HOME - Implantologia
 
 
30 Gennaio 2019

Rialzo del seno mascellare e complicanze infettive. Quale antibiotico somministrare? 

di Lara Figini


L’intervento di rialzo del seno mascellare è dimostrato essere una metodica sicura ed efficace per creare e ottimizzare la formazione di osso per il posizionamento degli impianti nei casi di seni pneumatizzati. Tuttavia, talvolta può comportare complicanze intra- e post-operatorie, quali infezione, che possono influenzare i risultati chirurgici.

L'infezione può verificarsi in due modi: infezione dell'innesto situato sotto alla membrana sinusale rialzata e infezione del seno stesso. Nei casi in cui compare infezione, diventa necessaria la somministrazione di antibiotici.

Ma quale tipo di antibiotico prescrivere in questi casi? Un antibiogramma della flora batterica presente nel seno mascellare fornirà specifiche informazioni su cui basare efficacemente il trattamento antibiotico.

Tipologia di ricerca e modalità di analisi
In uno studio pubblicato su Clinical Oral Implants Research di novembre 2018, gli autori hanno utilizzato antibiogrammi per determinare l'antibiotico di scelta per il trattamento delle infezioni nei pazienti sottoposti a chirurgia di rialzo del seno mascellare.

Un totale di 174 pazienti (90 donne e 84 uomini) con un'età media di 55,92 anni è stato sottoposto a 227 interventi di rialzi del seno. Dopo il sollevamento della membrana gli autori hanno raccolto un campione batterico dal pavimento del seno mascellare con un batuffolo di cotone

Il campione prelevato è stato quindi posto in una cultura di agar di sangue e agar di cioccolato e incubato per 48 ore a 37 °C. Successivamente, sono state eseguite le analisi microbiologiche. Gli antibiogrammi sono stati eseguiti per ciascuna coltura positiva per identificare l’antibiotico più sensibile.

Gli antibiotici sono stati raggruppati secondo il loro meccanismo d'azione in:

  • beta-lattamici (penicilline);
  • beta-lattamici (cefalosporine);
  • macrolidi;
  • chinoloni;
  • fosfomicina;
  • aminoglicosidi o trimetoprim-sulfametossazolo.

Risultati
Di 227 colture, il 18,1% è risultato batterio-positivo. Il 45% delle colonie batteriche presenti era del genere Streptococco, la maggior parte dei quali apparteneva al gruppo dello Streptococcus viridans (61,1%). I batteri analizzati mostravano una maggiore resistenza ai macrolidi e una maggiore sensibilità a penicilline, cefalosporine e ciprofloxacina.

Gli antibiotici che hanno mostrato la maggior efficacia sono risultati essere, in ordine: ampicillina, amoxicillina-acido clavulanico e ciprofloxacina.

Conclusioni

Sulla base degli antibiogrammi eseguiti in questo studio, gli antibiotici a maggiore efficacia contro le possibili complicanze infettive negli interventi di rialzo del seno mascellare sono i seguenti: ampicillina, amoxicillina-acido clavulanico,e ciprofloxacina.

Implicazioni cliniche
Clinicamente, gli antibiogrammi si sono rivelati utili in quanto permettono la prescrizione di antibiotici specifici per risolvere possibili infezioni del seno mascellare post-operatorie.

Per approfondire

Carreño Carreño J, Gómez-Moreno G, Aguilar-Salvatierra A, Martínez Corriá R, Menéndez López-Mateos ML, Menéndez-Núñez M. The antibiotic of choice determined by antibiogram in maxillary sinus elevation surgery: A clinical study. Clin. Oral Impl Res 2018;29:1070-6.

Articoli correlati

Il monitoraggio a lungo termine delle condizioni dei tessuti molli e duri perimplantari è una parte cruciale nel raggiungimento del successo implantare. La precisa valutazione...

di Lara Figini


Pillole di evidenza scientifica per la pratica quotidiana è il nuovo approfondimento per i lettori di Odontoiatria33 curato dal prof. Esposito. Oggi si parla di impianti


Semplicità è la parola chiave della nuova gamma di micromotori per implantologia e chirurgia orale sviluppata da Bien-Air Dental


Quali le maggiori cause di problemi legati ad un intervento implantare. Intervista doppia sul tema al presidente SIdP Mario Aimetti e al presidente IAO Alfonso Caiazzo 


Sebbene la densità ossea al sito di posizionamento implantare sia un fattore determinante per il successo dell’impianto, i metodi quantitativi attualmente disponibili per...

di Danilo Alessio Di Stefano


Altri Articoli

Storica sentenza di un tribunale australiano nei confronti di un anonimo paziente che invitava a stare alla larga da uno studio dentistico. Google dovrà fornire le generalità


Deferiti dai NAS di Milano all’Autorità Giudiziaria per trattamenti con la tecnica PRP senza autorizzazioni dei centri trasfusionali pubblici


E’ corsa contro il tempo, ma vi sarebbero le condizioni per arrivare a modificare il Decreto prima della scadenza del 21 aprile 2020


I due sindacati odontoiatrici non parlano delle possibili modifiche ma si dicono fiduciosi e plaudono le Istituzioni per aver attivato un confronto per risolvere le criticità


Sostenuto anche dalle Regioni Ordini professionali e società scientifiche per informare i cittadini. L’invito è quello di diffonderlo per migliorare l’informazione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni