HOME - Implantologia
 
 
19 Dicembre 2018

Impatto del posizionamento implantare immediato sulle metodiche di preservazione alveolare post-estrattive. Studio randomizzato


Dott. Marco Clementini

L’inserimento implantare immediato (eseguito all’atto dell’estrazione del dente) è un’opzione chirurgica caratterizzata da alti benefici sia per il paziente che per il professionista, poiché riduce il numero degli interventi chirurgici e quindi il tempo di trattamento.

Rimane, tuttavia, una procedura che presenta un discreto rischio di complicanze estetiche nel periodo successivo, soprattutto se eseguita in un settore anteriore, poiché non controbilancia la riduzione morfologica a cui una cresta edentula va incontro fisiologicamente dopo un’estrazione dentale. Sebbene siano state introdotte alcune tecniche chirurgiche (denominate di “preservazione alveolare”) in grado di ridurre le alterazioni morfologiche della cresta edentula dopo un’estrazione dentale, queste necessitano di un periodo piuttosto lungo (4-12 mesi) di guarigione prima che un impianto possa essere inserito.

Presso il Dipartimento di odontoiatria dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano è stato quindi eseguito uno studio clinico randomizzato, finanziato dalla Osteology Foundation, che ha avuto lo scopo di indagare l’impatto del posizionamento implantare immediato sui cambiamenti dimensionali di alveoli post-estrattivi trattati con una tecnica di preservazione della cresta alveolare.

I pazienti adulti sono stati selezionati sulla base di alcuni criteri di inclusione, tra cui:

  • la necessità di dover eseguire l’estrazione di un elemento dentale del settore frontale (da premolare a premolare) dell’arcata mascellare o della mandibolare;
  • la presenza dopo l’estrazione dentale della corticale ossea vestibolare integra;
  • la presenza di un buono stato di salute generale e di una condizione di salute parodontale.

Dopo l’estrazione, i pazienti sono stati randomizzati in 3 tipologie di trattamento (fig. 1):

  • guarigione spontanea;
  • collocamento di biomateriale eterologo (Geistlich Bio-Oss Collagen; Geistlich Pharma AG, 6110 Wolhusen, Svizzera) all’interno dell’alveolo e di una matrice in collagene eterologa (Geistlich Mucograft Seal; Geistlich Pharma AG, Bahbhofstrasse 40, 6110 Wolhusen, Svizzera) a copertura dell’alveolo;
  • inserimento immediato di impianto (TTi WINSIX®, Biosafin, Ancona, Italia) e collocamento di biomateriale eterologo (Geistlich Bio-Oss Collagen; Geistlich Pharma AG, 6110 Wolhusen, Svizzera) nel gap residuo all’interno dell’alveolo e di una matrice in collagene eterologa (Geistlich Mucograft Seal; Geistlich Pharma AG, Bahbhofstrasse 40, 6110 Wolhusen, Svizzera) a copertura dell’alveolo.

Fig. 1 Gruppi di trattamento: a) guarigione spontanea; b) preservazione alveolare; c) preservazione alveolare+impianto immediato

I dati radiografici acquisiti, prima dell’estrazione dentale e dopo 4 mesi di guarigione dall’intervento allocato, mediante una Cone Beam Computer Tomography (Newton VGI evo), hanno dimostrato che (fig. 2):

  • i siti lasciati guarire spontaneamente hanno presentato una contrazione morfologica di circa 3 mm in senso orizzontale (43% della dimensione orizzontale totale), con una riduzione maggiore (2,5 mm.) nella parte più coronale vestibolare;
  • i siti trattati mediante una preservazione alveolare hanno presentato una contrazione orizzontale significativamente inferiore (19% della dimensione orizzontale totale), con una riduzione nell’aera vestibolare coronale di 1 mm;
  • i siti trattati mediante inserimento implantare immediato e preservazione alveolare hanno presentato risultati simili (riduzione di 1,3 mm, equivalente al 15% della dimensione orizzontale totale) a quelli trattati dalla sola preservazione alveolare.

Fig. 2 CBCT al baseline e a 4 mesi: a) guarigione spontanea; b) preservazione alveolare; c) preservazione alveolare+impianto immediato

Dai risultati di questo studio si è potuto quindi concludere come un inserimento implantare immediato associato a una tecnica di preservazione alveolare possa condurre, in casi selezionati (presenza di 4 pareti dopo estrazione dentale, con una parete vestibolare di almeno 1 mm di spessore), a una riduzione sia dei rischi estetici (data la minore contrazione morfologica della cresta) sia dei tempi di trattamento (vista l’anticipazione della fase di inserimento implantare).

Quanto  presentato è la sintesi del lavoro premiato com  miglior ricerca clinica presentata nel campo della biologia peri-implantare, il riconoscimento attribuito dalla European Academy for Osseointegration (EAO), la società scientifica europea di implantologia dentale, al dottor Marco Clementini, assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Odontoiatria dell’Università Vita-Salute San Raffaele. Il premio è stato assegnato durante il Congresso annuale tenutosi a Vienna dall’11 al 13 Ottobre.


Articoli correlati

La domanda in odontoiatria è di quelle che possono fare discutere per mesi: è meglio provare a preservare un elemento dentale con ogni mezzo possibile o posizionare un impianto osteointegrato? Vi...

di Simona Chirico


Edentulia dei mascellari sarà una delle sfide che l’odontoiatria italiana dovrà affrontare sia dal punto di vista della qualità di vita dei pazienti che per gli aspetti economici e...


Quando la tecnologia elide l'imperfezione, nel rispetto dell'idea di tempo ben speso, è allora che la sintesi tra intelligenza artificiale e umana conquista vette altissime. Altrimenti si riduce ad...


“La presenza di placca in un sito implantare determina un rischio aumentato di circa 14,3 volte di insorgenza e progressione di una perimplantite”, ad evidenziarlo è il vice presidente...


Altri Articoli

Italiani confermano di preferire per gli acquisti la grande distribuzione mentre calano le vendite in farmacia. Crescono gli acquisti online


Un corso FAD EDRA (25 crediti ECM) fa il punto sulla diagnosi e cura delle patologie periapicali di origine endodontica. Il Corso è curato dal prof. Fabio Gorni


Seeberger (FDI): decisione storica, ora la si deve mettere in pratica in ogni singola Nazione per ridurre le disuguaglianze in tema di salute


Il Segretario Magenga risponde alla lettera del presidente Di Fabio sui requisiti necessari in tema di istruzione per  accedere al corso per ASO 


Una Delibera del Comitato Centrale sottolinea come non sia un documento ufficiale FNOMCeO ma un documento “tecnico di sintesi” elaborato autonomamente dalla CAO


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi