svolge attività di bricolage e, in generale, di fai-da-te...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente